Referendum, come si vota se temporaneamente all’estero

Si può fare per corrispondenza inviando al Comune un modulo richiesta specifico

Comune di ModenaMODENA – Per il Referendum del 4 dicembre potranno votare per corrispondenza anche gli elettori, e i loro familiari conviventi, che per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento del Referendum.

Chi intende votare per corrispondenza dovrà inviare, allegando la copia di un documento d’identità, il modulo di opzione (scaricabile collegandosi al portale internet del Comune www.comune.modena.it e cliccando sulla news relativa in home page) all’indirizzo e-mail del servizio elettorale comunale (elettorale.leva@comune.modena.it) entro l’8 ottobre 2016.

Una volta esercitata l’opzione, senza disdettarla entro lo stesso termine, l’elettore non potrà votare in Italia, ma voterà solamente per corrispondenza dalla propria abitazione all’estero utilizzando l’apposito plico elettorale che riceverà a domicilio.

Informazioni sul voto per il Referendum per chi risiede all’Estero ed è iscritto alle liste Aire (Anagrafe degli italiani residenti all’estero) e sul voto di chi è all’estero temporaneamente sono pubblicate con richiamo in home page sul sito web del Ministero degli Esteri (www.esteri.it).