Al Chiostro di San Francesco va in scena “Dante e le vie degli ebrei” (FOTO)

10

Uno spettacolo in canti, tra storie e poesia, Inferni e promesse del Paradiso

CESENA – Paesaggi sconfinati di vita e di poesia tra Dante e l’ebraismo. Testi, racconti, immagini e musiche che condurranno lo spettatore dal Medioevo ai tempi moderni in un racconto a due voci: il mondo ebraico e Dante Alighieri, il poeta che afferma la priorità della lingua ebraica. Giovedì 17 giugno, alle 21.30, al Chiostro di San Francesco andrà in scena “Dante e le vie degli ebrei”, uno spettacolo de Il Ruggiero, prodotto dal Museo ebraico di Bologna e patrocinato dal Comune di Cesena in collaborazione con l’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Forlì-Cesena. Nel corso della serata, Emanuela Marcante e Daniele Tonini seguiranno Dante nel suo ultimo approdo, Ravenna e ancor prima nel suo peregrinare tra Bologna e la Romagna, terra piena di presenze e storie degli ebrei, da Forlì (la città di Guido Bonatti, astronomo e astrologo posto nell’Inferno) a Cesena. Saranno inoltre con Dante nello scenario della poesia, della Bibbia e della mistica ebraica nel nome di Manoello Romano, autore di un’opera dal titolo quanto più dantesco L’Inferno e il Paradiso fino ad approdare al Dante mito dell’Unità d’Italia, fatto proprio dagli ebrei italiani risorgimentali giungendo quindi al secolo dell’Olocausto in cui Dante sarà compagno nelle persecuzioni e nell’inconcepibile disumanità dei campi, come per Primo Levi: “Considerate la vostra semenza: Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza. Come se anch’io lo sentissi per la prima volta: come uno squillo di tromba, come la voce di Dio. Per un momento, ho dimenticato chi sono e dove sono” (da Se questo è un uomo).

Uno spettacolo de Il Ruggiero in testi, musiche, video, immagini. Ideazione e regia di Emanuela Marcante e Daniele Tonini. Testi di Dante, dalla Bibbia, di Manoello Romano, Yehuda Romano, Moshe Zacuto, Primo Levi, Franz Werfel e altri. Narrazioni originali di Emanuela Marcante. Per informazioni e prenotazioni contattare l’Associazione Amici della Musica allo 329 8725018 oppure ad amicidellamusicabonci@libero.it.

Il Ruggiero, struttura performativa e di ricerca nasce nel 1993 a Bologna, a cura di Emanuela Marcante e Daniele Tonini, per narrare con parole e musica, per fare teatro e creare nuovi percorsi visivi, ricercare culturalmente e artisticamente, reinventare e portare sulla scena personaggi, storie, percorsi del pensiero sempre in intreccio forte con la musica e il visivo. Il nome Il Ruggiero collega il Rinascimento del cantar ottave dell’Orlando Furioso (una delle arie su cui si intonavano i versi era la cosiddetta Aria di Ruggiero) alla contemporaneità.

Emanuela Marcante ha condotto studi teatrali, musicali e filosofici, ha lavorato come pianista, fortepianista e clavicembalista, direttrice d’orchestra, ideatrice e scrittrice di spettacoli e regista in Italia, Europa e in America. Lavora a nuove scritture di testi e alla creazione di nuove produzioni multimediali, e alla messa in musica e alla creazione di spettacoli su testi poetici. Daniele Tonini ha studiato teatro e canto con Lajoz Kozma, Claudio Desderi, Carlo Bergonzi, Leo Nucci, ha preso parte a numerose produzioni operistiche da Monteverdi al Novecento in Italia, Europa e Nord America, si occupa di teatro e canto dal Medioevo al contemporaneo.

Per tutte le altre informazioni: http://www.ilruggiero.it/lanterne-magiche/dante-e-le-vie-degli-ebrei/#