Alla scoperta de “I Mesi di Ferrara e l’alimentazione nel Medioevo” con lo storico Massimo Montanari

Giovedì 28 novembre alle 17.30 a palazzo Bonacossi (via Cisterna del Follo 5). Ingresso gratuito

FERRARA – “I Mesi di Ferrara e l’alimentazione nel Medioevo” è il titolo della conferenza di Massimo Montanari in programma per giovedì 28 novembre 2019, ore 17.30, a Palazzo Bonacossi (via Cisterna del Follo 5, Ferrara) nell’ambito del ciclo di incontri dedicati a ‘L’immagine del tempo: arte, natura e alimentazione nelle Formelle dei Mesi’, quinta edizione di ‘Anatomia di un capolavoro. Storia, stile e iconografia nelle opere del Museo della Cattedrale’. L’ingresso è libero.

Lo storico Massimo MontanariLA SCHEDA a cura degli Musei di Arte antica, sacra e storico scientifici – Si conclude con un relatore di prestigio assoluto il ciclo 2019 di ‘Anatomia di un capolavoro. Storia, stile e iconografia nelle opere del Museo della Cattedrale’, dedicato allo stupefacente calendario di pietra costituito dalle Formelle del Maestro dei Mesi. Ospite dell’ultimo appuntamento di quest’anno è, infatti, il grande storico Massimo Montanari.
Quando esaminiamo un’opera d’arte ci soffermiamo empaticamente sul suo stile e sulla sua capacità di emozionarci. Eppure le opere d’arte, esattamente come i documenti d’archivio, sono “testimoni oculari” della storia, riflessi significativi del loro tempo. In questa prospettiva, i Mesi del Museo della Cattedrale di Ferrara pongono quesiti essenziali a chi le osserva: come si nutriva l’uomo del medioevo? Qual era il suo rapporto con il cibo? Come interagiva, usava o subiva la natura in relazione alla propria sopravvivenza? A questi e ad altri interrogativi darà risposta il professor Montanari con la ‘Lectio magistralis’ dedicata a “I Mesi di Ferrara e l’alimentazione nel Medioevo” che si terrà giovedì 28 novembre alle 17.30 a Palazzo Bonacossi.

Medievista della scuola di Vito Fumagalli e tra i massimi esperti a livello internazionale di storia dell’alimentazione, Massimo Montanari insegna Storia dell’alimentazione all’Università di Bologna, dove è anche direttore del master “Storia e cultura dell’alimentazione”. Attento ai rapporti fra terra e società, fra contado e città, fra le forme del territorio, la mentalità e gli usi delle genti, ha approfondito gli studi sulla storia dell’alimentazione in relazione con le modifiche e le vocazioni del territorio. La qualità della sua vastissima produzione scientifica ha portato nel 2002 il Presidente della Repubblica Azeglio Ciampi a insignirlo del titolo di Ufficiale all’onore della Repubblica per meriti scientifici, cui è seguito, nel 2012, il “Premio Rabelais” assegnatogli dall’Istituto di Francia come riconoscimento per l’attività di ricercatore e divulgatore della cultura del cibo.
Questa edizione di ‘Anatomia di un capolavoro’ è organizzata dal Museo della Cattedrale in collaborazione con la Fondazione Ferrara Arte e Il Museo. Dentro e intorno (Dipartimento di Studi Umanistici – TekneHub – Università degli Studi di Ferrara).

Per info: www.comune.fe.it/museocattedrale, tel. 0532 244949,

email diamanti@comune.fe.it

Per leggere tutto il programma del ciclo di conferenze dedicate quest’anno a “Arte, natura e alimentazione nelle formelle dei mesi” vedi la paginadi CronacaComune dell’8 novembre 2019.

Nelle foto la scultura del Maestro dei Mesi di Ferrara che rappresenta “Luglio (la trebbiatura)” (1225-30, marmo, Museo della Cattedrale, Ferrara) e lo storcio Massimo Montanari che sarà relatore della conferenza