Debutto di Technogym in Borsa a Milano

comune di Cesena logoIl sindaco Lucchi: “Traguardo importante anche per lo sviluppo della Wellness Valley romagnola”

CESENA – Martedì mattina Technogym ha debuttato in Borsa a Milano. Di seguito il testo completo della nota del sindaco di Cesena Paolo Lucchi:

Confesso di essermi sentito fiero ed un po’ emozionato vedendo le immagini del Palazzo della Borsa di Milano pavesato con le insegne di Technogym, in occasione del debutto in Piazza Affari dell’azienda.

Del resto, nonostante sia presente in tutto il mondo, con filiali sparse fra Europa, Stati Uniti, Asia, Medio Oriente, Australia e Sud America, e con una produzione assorbita per il 90% dal mercato estero, Technogym continua a essere un marchio di ‘casa nostra’. E non solo per le salde radici che il suo fondatore Nerio Alessandri mantiene in Romagna, per lo stabilimento all’avanguardia che sorge alle porte di Cesena, per i molti lavoratori del territorio qui impiegati.

A rendere speciale il legame fra quest’azienda e il territorio è l’idea, condivisa, di promuovere il wellness come filo conduttore dello sviluppo della Romagna. Fu proprio Alessandri a lanciare l’idea, subito accolta con favore, di trasformare la nostra terra nella Wellness Valley. Una definizione suggestiva che poteva rimanere sulla carta, e che invece in questi anni si è tradotta nel diffondersi di un modo diverso, e innovativo, di intendere il benessere fisico e in una serie di azioni concrete per metterlo in pratica. Così, in questi anni in Romagna abbiamo imparato ad utilizzare i nostri parchi, le piste ciclabili, i percorsi disseminati in collina e lungo i fiumi come scenari di una pratica sportiva sempre più diffusa, che coinvolge migliaia di persone di tutte le fasce di età.

Penso all’esperienza di Cesena Cammina che ogni martedì ed ogni giovedì sera fa camminare insieme centinaia di persone, penso all’ormai tradizionale appuntamento con “Muoviti che ti fa bene”, che porta altre centinaia di cesenati a fare ginnastica, yoga, tai chi nelle aree verdi della città. Ma penso anche agli oltre 500 bambini protagonisti (con i loro genitori e nonni) dei piedibus e dei bici bus. Sono tutti segni di un’evoluzione in corso, della quale sono protagonisti i cittadini, e sulla base della quale oggi la Romagna può vantare una percentuale di popolazione impegnata nel movimento fisico che supera di 10 punti la media nazionale (a fornire il dato è proprio la Welleness Foudation di Alessandri).

E questa evoluzione coinvolge anche la vocazione agroalimentare del nostro territorio, traducendosi in un’attenzione per la qualità dei prodotti, per corretti stili dietetici, per il rispetto dell’ambiente.

Non me ne vorrà Alessandri se affermo che la sua idea iniziale si è trasformata in una “intuizione di sistema” che sta già facendo cambiar volto alla Romagna ed abitudini ai romagnoli. E che ci proietta verso un approccio di vita che possiede un appeal ben definito anche dal punto di vista turistico, poiché identifica un modello di sviluppo del nostro territorio non solo più moderno, ma anche più equilibrato, aiutandoci a tracciare le coordinate di uno sviluppo perfettamente adattabile alla nostra grande voglia di socialità.

Davanti al brillante debutto in borsa di Technogym, mi congratulo con Nerio e Pierluigi Alessandri e faccio loro i migliori auguri per la nuova impegnativa sfida che hanno intrapreso. Ma nel raggiungimento di questo traguardo traggo anche gli auspici per il rafforzamento della nostra “Wellness Valley”.”