11°Docunder30: ultime proiezioni + premiazione con party finale

Sunday. 4Programma 16 dicembre 2017 al Cinema Teatro Galliera di Bologna

BOLOGNA – Ultimo giorno di programmazione – sabato 16 dicembre – per Docunder30, primo e unico festival italiano dedicato agli “autori sotto i trent’anni” di cinema documentario, che chiuderà la sua XI edizione presso il Cinema Teatro Galliera, con premiazione e party conclusivo presso Le Stanze di Bologna. Un’appendice del festival si svolgerà il 19 dicembre al Cinema Boldini di Ferrara.

In apertura alle 14 la masterclass “Distribuzione nei cinema – la rivoluzione Movieday. Non vogliamo cambiare il mondo, ma solo il modo di vederlo” a cura di Luca Malgara, Producer of Marketing and Distribution di Movieday, un progetto innovativo di distribuzione che favorisce la scelta e la partecipazione diretta del pubblico, una nuova opportunità per registi e produttori indipendenti per la distribuzione nei cinema. Durante il corso, sarà raccontata la nascita e lo sviluppo della piattaforma e saranno analizzate le case history di film che hanno scelto Movieday. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.

Si prosegue alle 16 con la proiezione degli ultimi film in concorso, che saranno, come di consueto, accompagnati dai loro autori e a ingresso gratuito.

Il sisma del 2012 in Emilia è al centro del primo film in programma, 19 Maggio 2012, Mirandola (MO). Ultima Proiezione di Sebastiano Caceffo, regista formatosi sotto le Due Torri, che sceglie di approfondire una vicenda difficile, che ha scosso mediaticamente tutta la nazione ma che affligge ancora il cuore dell’Emilia. La sezione Intimacy si chiude alle 16.30 con il pluripremiato The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber, vincitore del 15°Molisecinema e di una menzione speciale al 31° Bolzano Film Festival Bozen, un film che affronta una vicenda personale di violenza tra le mura domestiche: assieme al collega Max Schlehuber, alla camera, la filmmaker bresciana Beatrice Segolini entra nella quotidianità dei suoi familiari, madre e due fratelli, cercando di rompere il tabù che vige sulla violenza del padre.

Per la sezione Global, alle 18, Arianna Azzolini presenta il suo lavoro, The singing Souls of Buli, ambientato a Città del Capo, è la storia di Buli una cantante e una sciamana, ma più di tutto una madre che vive nelle baraccopoli mantenendo le sorelle orfane, la figlia e il fratello minore. Segue alle 19 l’ultimo film in concorso, Sunday del giovanissimo fotografo e filmmaker messinese Danilo Currò, un documentario con protagonista Fasasi Sunday nigeriano, arrivato in Italia diciassettenne, che si racconta alla camera con la sincerità e l’ingenuità di un ragazzino, ma con la consapevolezza di chi ha visto i suoi compagni morire per mare. Il film è prodotto dalla Gran Mirci Film e presentato da Gabriele Muccino.

L’XI edizione di Docunder30 si concluderà con la premiazione sabato 16 dicembre, ore 21, presso Le Stanze in Via del Borgo di San Pietro 1, alla presenza del presidente di giuria Germano Maccioni, che assegnerà i premi concordati dalle 5 giurie. A seguire il party di chiusura con un momento musicale a cura dei ragazzi del Liceo Mu-sicale Lucio Dalla di Bologna.

Il festival farà un ulteriore tappa al Cinema Boldini di Ferrara, martedì 19 dicembre (ore 21), con la proiezione di due opere documentarie realizzate da giovani filmmaker, e premiate in importanti festival italiani e internazionali. Rèsce la lune di Giulia di Battista e Gloria Kurnik – vincitore alla seconda edizione di Aqua Film Festival, all’Italian Contemporary Film Festival di Toronto e al Festival di Stettino in Polonia – è un corto che tra fiction e documentario, racconta di Vittoria Giuliani, una delle ultime retare di San Benedetto, che ha imparato a creare reti da pesca sin da piccola. Moloch è invece il lungometraggio d’esordio del giovane regista bergamasco Stefano Pietro Testa, che si è aggiudicato il premio D.E-R come miglior documentario Visioni Doc all’ultimo festival Visioni Italiane di Bologna. Realizzato a partire da una collezione di VHS famigliari trovate in una discarica della provincia di Bergamo, il film è la storia di Roberto, sessantenne fuori dalle righe, fatta di esperienze e delusioni comuni, sino all’emergere di riflessioni sull’esistenza, la famiglia, la religione.

Per maggiori informazioni, sono a disposizione il sito www.dder.org, la pagina www.facebook.com/docunder30, e l’email info.docunder30@gmail.com.

INGRESSO
Cinema Teatro Galliera di Bologna
Tutte le proiezioni dei film in concorso sono a ingresso gratuito
Life, animated – biglietto unico 5,50 euro
Sono Guido e non Guido – biglietto intero 7,50 euro; biglietto Movieday 6,50 euro
Cinema Boldini di Ferrara
Ingresso Libero

Ufficio Stampa D.E-R
Michela Giorgini – cell 339 8717927 – giorginimichela@gmail.com

Docunder30 è realizzato da D.E-R Associazione Documentaristi Emilia-Romagna
Con il contributo dell’Assessorato alla cultura della Regione Emilia-Romagna
Con il patrocinio del Co

mune di Bologna, del Corso di Laurea Magistrale in Cinema, televisione e produzione multimediale – Università di Bologna,dell’ Associazione 100 Autori.
In collaborazione con Ecu Film Festival, Doc/it, Kinodromo, DAMS cinema Bologna,
Liceo Laura Bassi, Liceo musicale Lucio Dalla
Con la partnership di Adcom, Ulule, Movieday
Media partner Radio Città Fujiko, Emiliodoc
Con la partecipazione di Cinevasioni, Biografilm Festival, Visioni Italiane, viaemili@docfest, Reggio Film Festival, Bellaria Film Festival, FCP- Festival del Cinema di Porretta, DDB Distribuzioni dal basso

Docunder30_XI°edizione
Programma 16 dicembre 2017

Masterclass “Distribuzione nei cinema – la rivoluzione Movieday. Non vogliamo cambiare il mondo, ma solo il modo di vederlo”
Ultimi film in concorso
Premiazione e party conclusivo c/o Le Stanze

Cinema Teatro Galliera di Bologna