Un soffio armonico aleggia nella Pieve di Sant’Ilario Baganza (Parma)

17

Il 4 settembre 2020 alle 21.00 un concerto di violino e fisarmonica nell’antica chiesa, per la rassegna Estate delle Pievi ideata da Provincia di Parma per Parma 2020+21

FELINO (PR) – Un Soffio Armonico di violino (Paolo Mora) e fisarmonica (Andrea Coruzzi) porta arrangiamenti delle classiche musiche verdiane e non solo alla Pieve di Sant’Ilario Baganza a Felino, per un nuovo appuntamento della rassegna Estate delle Pievi, ideata da Provincia di Parma per Parma 2020+21. Venerdì 4 settembre 2020, alle 21.00 la musica inonderà la chiesa edificata tra l’XI e il XII secolo come cappella per il ricovero di pellegrini in viaggio lungo la via Francigena.

Il Duo Soffio armonico, di recente formazione, unisce il suono di violino e fisarmonica prefiggendosi di spaziare nei generi musicali, dal tango alle trascrizioni classiche e operistiche. Entrambi sono diplomati col massimo dei voti e la lode al Conservatorio “A. Boito” di Parma e condividono l’attività̀ compositiva.

Paolo Mora si perfeziona con i maestri Valery Gradow, Dario De Rosa, e segue i corsi dell’Orchestra Giovanile Italiana. Nel 1991 vince primo classificato il Concorso nazionale violinistico “Lorenzo Perosi” di Biella. È vincitore di diversi concorsi presso enti e fondazioni lirico- sinfoniche italiane: Teatro Comunale di Bologna dove svolge attualmente il suo ruolo, Arena di Verona, I Pomeriggi Musicali.

Andrea Coruzzi suona la fisarmonica dall’età di dieci anni, diplomandosi anche in sax. ha preso parte alla realizzazione dell’ opera “La Ciociara” di Marco Tutino eseguita in prima assoluta al Teatro Lirico di Cagliari. In qualità di saxofonista solista ha eseguito il concerto per saxofono e orchestra di P. M. Dubois con l’orchestra regionale dell’Emilia Romagna-Filarmonica Arturo Toscanini nel giugno 2018. Dal 2016 collabora con l’orchestra L. Cherubini sia come fisarmonicista che come saxofonista diretto da Riccardo Muti, Wayne Marshall, Timothy Brock.

Poi c’è la magia della Pieve di Sant’Ilario Baganza. I due capitelli scolpiti con immagini umane e animali risalgono proprio all’epoca di costruzione della Pieve di Sant’Ilario Baganza, mentre l’innalzamento della torre campanaria, nel 1472, è solo uno degli interventi che nel corso delle epoche hanno interessato la struttura. Nel 1322 è stata ampliata la piccola cappella romana e realizzata la nuova abside a pianta rettangolare e la sopraelevazione della navata. Poi, tra il XVI e il XVII secolo è stata ulteriormente ingrandita, con la costruzione di nuove campate e delle due cappelle laterali. Nel 1686 furono realizzate le volte a crociera di copertura e innalzata la nuova facciata.

L’ingresso è gratuito, ma la prenotazione è obbligatoria fino ad esaurimento dei posti al numero 3343429723, dalle ore 9.00 alle 12.00.

Estate delle Pievi è una rassegna, promossa da Provincia di Parma, nell’ambito di Parma 2020-2021 con il contributo di Fondazione Cariparma e MIBACT, che si ripeterà anche nel 2021.

Per informazioni: Estate delle Pievi
Iat di Parma, tel. 0521 218889
www.parma2020.it