“UNIPR On Air”, Loretta Napoleoni: “Indispensabile cambiare i nostri modelli di vita”

33

L’economista ospite della rassegna d’interviste on line dell’Università di Parma

PARMA – Loretta Napoleoni, economista, saggista e consulente di governi e organizzazioni internazionali, è stata la protagonista dell’intervista di “UNIPR On Air” andata on line ieri pomeriggio alle 17 sul canale YouTube dell’Università di Parma. Intervistata da Marco Deriu, docente di Sociologia della comunicazione politica e ambientale all’Università di Parma, e da Emanuele Leonardi, docente di Cultura, pratiche e linguaggi dei movimenti politici e sociali, è intervenuta sul Goal numero 3 “Salute e benessere” dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, e ha parlato della situazione attuale di crisi sanitaria, economica ed ecologica, spiegando che cosa non funziona nell’attuale modello di benessere e nelle concezioni di sviluppo.

“Siamo entrati in una nuova era storica, in un certo senso geologica: l’«Antropocene». Se noi guardiamo alla storia del pianeta, ci sono delle ere che corrispondono a cambiamenti importantissimi prodotti dalla Natura. Improvvisamente – ha spiegato Loretta Napoleoni – l’uomo riesce a dominare la Natura e quindi cambia tutto: i cambiamenti climatici non sono un mutamento creato dalla vita del pianeta ma sono cambiamenti creati dalla presenza dell’uomo sul pianeta. Sicuramente il virus che si è scatenato nell’ultimo anno e mezzo è relazionato al modo in cui noi sfruttiamo l’ambiente. Il problema fondamentale è come possiamo convivere in questa nuova era in cui la presenza agghiacciante dell’uomo ha preso il sopravvento sulla Natura. Guardando le direttive dell’Agenda delle Nazioni Unite del 2015 per il 2030, queste vanno rivedute. Parlare di sviluppo, di crescita economica, di come distribuire questa crescita, di come fare in modo che i paesi più poveri raggiungano il nostro modello, secondo me è sbagliato. Il nostro modello va cambiato. Bisogna rovesciare quasi completamente l’equazione ma non sarà facile. Come possiamo noi abbracciare un modello di sostenibilità  che ci priva di alcuni privilegi che pensiamo di aver conquistato, per esempio il fatto di viaggiare costantemente e il fatto di visitare posti esotici? Bisogna lavorare per il futuro e educare le nuove generazioni a un nuovo modello, presentarlo come il modello vincente che si deve abbracciare, chiamiamolo «la nuova moda».”

Sono necessari, secondo Loretta Napoleoni, importanti mutamenti sociali e culturali. “Il concetto di salute e quello di benessere in questa era dell’Antropocene vanno riformulati. Sicuramente – ha spiegato l’economista – questa pandemia non è né la prima né l’ultima che noi vedremo. In questo contesto come poter garantire la salute della popolazione? Sono necessari ingenti finanziamenti e il potenziamento massiccio della sanità. Uno dei problemi fondamentali che stiamo vivendo in questo momento è che la struttura sanitaria non è in grado di assorbire il numero dei malati. Questo è il motivo vero del lockdown. Se la pandemia diventa un elemento ricorrente, la situazione cambia radicalmente: è chiaro che ammettere questo vuol dire rivoluzionare l’assetto politico.”  

“UNIPR On Air” è organizzata dall’Università di Parma ed è patrocinata dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile-ASviS e dalla Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile–RUS. La realizzazione è a cura del Centro per le Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo-CAPAS dell’Ateneo.

L’intervista dura mezz’ora e resta on line sul canale YouTube dell’Università di Parma, sul sito di “Facciamo conoscenza” https://www.facciamoconoscenza.unipr.it/ e sul sito del CAPAS al link https://www.capas.unipr.it/le-nostre-produzioni-video/. Sarà disponibile anche in podcast su Spotify (link playlist “UNIPR On Air” https://open.spotify.com/show/3BN9eMxf5zLz9jicgAf63u) e sul sito di RadiorEvolution  (link categoria “UNIPR On  Air” https://www.radiorevolution.it/category/podcast/unipr-on-air/).

Foto: Napoleoni dal sito dell’Università di Parma