Across the Movies Oasis Knebworth 1996 il 22 agosto all’Arena san Biagio di Cesena

15
UNITED KINGDOM – JANUARY 01: Photo of OASIS; L-R: Noel Gallagher, Paul ‘Guigsy’ McGuigan, Paul ‘Bonehead’ Arthurs, Tony McCarroll, Liam Gallagher – Posed, studio, group shot with first line up (Photo by Gered Mankowitz/Redferns)

CESENA – Ritorna la rassegna Across The Movies lunedì 22 agosto alle ore 21.00 sempre nell’affascinate cornice dell’Arena San Biagio di Cesena in Via Serraglio 20 con un interessante appuntamento dedicato alla figura di una delle icone del Brit Pop la band degli Oasis . Fulcro della serata sarà la proiezione del film concerto diretto dal vincitore del Grammy Award Jake Scott, Oasis Knebworth 1996 ovvero la storia del rapporto speciale tra gli Oasis e i loro fan, un rapporto che ha reso possibile il più grande concerto degli anni ’90, che viene raccontato attraverso gli occhi degli spettatori che vi hanno preso parte e che è ricostruito grazie a materiali d’archivio e filmati di backstage, interviste aggiuntive alla band e agli organizzatori del concerto. Sul palco della rassegna realizzata da Monogawa e dalla fumetteria Panda Comix salirà in apertura di serata il duo Miscellanea Beat di Gionata Costa e Massimo Marches che nella loro insolita formazione con violoncello e chitarra acustica daranno vita ad un interpretazione originale ed unica di alcuni brani dei fratelli Gallagher. In quattordici anni di carriera discografica, dal 1994 al 2008, gli Oasis hanno venduto oltre 70 milioni di album nel mondo, con 22 singoli consecutivi nella Top Ten inglese e sette album al primo posto. Basterebbero questi numeri per renderli una delle band più influenti della storia del rock. Dallo scantinato della Manchester operaia alle arene di mezzo mondo. Una vita celebrata e criticata, sempre sotto la luce dei riflettori. A distanza di poco più di vent’anni dai primi vagiti del “fenomeno Oasis” Across The Movies ha deciso di dedicare una serata ai fratelli Gallagher per svelare il cuore, l’anima e la follia degli Oasis, la band leggendaria che ha cambiato il suono di una generazione.

Si inizia alle ore 21.00 e la pellicola sarà preceduta dalle parole introduttive di Luigi Bertaccini, che prima della proiezione, guiderà il pubblico dentro a questo documentario che si trasformerà in un potente promemoria per i fan vecchi e nuovi, per rivivere l’euforia e il senso di unione e condivisione che solo un grande concerto può regalare. Oasis Knebworth 1996 è una gioiosa e toccante celebrazione cinematografica di uno dei concerti dal vivo più iconici degli ultimi 25 anni, un documentario impregnato di musica e delle esperienze dei fan durante quel monumentale fine settimana. Le due serate da record degli Oasis a Knebworth si sono svolte infatti il 10 e 11 agosto 1996, con oltre 250.000 giovani appassionati provenienti da tutto il mondo che si sono riuniti a Knebworth Park, nell’Hertfordshire. I biglietti sono stati messi in vendita l’11 maggio 1996. Durante la notte, lunghe code si sono formate fuori dai negozi di dischi e fuori dalle biglietterie locali, mentre i fan di tutto il mondo hanno trascorso la loro giornata attaccati ai telefoni fissi cercando di mettersi in contatto con i numeri per la prenotazione che risultavano costantemente occupati. Tutti i biglietti sono andati esauriti in meno di 24 ore, battendo ogni record al botteghino del Regno Unito. Gli organizzatori hanno stimato che potenzialmente la band avrebbe potuto vendere il doppio o il triplo dei biglietti, tale fu la richiesta del pubblico in quelle giornate. Oltre il 2% della popolazione del Regno Unito tentò in quell’occasione di acquistare i biglietti dell’evento. Gli show prendevano il via in un Regno Unito che si stava lentamente riprendendo da un decennio di recessione. Dopo gli anni ’80, l’umore della nazione stava cambiando. La rinascita culturale stava dando origine a Cool Britannia e, nella loro ascesa fulminea, gli Oasis incarnarono quel ritrovato ottimismo e quella rinnovata, energetica spavalderia. In due anni, a partire dalla loro Manchester, gli Oasis erano diventati una delle più grandi band del mondo e, al pubblico accorso a vederli che si rispecchiava nei cinque uomini sul palco, tutto sembrava possibile. Con una scaletta fittissima dall’inizio alla fine, con “Columbia” e “Acquiesce” fino a “Champagne Supernova”, “Don’t Look Back In Anger”, “Live Forever”, con un’orchestra trionfante supportata da “I Am The Walrus”, e la prima canzone degli anni ’90 a superare un miliardo di stream su Spotify, “Wonderwall”, i concerti di Knebworth sono stati l’apice del successo della band ma anche il raduno di riferimento per un’intera generazione. Liam Gallagher spiega: “Knebworth per me è stata la Woodstock degli anni ’90. Riguardava la musica e le persone. Non ricordo molto, ma non lo dimenticherò mai. Si trattò di un momento biblico“. Noel Gallagher aggiunge: “Non posso credere che non abbiamo mai suonato Rock ‘n’ Roll Star!” Oasis Knebworth 1996 permette a generazioni di fan che non hanno potuto assistere a questo spettacolo iconico di sperimentare l’energia e l’impatto della performance degli Oasis, che 25 anni fa ha davvero scosso Knebworth”. Marc Allenby di Trafalgar Releasing ha dichiarato: “Il successo e la continua eredità degli Oasis hanno definito una generazione come poche band hanno fatto nella storia della musica.

Ad impreziosire ulteriormente la serata sarà la presenza dei Miscellanea Beat, un duo nato nel 2011 dall’incontro tra Gionata Costa, violoncellista e membro fondatore dei Quintorigo e dal cantautore Massimo Marches già chitarrista e cantante delle Officine Pan che si esibiranno dal vivo e porteranno solo al pubblico di Across the Movies inedite e originali cover degli Oasis. L’obiettivo del duo è quello di riproporre con una formazione tipicamente “acustica”, ovvero chitarra, voce e violoncello, i brani dei grandi artisti che hanno fatto la storia del rock o, più in generale, della musica definita ‘leggera’. Questo duo romagnolo si è lanciato in una sfida affascinante che supera il pregiudizio sulle cover e stupisce per la freschezza, un’operazione coraggiosa che smonta e ricostruisce brani che hanno segnato un’epoca. Nella musica classica trovare interpreti diversi che eseguono uno stesso brano è la regola. Nel jazz i musicisti danno agli standard un’impronta personalissima con la loro esecuzione. Proprio queste tipologie di approccio alla musica, più tipiche del jazz e della classica, sono una caratteristica del lavoro dei Miscellanea Beat, Il loro album d’esordio si intitola Within the Beatles ed è interamente dedicato al quartetto di Liverpool quindici brani di una band che ha segnato un’epoca, le cui musiche e testi sono ormai patrimonio di tutti realizzati con una formazione “elettro-acustica” che oltre a violoncello voce e chitarre vede l’utilizzo di effetti e campionamenti.

PROSSIMI APPUNTAMENTI:

  • Lunedì 29 agosto: GLI STATI UNITI CONTRO BILLIE HOLIDAY

ACROSS THE MOVIES

summer edition 2022

Storie di musica attraverso il cinema

Rassegna di cinema musicale d’autore

ARENA SAN BIAGIO CESENA

28 giugno – 11 luglio e 8 – 22 -29 agosto

Lunedì 22 agosto ore 21.00

OASIS KNEBWORTH 1996

Ospiti musicali dal vivo MISCELLANEA BEAT