Sapori in Biblioteca: “Dalla terra alla luna. Alchimie di colori, alchimie di ingredienti”

Incontro venerdì 18 marzo 2016, alle ore 16.30, a Palazzo Romagnoli

FORLÌ – Si chiude la rassegna di incontri Sapori in biblioteca con l’ultimo appuntamento a Palazzo Romagnoli a Forlì, venerdì 18 marzo alle ore16.30. L’iniziativa è promossa dall’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna in occasione della pubblicazione del volume Agricoltura e Alimentazione in Emilia Romagna. Antologia di antichi testi, a cura di Zita Zanardi (collana IBC “Immagini e Documenti”, Edizioni Artestampa, 2015). Nel Salone d’incontro di Palazzo Romagnoli si terrà la conversazione dal titolo “Dalla terra alla luna. Alchimie di colori, alchimie di ingredienti” con Elide Casali, storica della letteratura italiana, e Orlando Piraccini, studioso d’arte.

In occasione dell’incontro, che sarà introdotto dai saluti dell’Assessora alla Cultura, Elisa Giovannetti, verrà presentata la mostra “Cibo, tradizione e territorio nei documenti delle raccolte Piancastelli” a cura di Antonella Imolesi Pozzi, responsabile dei Fondi Antichi, Manoscritti e Raccolte Piancastelli, in cui sarà esposta una selezione di volumi, documenti, incisioni e rarità bibliografiche provenienti dai Fondi Antichi della Biblioteca comunale “Aurelio Saffi” che consentiranno ai visitatori di conoscere l’aspetto economico e culturale delle campagne romagnole dagli anni della riforma post-tridentina al primo Novecento. La mostra sarà visitabile negli orari di apertura di Palazzo Romagnoli fino al 10 aprile 2016.

A partire dai trattati di agricoltura Elide Casali porrà in rilievo la distinzione tra l’agricoltura “necessaria” che riguarda le operazioni più faticose e dure proprie dei lavoratori della terra: come arare, zappare, vangare; e l’agricoltura “dilettevole” che si riconosce in modo particolare nell’arte dell’innestare, propria a signori e gentiluomini proprietari di campagna. Nello stesso tempo verrà sottolineata la dicotomia tra cibi per palati rustici (dei villani) e cibi per palati delicati (dei gentiluomini). A qualsiasi classe sociale appartenessero, tuttavia, gli uomini dell’età preindustriale erano accomunati dall’atteggiamento di guardare il cielo: secondo l’antica divinatio vulgaris che consisteva nella conoscenza dei signa celesti di lontanissima tradizione scritta e orale che nei secoli è andata a fondersi nei saperi folclorici; e secondo i principi dell’”astrologia naturale”: essa insegnava a trarre giudizi divinatori meteorologici, agricoli e medici, che gli esperti d’astrolabio raccoglievano ogni anno in Pronostici, Lunari e Almanacchi.
Orlando Piraccini prenderà invece spunto da autori ed opere presenti nel museo di Palazzo Romagnoli con alcune curiose “divagazioni”. In primo piano la nota Collezione Verzocchi dedicata al tema del lavoro con alcuni esemplari sul paesaggio agrario e la vita contadina. Seguiranno cenni alla splendida serie pittorica del celebre pittore ravennate Giulio Ruffini sulla “Scomparsa della Romagna” ed alla produzione di “mangiari dipinti” da parte di autori forlivesi e cesenati del secolo scorso.

Informazioni Palazzo Romagnoli,via Albicini, n. 2, Forlì, tel. 0543 712627 musei@comune.forli.fc.it, www.cultura.comune.forli.fc.it Sapori in biblioteca http://ibc.regione.emilia-romagna.it