Parma, le scienze socio-economiche e umanistiche nei programmi Horizon 2020

La giornata di approfondimento si svolgerà il 13 novembre nell’Aula Magna del Palazzo Centrale. Si parlerà delle opportunità legate ai nuovi programmi 2016-2017

PARMA – Venerdì 13 novembre, dalle ore 9 alle 15.30, nell’Aula Magna dell’Ateneo (Palazzo Centrale, via Università 12), l’Università di Parma propone una giornata di approfondimento sulle opportunità legate alle scienze sociali e umanistiche all’interno dei nuovi programmi 2016-2017 di Horizon 2020, il programma quadro di Ricerca e Innovazione dell’Unione europea 2014-2020. L’evento si propone di fornire informazioni, regole e strumenti utili alla partecipazione ai progetti di Horizon 2020, con particolare attenzione alle implicazioni dell’area delle “Scienze Socio-economiche e Umanistiche” e con un breve focus sul programma trasversale “Science with and for Society”.

L’iniziativa si rivolge quindi in primis ai ricercatori dell’area SSH – Social Sciences and Humanities, ma vuole coinvolgere anche gli studiosi di tutti gli altri settori in una riflessione su come sia più opportuno descrivere e poi gestire la valutazione e la misurazione dell’impatto economico e sociale delle innovazioni proposte nei progetti presentati.

Interverrà Elena Maffia, di APRE (Agency for the Promotion of European Research), che svolge il ruolo di punto di contatto nazionale (NCP) per il sesto obiettivo “Europe in a changing world – inclusive, innovative, reflective societies” del terzo pilastro Societal Challenges, di cui presenterà Work Programme e Calls per il periodo 2016-2017 di recente pubblicazione. Verranno inoltre fornite indicazioni circa le opportunità delle SSH secondo un approccio di cross-cutting issue anche nell’ambito dei bandi degli altri pilastri e obiettivi di H2020.

Un approfondimento è poi riservato al programma di lavoro “Science with and for Society” (SWFS), del tutto particolare trattandosi di un’azione volta ad approfondire la cooperazione tra scienza e società nonché promuovere una ricerca e un’innovazione responsabile, una cultura ed educazione scientifica e a rafforzare la fiducia del pubblico nella scienza favorendo un impegno dei cittadini e della società civile sulle questioni di ricerca e innovazione.

Infine, verranno date informazioni sulle regole di partecipazione alle proposte di progetto e su come utilizzare al meglio il Participant Portal, il sistema telematico attraverso il quale vengono presentati i proposal per avviare l’iter di valutazione.

L’evento rientra nell’ambito delle attività del Tavolo soci APRE Emilia-Romagna, promosso da Aster (società consortile tra la Regione Emilia-Romagna, le Università, gli Enti pubblici nazionali di ricerca CNR, ENEA, INFN e il sistema regionale delle Camere di Commercio) in qualità di Sportello APRE Emilia-Romagna per fornire informazioni, orientamento e supporto per la partecipazione ad Horizon 2020. Questo incontro è ospitato dall’Università di Parma ed è organizzato in collaborazione con tutti i soci APRE regionali che hanno aderito al Tavolo di lavoro. Rientra, inoltre, nelle attività di SIMPLER – “Support Services to IMProve innovation and competitiveness of businesses in Lombardia and Emilia-Romagna” della Enterprise Europe Network, la rete europea a supporto dell’innovazione e del trasferimento tecnologico transnazionale di imprese e strutture di ricerca.

La partecipazione al seminario è gratuita e aperta a tutto il personale degli enti soci APRE Emilia-Romagna. Per questioni organizzative è necessario iscriversi entro martedì 10 novembre 2015 inviando un’e-mail a internationalresearch@unipr.it.

L’evento sarà inoltre trasmesso in streaming. Per ottenere l’accesso alla diretta web gli interessati devono contattare il proprio ufficio di riferimento per la ricerca internazionale presso il proprio ente di appartenenza. Anche lo streaming, così come la partecipazione, è riservato ai dipendenti degli enti soci APRE Emilia-Romagna.