22°EmiliaRomagnaFest: Il pianoforte a Vienna tra classicismo e romanticismo il 12 luglio a Forlì

29
Jin-Ju

FORLÌ – Martedì 12 luglio, nell’ambito di Forlì Grande Musica, alle ore 21.00 a Forlì presso l’Arena San Domenico, Jin Ju, astro sempre crescente nel panorama pianistico internazionale, presenta il primo secolo di vita del pianoforte con un concerto tutto incentrato su tre grandi compositori, Beethoven, Schubert e Brahms, che tra la fine del Settecento e i primi decenni dell’Ottocento hanno trasformato il “rozzo” e aspro forte-piano nel galante, energico, raffinato e virtuoso pianoforte.

Beethoven per primo con la Sonata quasi una fantasia in do diesis minore (Al chiaro di luna) op. 27 n. 2 pubblicata nel 1801, abbandona una scrittura ancora centrata sul forte-piano per passare ad esaltare le qualità del nuovo pianoforte. Infatti solo con il sistema meccanico del moderno pianoforte poteva raggiungere sonorità delicatissime per il suo celebre adagio del “Chiaro di luna”. 27 anni più tardi, Franz Schubert compone ben tre sonate per pianoforte tra cui la Sonata in do minore D 958. Questa riprenderà molto della lezione pianistica beethoveniana, e già dal primo tempo si possono udire dei richiami inequivocabili a Beethoven e anche all’ultimo Mozart. Con le Sette fantasie op. 116 di Johannes Brahms, si fa un salto di ben sessantaquattro anni: nel frattempo il pianoforte si è perfezionato tecnicamente e i compositori ne hanno già fatto un uso estremo, ricercando ogni possibilità espressiva. Brahms recupera qui un pianismo lirico, molto melodico, in parte si ricollega al suo mito Beethoven, con alcuni dei brani dell’op. 116 molto ispirati all’ultimo pianismo beethoveniano.

Riconosciuta dalla critica internazionale come una delle più interessanti artiste della sua generazione per la perfezione tecnica, la sensibilità appassionata e l’incredibile trasparenza dei dettagli narrativi, e valutata in Cina tra i più grandi virtuosi del suo Paese, Jin Ju si è affermata anche come uno dei nomi di maggior interesse internazionale nell’ambito dell’esecuzione su strumenti storici; recentemente è stata nominata “Artist resident” della prestigiosa Accademia Bartolomeo Cristofori di Firenze. Nata a Shanghai da una famiglia di musicisti, ha ottenuto il Diploma e il Master al Conservatorio di Pechino, il Master all’Accademia Pianistica Internazionale di Imola, il Diploma e Medaglia d’Oro in “Professional Performance” del Royal Northern Music College di Manchester ed è stata premiata in prestigiosi concorsi internazionali quali il Cajkovskij di Mosca e il Queen Elizabeth di Bruxelles. Nel 2009 ha tenuto un “concerto straordinario” presso la Sala Nervi di Città del Vaticano, davanti a 5000 persone e a Papa Benedetto XVI, trasmesso in mondovisione. È docente presso l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola e tiene numerose masterclass in Cina, Europa e Stati Uniti. Il 30 dicembre 2020 Jin Ju è stata insignita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella della prestigiosa onorificenza di “Cavaliere della Repubblica Italiana”.

In caso di maltempo : Duomo di Forlì, piazza del Duomo

Grazie al sostegno di:

Comune di Forlì – Fondazione Cassa di Risparmio di Forlì – Romagna Acque – Società delle Fonti

In collaborazione con: Fondazione Accademia Int.le di Imola “Incontri con il Maestro”

Ingresso
Intero € 10
Ridotto over 65 e fino a 25 anni € 7

Studenti fino a 25 anni € 5
Gratuità fino a 10 anni.

Programma

LUDWIG VAN BEETHOVEN

Sonata quasi una fantasia in do diesis minore (Al chiaro di luna) op. 27 n. 2

FRANZ SCHUBERT

Sonata in do minore D. 958

JOHANNES BRAHMS

Sette Fantasie op. 116

Curriculum artista

“Jin Ju è una dei migliori giovani pianiste che abbia sentito da anni. Il suo approccio entusiasmante e dinamico al far musica è semplicemente meraviglioso! …” Bernard Lee, Sheffield Telegraph. Riconosciuta dalla critica internazionale come una delle più interessanti artiste della sua generazione per la perfezione tecnica, la sensibilità appassionata e l’incredibile trasparenza dei dettagli narrativi, e valutata in Cina tra i più grandi virtuosi del suo Paese, Jin Ju è un astro sempre crescente nel panorama pianistico internazionale. Nata a Shanghai da una famiglia di musicisti, ha ottenuto il Diploma e il Master al Conservatorio di Pechino, il Master all’Accademia Pianistica Internazionale di Imola, il Diploma e Medaglia d’Oro in “Professional Performance” del Royal Northern Music College di Manchester ed è stata premiata in prestigiosi concorsi internazionali quali il Cajkovskij di Mosca e il Queen Elizabeth di Bruxelles. Si è esibita in alcune tra le più importanti sale da concerto, tra cui le Konzerthaus di Berlino e Vienna, la Sala Grande del Conservatorio di Mosca, il Palais de Beaux Arts di Bruxelles, Bridgewater Hall di Manchester, il Teatro della Pergola di Firenze, la Sala Verdi di Milano e tutte le principali sale da concerto delle maggiori stagioni cinesi; è stata fra l’altro tra le prime ad esibirsi nella Città Proibita. Ha collaborato in qualità di solista con importanti orchestre nei cinque continenti. Tra esse la China National Symphony Orchestra, la BBC Philharmonic, la Belgian National Orchestra, la Russian State Symphony, la Oslo Symphony Orchestra e molte altre. Jin Ju si è affermata anche come uno dei nomi di maggior interesse internazionale nell’ambito dell’esecuzione su strumenti storici; recentemente è stata nominata “Artist resident” della prestigiosa Accademia Bartolomeo Cristofori di Firenze. Nel 2009 ha tenuto un “concerto straordinario” presso la Sala Nervi di Città del Vaticano, davanti a 5000 persone e al Papa Benedetto XVI, trasmesso in mondovisione, presentando nella stessa serata musiche da Scarla a a Liszt su sette diversi strumenti d’epoca (dalla fine del sec. XVIII ai nostri giorni). Molto importante la sua presenza in discografia, che vanta la vittoria di un ECHO Klassik Award nel 2012 come Miglior Disco dell’Anno per l’etichetta tedesca MDG, della quale Jin Ju è “Exclusive Artist” dal 2010 e per cui ha già realizzato registrazioni di musiche di Beethoven, Schubert, Chopin, Schumann ecc. La sua incisione dello “Yellow River” Piano Concerto con la Macao Symphony Orchestra ha ottenuto una diffusione enorme in tutta la Cina, ed è stato inserito nella rosa dei primi 10 successi mondiali per la musica classica. Da ricordare anche il primo disco inciso in Occidente, uscito per l’etichetta Frame con l’integrale degli Studi di Debussy, accolto con grande entusiasmo dalle riviste specializzate. I suoi concerti sono stati trasmessi dalla radio e dalla televisione in tutto il mondo (NPR “Performance Today” negli USA, “Sky Classica” in Italia, “Canvas” in Belgio, BBC in Inghilterra). Dal 2008 la Televisione di Stato Cinese CCTV ha realizzato tre lunghi ed approfonditi documentari interamente dedicati alla sua vita e alla sua arte. Nel 2015 il suo CD (Frédéric Chopin-Late piano works I) ha vinto il prestigioso “GRAND PRIX DU DISQUE Frédéric Chopin” all’ottava edizione dell’International recording Competition awards. Jin Ju ha insegnato al Royal Northern Music College di Manchester, ed è stata membro di facoltà al Conservatorio Centrale di Pechino, dove attualmente è Guest Professor. È docente presso l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola e tiene numerose masterclass in Cina, Europa e Stati Uniti. Nel 2015 la prestigiosa “The Fryderyk Chopin Society” di Varsavia ha scelto il CD Mdg “Chopin: Late piano works” di Jin Ju come una delle tre migliori incisioni dell’anno, e la ha invitata a tenere un recital in occasione della cerimonia di premiazione dei CD selezionati. Il 30 dicembre 2020 Jin Ju è stata insignita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella della prestigiosa onorificenza di “Cavaliere della Repubblica Italiana”.        

WWW.EMILIAROMAGNAFESTIVAL.IT

XXII EMILIA ROMAGNA FESTIVAL

MUSIC HAS NO BARRIERS

5 luglio – 9 settembre 2022

IL PIANOFORTE A VIENNA

TRA CLASSICISMO E ROMANTICISMO

JIN JU, pianoforte 

Martedì 12 luglio – ore 21.00

Forlì – Arena San Domenico