Categorie: EventiModena

“Welcome” rifugiato, a Modena le famiglie accoglienti

Martedì 12 aprile prende il via un percorso formativo rivolto a nuclei familiari interessati a ospitare un richiedente asilo. Il progetto nasce da volontariato e Comune

MODENA – Prende il via martedì 12 aprile un percorso informativo e formativo rivolto a famiglie interessate a conoscere il progetto WelcHome, una nuova forma di accoglienza in famiglia rivolta a rifugiati e richiedenti asilo che potrà essere sperimentata anche a Modena. Al progetto, che nasce dalla partnership di mondo del volontariato, associazionismo, terzo settore e assessorato al Welfare del Comune di Modena possono partecipare famiglie disponibili a ospitare un rifugiato per un periodo di circa sei mesi, in un percorso di ospitalità condiviso e guidato.

Il primo dei tre appuntamenti formativi si svolgerà alle 20.30 alla Palazzina Pucci, dove sono in programma altri due incontri, il 19 e 26 aprile.

L’accoglienza è rivolta a persone che rientrano nel Sistema nazionale di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (Sprar) nel cui ambito il Comune mette a disposizione 65 posti di accoglienza per richiedenti asilo o titolari di protezione internazionale. Complessivamente durante l’anno vengono accolte circa 110 persone di cui la maggioranza sono giovani con età inferiore ai 30 anni, provenienti soprattutto da Afghanistan, Mali e Siria. La permanenza media nel progetto è di circa 6 – 8 mesi e prevede che, attraverso una rete di servizi di orientamento e informazione, si accompagni la persona verso l’autonomia e l’integrazione. Inoltre, dallo scorso anno il Comune aderisce a un progetto, anche questo ministeriale, rivolto specificamente ai minori.

In alcuni casi, per la giovane età, le condizioni sanitarie e i traumi vissuti, oltre ai collaudati percorsi di ospitalità, assistenza, apprendimento della lingua italiana e formazione, può essere necessaria l’accoglienza in una famiglia in grado di rispondere ai bisogni affettivi e di guida.

“WelcHome”, che nasce sulla scorta di analoghe esperienza condotte in altre città, Torino innanzitutto, intende offrire un’opportunità in più all’interno di una rete di percorsi consolidati, attraverso la sperimentazione di un percorso di accoglienza che pone al centro le relazioni e la solidarietà. Fondamentale sarà il ruolo del volontariato nel costruire una rete in grado di fornire alle famiglie supporto affettivo e funzioni strumentali, cioè un aiuto concreto nelle attività pratiche, dall’avvicinamento al lavoro all’accompagnamento per il disbrigo delle pratiche.

Ai nuclei familiari che si propongono per l’esperienza verrà assicurato il supporto informativo e formativo iniziale e un sostegno continuativo di consulenza durante il percorso per gli aspetti organizzativi, relazionali e psicologici a seconda delle esigenze che dovessero presentarsi. Inoltre, per non precludere a nessuno la possibilità di accogliere, potrà essere fornito un rimborso spese grazie al sostegno al progetto della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Al progetto WelcHome partecipano Arci Modena, associazione Amazzonia Sviluppo, associazione Porta Aperta, associazione Servizi Volontariato Modena, Associazioni straniere e comunità religiose di Modena, Caritas Diocesana, Consulta comunale delle Politiche familiari, solidali e della Coesione sociale, Forum delle Associazioni Familiari, Forum Terzo Settore, Rete Famiglie per l’Accoglienza. Inoltre, l’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Rete delle associazioni modenesi a sostegno delle famiglie per l’accoglienza e l’integrazione dei rifugiati e richiedenti asilo.

Condividi
Pubblicato da
Relazione

Articoli recenti

Sperimentazione VeloOk in arrivo: al via il confronto con i Quartieri per individuare dove installare i rilevatori di velocità

CESENA - VeloOk in arrivo anche sulle strade cesenati. A breve l’Amministrazione avvierà l’utilizzo sperimentale delle colonnine per la rilevazione…

3 ore passati

Alla guida di auto rubata, fermati due giovani in via Giardini a Modena

Il mezzo, sottratto domenica 16 settembre, era stato visto transitare non lontano dal luogo del furto attraverso le telecamere di…

3 ore passati

Apre i battenti “Metamorphica”, mostra di Marisa Zattini

Sabato 22 settembre, ore 17.00, la presentazione  nella Sala Lignea della Biblioteca Malatestiana CESENA - Sabato 22 settembre alle 17.00…

3 ore passati

Caninfesta, sabato 22 settembre al Circolo La Fattoria la sfilata dei cani cittadini

BOLOGNA - Torna sabato 22 settembre, al Circolo La Fattoria in via Pirandello (Quartiere San Donato - San Vitale), Caninfesta,…

3 ore passati

Cesena aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio 2018 aprendo gratuitamente i suoi musei nel week end

CESENA - Anche Cesena aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP 2018), aprendo gratuitamente i suoi musei nelle giornate di…

3 ore passati

Ai Musei civici di Modena si gioca con “Occhio alla rosa”

Caccia al particolare sabato 22 settembre nelle Giornate europee del Patrimonio MODENA - Anche i Musei civici di Modena, a…

3 ore passati

L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Archivio news - Privacy Policy - Cookie Policy

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice