Bologna: Piazza San Francesco, l’assessore Priolo: “Timori infondati”

Mobilità, approvate modifiche ad alcuni progetti in corso su piste ciclabili e circolazione stradale

torre degli asinelli bolognaBOLOGNA – Il progetto di riqualificazione su Piazza Malpighi e Piazza San Francesco va avanti dal punto di vista urbanistico secondo quanto approvato. E’ quanto precisa l’assessore comunale alle Politiche per la mobilità, Irene Priolo. “Il Comune di Bologna ha presentato il progetto di Piazza Malpighi e Piazza San Francesco in Soprintendenza il 4 novembre 2014 – ricorda Priolo – e già allora non era prevista la pedonalizzazione completa, ma la semi-pedonalizzazione della piazza”. Discorso analogo per quanto riguarda i posti auto: “Non ci saranno differenze rispetto al progetto iniziale, rimangono in realizzazione e non verranno tolti. E’ intenzione dell’amministrazione comunale terminare i lavori entro marzo – aggiunge Priolo – con lo stesso intento iniziale: tenere insieme la qualità della vita di tutti coloro che frequentano la zona con le esigenze di mobilità dei residenti e la tutela degli esercizi commerciali. Per questo motivo stiamo riqualificando quell’area, per permettere una migliore fruizione della stessa con una visione omogenea che tenga insieme aspetti urbanistici e di mobilità dell’ambito”.
Intanto nella seduta di ieri, su proposta dell’assessore Priolo, la Giunta guidata da Virginio Merola ha approvato un orientamento che prevede modifiche ad alcuni progetti di mobilità in corso. Il piano nasce dopo un’analisi degli uffici comunali e le modifiche hanno l’obiettivo di diminuire il possibile impatto negativo sulla circolazione stradale senza snaturare le finalità degli interventi, a tutela e garanzia della sicurezza degli utenti deboli della strada. In particolare, sarà mantenuto il doppio senso di circolazione in via Busacchi (laterale di via Irma Bandiera, in zona Stadio) e rimarrà invariato il senso di marcia in via Ruggi, laterale di via Dagnini. Non sarà realizzato l’attraversamento pedonale in via Murri in corrispondenza di via Varthema, sul lato sud dell’intersezione con via Silvagni (protetto con isola salvagente). La giunta ha poi deciso di evitare un ulteriore impianto semaforico tra le vie Saffi e del Chiù. Inoltre non sarà realizzata la Porta di ingresso zona 30 Berti-Malvasia. Quanto alle piste ciclabili, quella prevista su via Jacopo della Lana sarà monodirezionale e questo consentirà di preservare gli stalli di sosta su strada. La pista ciclabile su via Malvasia, nel tratto da via Saffi a via del Chiù, sarà realizzata senza ridurre la carreggiata. Infine per ragioni di sicurezza dei ciclisti, visto il contesto ridotto della carreggiata unito al traffico intenso, la Giunta ha deciso di cancellare la pista ciclabile su via Zanardi nel tratto da via Bovi Campeggi a via Carracci, in corrispondenza del sottopasso ferroviario. La pista ciclabile sarà invece realizzata nel tratto da via Manzi a via Carracci attraverso due piste monodirezionali, contigue al senso di marcia e ricavate sulla carreggiata già esistente