Un’asta online a sostegno di San Patrignano

28

Torna anche quest’anno in modalità web la tradizionale asta a favore della comunità riminese

Ragazi/e del settore Canile.

CORIANO (RN) – Giunge alla 22esima edizione l’annuale Asta di beneficenza organizzata da San Patrignano per la raccolta fondi a sostegno della Comunità, che si terrà dall’11 al 22 novembre 2021 in modalità online attraverso la piattaforma di CharityStars al link www.charitystars.com/astasanpatrignano.

Rolex Italia, Giorgio Armani, Etro, Hermès, Salvatore Ferragamo, Prada, Piaggio, Technogym, Tecnica Group, Tod’s, Zegna, Giacomo Conterno, Moët Hennessy: questi solo alcuni nomi delle molte aziende che hanno confermato il proprio sostegno a San Patrignano come partner dell’asta – per il secondo anno consecutivo in versione web. Un centinaio i lotti selezionati, fra i quali un’importante opera di Giovanni Frangi, fotografie di artisti come Steve McCurry, Mark Sobczak e Maki Galimberti, prodotti fashion e di alto artigianato realizzati da firme della moda e del design, tra i quali Altai, Artemide, A. Caraceni, Kartell, Loro Piana, Fedelicashmere, Moncler, anche in collaborazione con i settori artistici e professionalizzanti di San Patrignano, accessori moda esclusivi o personalizzati, orologi e gioielli preziosi di Chantecler Capri, Pederzani, Pomellato, Sabbadini e Vhernier fra gli altri, vini pregiati, opere d’arte e attrezzature sportive fra le quali la bicicletta creata per Egan Bernal.

L’asta punta a rafforzare ulteriormente la missione di recupero, formazione e prevenzione di San Patrignano, che negli ultimi mesi ha affrontato l’emergenza sanitaria, garantendo ai circa  1000 ragazzi e ragazze presenti in comunità protezione, sicurezza e gli strumenti necessari a portare avanti il percorso di recupero. Obiettivi particolari di questa edizione sono anche il finanziamento al progetto “We Free”, dedicato alle scuole superiori e finalizzato alla prevenzione tra gli studenti, e il sostegno a Sanpa Dogs, progetto di recupero nel recupero interno al canile della comunità che forma i giovani in percorso alla cura dei cani abbandonati.

Il ricavato dell’asta servirà a dare una speranza ai tanti giovani affidati alla Comunità, garantendo loro una casa, assistenza sanitaria e legale, formazione professionale specifica. Un percorso che scandisce il tempo della loro rinascita, fino al momento in cui torneranno in società e alle loro famiglie.

I lotti saranno esposti a Palazzo Clerici, a Milano in concomitanza con l’esposizione delle opere dell’asta 20th/21st CENTURY MILAN SALE di Christie’s, dal 12 al 14 novembre dalle ore 10 alle ore 19.

Per poter accedere è necessario prenotarsi sul sito https://eventi.sanpatrignano.org/asta2021

A supporto dell’iniziativa è stato creato anche un progetto digitale con la finalità di accrescere il bacino di utenza dei partecipanti all’asta: #THECHARITYCHALLENGE ha come protagonisti ragazzi e ragazze che hanno concluso il percorso in comunità e che attraverso il racconto delle proprie esperienze sui loro profili Instagram si attiveranno in prima persona per coinvolgere i propri follower per creare una catena di solidarietà.

Come in una grande famiglia, ognuno porta il proprio contributo. Perché ogni piccolo gesto può fare la differenza.

About Comunità San Patrignano

San Patrignano è la comunità di recupero per ragazze e ragazzi tossicodipendenti più grande d’Europa ed ospita oltre 1000 ragazzi. Per tutti loro e per le loro famiglie il percorso di recupero è completamente gratuito.

Dal 1978 ad oggi, San Patrignano ha accolto oltre 26.000 persone, offrendo loro una casa, l’assistenza sanitaria e legale, la possibilità di studiare, di imparare un lavoro e reinserirsi pienamente nella società al termine del percorso di recupero.

Secondo una ricerca effettuata dall’Università di Bologna, che ha monitorato un gruppo di ex ospiti della comunità a cinque anni dal loro reintegro nella società, il 72% dei ragazzi che terminano positivamente il percorso non ricadono nel problema della tossicodipendenza.

Oltre a questo, la Comunità è da tempo impegnata in progetti di prevenzione alle dipendenze, tanto che incontra oltre 50.000 studenti l’anno.