Università di Parma: dal MUR circa 8,5 milioni di euro per la riqualificazione dell’ex Convento dei Frati Minori Cappuccini

21
foto dal sito dell’Università di Parma

Accolta la richiesta di cofinanziamento dell’Ateneo. Il Rettore Martelli: “Davvero un’ottima notizia, progetto importante per l’Università e per la città”

PARMA – “Davvero un’ottima notizia, non solo per l’Ateneo. Si tratta di un progetto molto importante per l’Università e per la città”. Così il Rettore dell’Università di Parma, Paolo Martelli, commenta la notizia del finanziamento accordato dal Ministero dell’Università e della Ricerca al progetto di riqualificazione dell’ex Convento dei Frati Minori Cappuccini in borgo Santa Caterina. Il MUR ha dunque risposto positivamente all’istanza di cofinanziamento presentata dall’Ateneo a valere sul bando V della legge 338/2000: all’Università arriveranno dal Ministero circa 8,5 milioni di euro, a completare il quadro economico di un intervento complessivo che si aggira sui 13,5 milioni (comprensivi dell’acquisto dell’immobile).

“Si tratta di un progetto rilevante – commenta il Rettore – da molti punti di vista. Da un lato perché agisce nell’ambito degli alloggi per studentesse e studenti, che abbiamo detto tante volte essere una criticità. Dall’altro perché restituisce alla città, tra l’altro in un Quartiere come l’Oltretorrente, un complesso bellissimo, che sarà totalmente riqualificato e contiguo all’area verde fluviale. Anche in questo modo l’Università interviene come soggetto attivo del territorio, a favore non solo della Comunità accademica ma della città tutta”.

Il convento occupa un’area di forma triangolare tra vicolo Santa Caterina e l’alveo del torrente Parma, confini entrambi marcati da alti muri di cinta. L’immobile è stato acquistato dall’Università a seguito di partecipazione a un’asta pubblica.

Il complesso è composto da un edificio a pianta pressoché quadrata con un ampio chiostro su cui si affacciano i prospetti interni dei quattro corpi di fabbrica e un orto/giardino di forma trapezoidale, con alcuni fabbricati pertinenziali. La superficie complessiva è di oltre 3.200 mq.

Il progetto di restauro e rifunzionalizzazione dell’edificio quale studentato prevede di realizzare 61 posti letto articolati in camere singole e doppie, di cui 4 per disabili, tutte dotate di servizio igienico interno, oltre a spazi comuni quali cucine, sale studio e lettura, sale riunioni e locali di servizio. Sono previsti inoltre il recupero e la rivalutazione dell’ampia area verde a nord dell’edificio, che potrebbe anche essere aperta alla città, consentendo un eventuale accesso al futuro parco fluviale del torrente Parma.