ZED: venerdì 12 luglio 2019

BOLOGNA – Venerdì 12 luglio 2019 interessanti eventi a ZED, Festival Internazionale di Videodanza, diretto da Mario Coccetti e organizzato da Compagnia della Quarta in collaborazione con Alma Mater Studiorum/DAMSLab e ITC Teatro /Teatro dell’Argine.

Alle 18.30 nella prestigiosa sede del Museo Civico Archeologico di Bologna (via dell’Archiginnasio 2), il Collettivo QBR/Alain El Sakhawi presenta la performance, site specific, 2019, che interpreta i confini dello spazio museale attraverso la dinamica dei corpi, il linguaggio della danza e l’estro creativo di Alain El Sakhawi, uno dei maggiori esponenti della videodanza in Italia. La performance nasce dall’incontro con il
Collettivo ApSide di Rocco Suma (ingresso gratuito).

Alle 21.45 al Teatro Arena del Sole (Sala Salmon) va in scena LEFT, spettacolo diretto da Neus Gil Cortes, con cui la compagnia Nua Dance/Neus Gil Cortes esplora l’auto-giudizio, l’auto-deprecazione e l’insicurezza: la sensazione di essere inadeguati e la paura di non essere abbastanza bravi, abbastanza intelligenti o abbastanza interessanti. Interpreti Lucia Chocarro e Daniel Phung.
A seguire, l’opera di videodanza Quimera: attraverso una danza surreale, ispirata al Don Chisciotte di Cervantes, la compagnia Nua Dance/Neus Gil Cortes propone un viaggio alla scoperta della propria voce ridefinendo il significato di avventura. Coreografia e regia: Neus Gil Cortes. Interpreti: Sarah Dowling, Daniel Phung, Tori McGrory, Nich Galzin, Neus Gil Cortes (venerdì 12 luglio alle 21.45 -Teatro Arena del Sole/ Sala Salmon).

Neus Gil Cortes è una coreografa e drammaturga spagnola con base nel Regno Unito. Con oltre dieci anni di esperienza come danzatrice, ha ballato in importanti compagnie come la Hofesh Shechter Company, National Dance Company Wales e Dance Works Rotterdam. L’esordio della sua carriera professionale comincia con la selezione per One Night’s Dance, una piattaforma per giovani coreografi ospitata da Dansateliers Rotterdam. Nel 2015 ha creato la sua compagnia, Nua Dance ed è stata contemporaneamente selezionata per una residenza coreografica di tre settimane presso l’OMI Arts Center, a New York. Le creazioni di Neus sono state presentate in Olanda, U.K., U.S.A. (N.Y. e L.A.) e Spagna. Le sue creazioni più recenti sono QUIMERA per Nua Dance e REVERIES per National Centre for Circus Arts, entrambe combinano la danza e le arti circensi in un unico corpo coreografico e drammaturgico. Neus Gil Cortes è insegnante di movimento e composizione al Centro Nazionale di Arti Circensi e insegnante ospite presso la Greenwich Dance and Trip Space, Trinity Laban Conservatoire e Rotterdam Dance Academy in Olanda. Neus Gil Cortes ha conseguito la laurea in Storia dell’arte presso l’Università spagnola UNED. I suoi studi hanno avuto una grande influenza nelle sue opinioni artistiche.

POSTAZIONI & PROIEZIONI VIDEO (ingresso gratuito)
Per tutta la durata del festival, una vasta raccolta di materiale video, proveniente da tutto il mondo e messa a disposizione dai vari partner, va in loop in quattro differenti postazioni.

Al DAMSLab (Piazzetta Pier Paolo Pasolini dalle 10 alle 17), direttamente dal Messico, una selezione delle migliori e più premiate produzioni di videodanza del 2018, presentate da Agite y Sirva – Festival Itinerante de Videodanza e provenienti da tutto il mondo. Agite y Sirva, giunto alla sua decima edizione, rappresenta un’esperienza particolarmente significativa nel panorama internazionale della videodanza.

Presso la Sala conferenze della Frigerio Viaggi (Via Riva di Reno 6/d dalle 16:30 alle 18:30) quattro cortometraggi in cui si documenta lo sviluppo di un progetto artistico dalla sua idea alla sua realizzazione, appartenenti al progetto In Motion, una serie di corti dedicata a coreografi scozzesi che lavorano a progetti di videodanza a cura di The Work Room, un’associazione di artisti provenienti dal mondo della danza e della coreografia con sede a Glasgow (UK).

Inoltre presso la mediateca di CUBOUnipol (Piazza Sergio Vieira de Mello, 3-Bo) sono a disposizione del pubblico del festival 16 tavoli touchscreen in cui poter selezionare diversi menù di videodanza, appositamente selezionati da figure rilevanti della danza italiana come Maria Luisa Buzzi/Danza&Danza e consulente per serie SKY sulla danza; Anna Lea Antolini, programmatrice e ufficio stampa ballo dell’Opera di Roma; Lucia di Rienzo, direttrice concorso la Danza in 1 minuto e produttrice video danza con Coorpi; Enrico Coffetti, direttore Cro.me Cronache e Memoria dello Spettacolo, Elena Cervellati, docente di Storia della danza e delle arti del movimento oltre che di Teorie e poetiche della danza al DAMS.
Parte della programmazione nella mediateca CUBOUnipol è curata da COORPI / La danza in 1 minuto: contest di videodanza aperto ad autori/autrici (danzatori, videomaker, registi, scrittori, musicisti, sound designer, appassionati) in grado di accettare la sfida nella creazione di opere di videodanza innovative, coraggiose e di forte impatto cinematografico.

Proseguono fino al 13 luglio i momenti di formazione pratica: workshop rivolti sia a professionisti nell’ambito della danza, che a ragazzi e giovani tra i 12 e i 24 anni, interessati alle tecniche base di produzione di videodanza ( 1-13 luglio).

ZED, Festival Internazionale di Videodanza, unico in Italia- è inserito nella programmazione di Bologna Estate 2019 – cartellone estivo promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla città Metropolitana di Bologna – destinazione Turistica, ed ha il contributo di Fondazione del Monte e il sostegno di Conapi/Mielizia.

Il Festival, che ha durata triennale, si prefigge l’obiettivo di veicolare la videodanza come un nuovo linguaggio artistico, facendo di Bologna un importante centro di attrazione. L’idea è di creare un solido partenariato nazionale e internazionale per la circuitazione di performance, artisti e idee, di costituire una struttura stabile che lavori sui temi della videodanza continuativamente, di avvicinare il pubblico a questa disciplina coinvolgendolo in percorsi innovativi, di offrire ai giovani una formazione culturale volta ad armonizzare aspetti umani apparentemente distanti come arte e tecnologia.

ZED ha la partnership del: Teatro Comunale di Bologna, ERT Emilia Romagna Teatro Fondazione, Arena del Sole, Teatri di Vita, MAMbo Museo d’Arte Moderna di Bologna, CUBO Centro Unipol Bologna, Il Cassero LGBTI center, Kinodromo, Museo Civico Archeologico, Fondazione Massimo e Sonia Cirulli, Cro.me. Cronaca e Memoria dello Spettacolo (Milano), COORPI (Torino), Agite y Sirva, Festival Itinerante de Videodanza (Puebla – Messico), The Work Room art center (Glasgow – UK).
Il sostegno di: HF Service, Frigerio Viaggi.
E il patrocinio di Regione Emilia Romagna.
ZED Festival è nell’ambito di Bologna Estate 2019 / Comune di Bologna / Città metropolitana di Bologna Destinazione Turistica.
Media partner: Blaubart, Radio Città del Capo

ZED 1° EDIZIONE
1-13 LUGLIO 2019

Venerdì 12 luglio 2019

2019 performance del Collettivo QBR/Alain El Sakhawi
– Museo Civico Archeologico di Bologna (via dell’Archiginnasio 2, Bologna) – ore 18.30

LEFT spettacolo della Compagnia Nua Dance/Neus Gil Cortes
Teatro Arena del Sole (via Indipendenza 44, Bologna)- ore 21.45

Quimera – videodanza della Compagnia Nua Dance/Neus Gil Cortes
Teatro Arena del Sole (via Indipendenza 44, Bologna)- ore 22.10