A Bologna il 4 settembre concerto di Maurizio Barbetti e Donato D’Antonio

BOLOGNA – Incanterà ascoltatori e viaggiatori di passaggio per l’Aeroporto Marconi di Bologna, il concerto con Maurizio Barbetti alla viola e Donato D’Antonio alla chitarra, in programma per mercoledì 4 settembre (ore 18) presso la Business Lounge dell’Aeroporto. Il Duo proporrà Around un affascinante viaggio tra le mistiche note del compositore estone Arvo Pärt, il folklore di Bartok, il grande cuore dell’armeno Mansurian, la vivacità di Castelnuovo Tedesco e il brioso ritmo di Britten.

Si parte con lo Spiegel im Spiegel (Specchio nello specchio) scritto da Arvo Pärt nel 1978, classico esempio di musica minimalista, recentemente utilizzato da Alfonso Cuaron come sfondo sonoro del film Gravity, in cui galleggiano gli astronauti Stone e Kowalsky (Sandra Bullock e George Clooney). Seguono le Hungarian folk songs di Bela Bartok, pioniere dell’etnomusicologia, una collezione di canzoni popolari ungheresi arrangiate da Bartok per voce e piano e qui riproposte per viola e chitarra. Arriva poi la minimale e intensa Vier hayren dell’armeno Tigran Mansurian, che gioca su spazi vuoti e pieni della musica, laconica, essenziale come una preghiera. Altro brano malinconico The Divan of Moses-ibn-Ezra op. 207 di Mario Castelnuovo Tedesco: si tratta di una raccolta di poesie del poeta spagnolo Moses-Ibn-Ezra (1055-1135), che Castelnuovo, vicino al poeta spagnolo perché come lui costretto all’esilio a causa delle sue origini ebraiche, scelse di tradurre in musica nel 1966. Si chiude con le Folksongs di Benjamin Britten, una serie di geniali arrangiamenti di canti popolari inglesi, irlandesi, scozzesi e francesi.

Il concerto è affidato alla bravura e alla maestria di due affermati solisti. Maurizio Barbetti si è formato sotto la guida di due grandi maestri, Stefan Georghiu e Irvine Arditti che nel 1992 gli ha consegnato il Darmstadt Preis. Vincitore del prestigioso Premio Internazionale di interpretazione Iannis Xenakis di Parigi, dal 1992 Barbetti si dedica al concertismo e si esibisce come solista nelle più importanti sale del mondo, spesso accompagnato da prestigiosi gruppi (tra questi l’Ensemble Koln di cui è stato prima viola solista dal ’92 al ’96) e da importanti orchestre. Ha al suo attivo numerose incisioni per le etichette discografiche Stradivarius (Milano), Mode Records (New York) e Col Legno di Baden Baden. Il suo ultimo cd dedicato a Kurtag è stato recensito con 5 stelle da “The Irish Time” e da “The Indipendent London”.

Donato D’Antonio chitarrista eclettico, si esibisce sia come solista che con formazioni cameristiche stabili in sale da concerto e teatri in tutto il mondo e in occasione di festival, eseguendo prime assolute in rassegne di musica contemporanea e importanti stagioni concertistiche. E’ componente delle formazioni Open Quartet, Tango Tres e Grupo Candombe e si esibisce stabilmente in duo con il violinista Roberto Noferini, il flautista Vanni Montanari e il chitarrista TiiT Peterson. E’ il curatore musicale del Museo Carlo Zauli e il coordinatore artistico della Scuola Comunale di musica G. Sarti di Faenza.

Ingresso
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria entro il 2 settembre:
– tramite email all’indirizzo eventi@bologna-airport.it
– sul sito www.erfestival.org oppure telefonica a ERF 0542 25747

GRAZIE AL SOSTEGNO DI
Aeroporto di Bologna; MBL Vip Lounge Bologna Airport

PROGRAMMA
Arvo Pärt
Spiegel im Spiegel *

Béla Bartók
Hungarian folk songs

Tigran Mansurian
Vier Hayren *

Mario Castelnuovo Tedesco
The Divan of Moses-ibn-Ezra op. 207

Benjamin Britten
Folksongs

* trascrizione per viola e chitarra di Paolo Geminiani

CURRICULUM ARTISTI
MAURIZIO BARBETTI Dopo il Diploma di viola frequenta i Ferienkurse di Darmstadt studiando con Stefan Georghiu e Irvine Arditti; quest’ultimo gli consegnerà il Darmstadt Preis nel 1992. Nello stesso anno vince anche il Premio Internazionale di interpretazione Iannis Xenakis di Parigi. Ha insegnato nei Conservatori di Mantova, La Spezia, Matera, Istituto Pareggiato di Reggio Emilia e Accademia della Musica di Milano. Si è esibito come solista nelle più importanti sale del mondo: La Scala di Milano; Filarmonica di Berlino; Radio di Berlino; Mozarteum di Salisburgo; Opera di Nizza; Biennale di Venezia; Fondazione Gulbenkian di Lisbona; Amburgo (Staatsoper); Cochrane Theater di Londra; Darmstadt; Koln (Wdr); Witten, Francoforte; Hannover; Heilbronn; Rottenburg (Sudwestfunk); Wurzburg; Bonn; Bremen (Radio Bremen); Dresda; Lipsia; Monaco (Konzerthaus, registrando per la Bayerisher Rundfunk il concerto per viola di K.K. Hubler diretto da Robert HP Platz); Friburgo; Baden Baden; Bamberg; Belfast (Bbc); Parigi (Radio France); Strasburgo (Parlamento Europeo); Lyon (Grame); Orleans (Semaines Musicales Internationales); Lille; Siena (Accademia Chigiana); Auditorium di Milano; Roma (Teatro Nazionale); Conservatorio di Milano; Venezia (Sonopolis, Teatro La Fenice); Ravenna Festival; Torino; Madrid (Centro Bellas Artes; Centro Reina Sofia); Oporto; Mexico (Festival Internacional Cervantino); Rotterdam (Igic); Tel Aviv; Jerusalem; Bucharest (Ateneum); Innsbruck (Konservatorium); Finland (Time of Music); Vienna; Sapporo; Tokyo……. spesso accompagnato da prestigiosi gruppi come l’Ensemble Koln (di cui è stato prima viola solista dal ’92 al ’96); l’Ensemble Recherche Freiburg; Ensemble Concorde Dublin; Icarus Ensemble; Roma Sinfonietta; Monesis Ensemble; Modus Novus di Madrid e da importanti orchestre come Orchestra dell’Opera di Nizza; Orchestra della Radiotelevisione di Dublino, Orchestra Internazionale d’Italia; Euroasian Philarmonic Orchestra di Seul. Ha eseguito in prima Irlandese “Chemins II” di Berio per viola e orchestra con l’Orchestra della Radiotelevisione di Dublino diretta da Friedrich Goldmann. Il Concerto è stato trasmesso in diretta dalla BBC Radio3. Particolarmente attento alla produzione di musica “nuova”, importanti compositori di tutto il mondo gli hanno dedicato opere per viola, tra questi Paul Mèfano, Ennio Morricone, Luis de Pablo e Horatiu Radulescu. Di Ennio Morricone ha eseguito e inciso in prima mondiale il suo concerto per viola e orchestra, di Luis de Pablo, ha recentemente eseguito in prima mondiale il brano “Anatomias” per viola e ensemble al Centro Reina Sofia di Madrid. Ha Collaborato col “Living Theatre” di New York e con Philippe Daverio per la realizzazione degli eventi “Bologna si rivela” e “Palermo si rivela”. Maurizio Barbetti ha tenuto Master Class in importanti istituzioni come all’Irino Prize Foundation di Tokyo; Kunitachi College of Music (Tokyo); Tokyo Gakugei University; Toho Gakuen College of Drama and Music (Tokyo); Viitasaari Summer Academy (Finlandia), il Centro Nacional de Bellas Artes di Città del Messico; The Lucero Master Class a Parigi. Ha registrato per la Sudwestfunk; SFW di Berlino; WDR di Colonia; Radio France; Radiotelevisione Irlandese; Swisse Romande; Rai, Rai Sat oltre che per gli enti radiofonici e televisivi inglesi, messicani, giapponesi, austriaci, israeliani. Ha inoltre inciso, fra le altre, per le etichette discografiche Stradivarius (Milano), Mode Records (New York) e Col Legno di Baden Baden. Il suo ultimo cd dedicato a Kurtag è stato recensito con 5 stelle da “The Irish Time” e da “The Indipendent London”.

DONATO D’ANTONIO Musicista versatile, si è esibito in sale da concerto e teatri come Leopold Mozart Saal e Wiener Saal (Salisburgo), Morse Hall/Hunter Music (New York), Palau de la musica (Valencia), Legacy Hall (Columbus USA), Uragami Hall (Hagi – Giappone), Teatro Lope de Vega (Siviglia), Teatro Isabelita (Granada), Alvar Aalto City Theatre (Seinajoki), Teatro Municipal (Valparaiso), Teatro Heredia (Santiago de Cuba), Teatro Ariosto (Buenos Aires), Castello Louis XI (La Cote St. André), Teatro do Sesc e Teatro Pedro II (Santos e Riberao Preto – Brasile). Affronta con consapevolezza e proprietà di linguaggio specifico repertori eterogenei collaborando stabilmente con le seguenti formazioni cameristiche: Open Quartet, Tango Tres, Grupo Candombe e in duo con il flautista Vanni Montanari, il violinista Roberto Noferini e il chitarrista Estone Tiit Peterson. Ha suonato con positivi consensi di pubblico e critica in Italia e all’ Estero (Argentina, Austria, Croazia, Brasile, Cile, Cuba, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Marocco, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, USA, Canada) e in occasione di festival, rassegne, stagioni ed eventi musicali come: Ravenna Festival, Roma Europa Festival, Cantieri della Zisa, Fondazione Rockefeller, Emilia Romagna Festival, Festival Internazionale del Caribe, V, VI, VII VIII e IX Vertice mondiale del Tango, Concerti dell’ alba, Giubileo degli artisti, Da Bach a Bartok, Todi Festival, Dedicato a Segovia, Pievi e castelli in musica, Festival di Lipica, Tallinn Guitar Festival, Musiche in Mostra, Le cinque giornate, Salone del mobile, Festival LED, 47° Festival Musica Nova. Ha effettuato concerti insieme al flautista Massimo Mercelli, alla virtuosa americana Sharon Isbin, ai chitarristi Marko Feri (Slovenia) e Gustavo Costa (Brasile), agli attori Ivano Marescotti, Ruggero Sintoni, Paola Baldini, Enzo Vetrano, Stefano Randisi e Roberto “Freak” Antoni e in qualità di solista con le Orchestre Giovanile di Fiesole, Cherubini di Piacenza, Filarmonica USP dello Stato di S. Paolo. Ha partecipato a reading letterari insieme agli scrittori e poeti Maurizio Maggiani, Roberto Mussapi, Pier Luigi Berdondini, Monica Guerra, Ferruccio Brugnaro, Gian Ruggero Manzoni e ha sonorizzato opere degli artisti Mario Nanni e Mirco De Nicolò. Attivo nella musica contemporanea, ha lavorato con i compositori René Eespere, Shafer Mahoney, Aurelio Samorì, Franco Cavallone, Albino Varotti, Pierluigi Telli, Massimo Piva, Andreina Costantini, Giuseppe Cangini, Gian Paolo Luppi, Marco Biscarini, Paolo Geminiani, Daniele Furlati, Rossella Spinosa, Gianluca Baldi, Rubens Russomano Ricciardi, Martin Queralto, Hidehiko Hinohara, Fausto Razzi, Giorgio Colombo Taccani, effettuando dirette nazionali (RAI Radio Tre Suite e Radio National Argentina), registrazioni e prime esecuzioni di opere contemporanee per RAI Radio Tre, Radio Koper Capodistria e Radio Slovenia Uno. Ha inciso per Materiali sonori, Fare dollars music, Edizioni Borgatti, ERP, RMN music. Ha completato la sua formazione musicale diplomandosi in chitarra classica nel 1990 a pieni voti presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena. Ha frequentato per alcuni anni numerosi corsi di perfezionamento; fra gli altri: Pepe Romero al Mozarteum di Salisburgo, Pier Narciso Masi all’ Accademia Pianistica di Imola, Alirio Diaz, Manuel Barrueco, Oscar Ghiglia e Ruggero Chiesa, risultando vincitore di borse di studio e di concorsi chitarristici nazionali (Taraffo, Giovani Musicisti, Maddalena). Ha ultimato nel 2008, presso il Conservatorio “Gian Battista Martini” di Bologna e sotto la guida di Walter Zanetti, il biennio di specializzazione di II livello, laureandosi con il massimo dei voti con la tesi: “Manuel de Falla – Homenaje pour le tombeau de Claude Debussy”. È stato “Guest Professor” alla Columbus State university, alla Susquehanna University (USA) e alla USP di Riberao Preto (Brasile) e svolge attività didattica presso Istituzioni Musicali Statali in Emilia Romagna. È co-fondatore di Diatonia con cui si occupa dal 1996 di progetti legati all’ arte contemporanea, Curatore musicale del Museo Carlo Zauli e Coordinatore artistico della Scuola Comunale G. Sarti di Faenza.

XIX EMILIA ROMAGNA FESTIVAL – ERF
dal 6 luglio al 7 settembre 2019
MARCONI MUSIC FESTIVAL

Around
MAURIZIO BARBETTI viola
DONATO D’ANTONIO chitarra

Musiche di Arvo Pärt, Béla BartóK, Tigran Mansurian,
Mario Castelnuovo Tedesco, Benjamin Britten

Mercoledì 4 settembre, ore 18.00
BOLOGNA Business Lounge dell’Aeroporto Guglielmo Marconi

WWW.EMILIAROMAGNAFESTIVAL.IT