Tre “allontanamenti” nell’area del Policlinico di Modena

Controlli della Polizia municipale nella mattinata. I provvedimenti, assunti nei confronti di giovani rumeni, possibili grazie alle novità del Regolamento

polizia-municipale-MODENA – Tre nuovi provvedimenti di allontanamento sono stati emessi nella mattinata di oggi, giovedì 29 marzo, dalla Polizia municipale di Modena nell’ambito dei servizi di controllo che vengono svolti, in maniera coordinata con Polizia di Stato e Carabinieri, nell’area dell’Azienda ospedaliero universitaria Policlinico di via del Pozzo dove spesso gli automobilisti diretti al parcheggio segnalano la presenza di questuanti o parcheggiatori abusivi che con insistenza chiedono denaro.

Questa volta si tratta di tre cittadini rumeni tra i 25 e i 30 anni, già noti per questo tipo di attività, che dopo essere stati notati intorno alle 8 da una pattuglia in borghese dei Vigili di Quartiere della zona 3, sono stati intercettati poco dopo in via Campi. All’operazione, coordinata da un ispettore, hanno partecipato anche due operatori in divisa.

Nei confronti dei tre giovani è stato emesso un provvedimento di allontanamento per 48 ore ai sensi del nuovo articolo 6 del Regolamento di Polizia urbana, collegato disposto al decreto Minniti (L. n. 48/2017), che tra le aree urbane in cui si applicano le disposizioni di legge per contrastare illeciti che impediscono la fruizione degli spazi pubblici, ha inserito in modo specifico l’area comprendente le vie Del Pozzo, Emilia Est, Campi, Vignolese, Marzabotto, all’interno della quale si trova l’Azienda Ospedaliero-Universitaria.

Ad oggi sono stati circa una novantina gli ordini di allontanamento adottati dalla Municipale da quando è entrato in vigore il decreto, nell’agosto dello scorso anno. Una volta esecutivi, i verbali di accertate violazioni vengono trasmessi alla Questura di Modena per valutare l’applicazione di ulteriori misure restrittive a carico degli interessati.