Uniti per affrontare l’emergenza Coronavirus: videoconferenza fra Comune e CGIL, CISL e UIL

31

FORLÍ – La sicurezza sul lavoro e dei lavoratori in questi giorni di emergenza, il sostegno al sistema economico e l’attenzione ai servizi sono stati al centro della videoconferenza che si è svolta nel pomeriggio di venerdì 27 marzo fra Comune e Sindacati confederali.

Il confronto è iniziato con il ringraziamento a chi è impegnato direttamente nella lotta contro il Coronavirus e con la vicinanza a tutti coloro che per colpa di questa emergenza vedono minacciati il proprio lavoro e la propria attività.

Di fronte agli schermi sedevano il Sindaco Gian Luca Zattini, gli Assessori Paola Casara, Vittorio Cicognani e Maria Pia Baroni e i Segretari territoriali Maria Giorgioni (CGIL), Enrico Imolesi (UIL) e Vanis Treossi (CISL).

Dall’incontro sono emerse la volontà comune di contribuire in modo operativo a fronteggiare questo difficilissimo momento e l’impegno a mantenere attivo un tavolo di confronto in grado di affrontare i temi sul quadro generale e anche di settore. In modo unanime è emersa la richiesta al sistema bancario di mettere a disposizione del territorio quanto possibile per assicurare liquidità al mondo del lavoro e strumenti di sostegno alle famiglie, così come è stato condiviso il ringraziamento alla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e alla Camera di Commercio per la decisione di riattivare, insieme al Comune, il Fondo Anticrisi per l’accesso al credito.

La proposta di mantenere attivo il confronto quotidianamente, fissando una videoconferenza a cadenza settimanale, ha definito un metodo operativo che caratterizzerà anche il post-emergenza. A tale riguardo il Sindaco Zattini ha ribadito che il Comune e le forze che si uniranno nel Patto per la ripresa dovranno creare a livello locale la capacità (attraverso risorse, competenze e organizzazione) di dare valore aggiunto a tutto ciò che Stato, istituzioni internazionali e sistema creditizio metteranno a disposizione. Per rendere possibile ciò saranno fondamentali coesione, voglia di lavorare insieme, semplificazione burocratica e valorizzazione delle realtà del territorio.