Un Capodanno sicuro all’Osteria La Sangiovesa

24

Menù speciale, meno posti in sala, un buono da utilizzare successivamente per chi prenota online e disdice all’ultimo e una lotteria per festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo

roberta piscaglia – logo sangiovesa

SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN) –  La Sangiovesa, storica osteria di Santarcangelo di Romagna di proprietà della famiglia Maggioli, per la sua Cena di Capodanno ha deciso di diminuire i posti delle persone nelle sale e mette a disposizione un buono per chi ha prenotato on line ma disdice all’ultimo.

“Per rendere il ristorante ancora più sicuro siamo passati dai soliti 250 a 150 coperti. Abbiamo deciso di prendere in considerazione i tempi che stiamo vivendo, e per tutelare i nostri clienti, in occasione del cenone di Capodanno sarà diminuita la capienza di tutte le nostre sale, per garantire una piacevole serata in sicurezza a chiunque decida di godersi l’ultima cena dell’anno nel nostro ristorante. Inoltre, si potrà prenotare telefonando allo 0541 620710.  Per chi ha prenotato on line invece, e all’ultimo dovesse disdire, non perderà nulla, perché riceverà un buono che potrà essere utilizzato successivamente. Cerchiamo di stare al passo con i tempi e andare incontro alle persone che si ritrovano da un momento all’altro a dover modificare i programmi delle proprie giornate” – spiega Cristina Maggioli, titolare insieme alla famiglia del ristorante di Santarcangelo.

La Sangiovesa ha inoltre in serbo per la notte di San Silvestro oltre ad un menù speciale, una sorpresa per i propri clienti: durante la serata saranno estratti i vincitori della lotteria che si porteranno a casa le 𝗦𝗰𝗮𝘁𝗼𝗹𝗲 𝗡𝗮𝘁𝗮𝗹𝗶𝘇𝗶𝗲 con all’interno i prodotti dell’osteria, dell’azienda agricola Tenuta Saiano e della bottega Via Saffi 32.

Il 31 Dicembre le porte dell’Osteria apriranno alle ore 20:00 con uno speciale Cenone (Aperitivo di benvenuto con Rosanita Spumante Brut Rosè, uovo cotto a bassa temperatura con crema di finocchio, porro ai carboni, bottarga di muggine, piccione di Tenuta Saiano arrosto al timo con cavolo nero e salsa al vermouth Demos, stringhetto con fonduta dʼalpeggio e tartufo bianco, agnello coppato con salsa al tartufo nero invernale, cotechino con lenticchie della tradizione, galletta di patate e carciofo arrosto, gelato di ViaSaffi32 allo zafferano con sedano candito e tenerina al pistacchio, panettone di ViaSaffi32 Caffè | Acqua | Coperto | Piadina a scottadito, anche all’olio EVO Vini esclusi) si può ancora prenotare chiamando il numero 0541 620710.

La donna Sangiovesa

Per l’Osteria La Sangiovesa queste feste sono anche l’occasione per presentare la nuova immagine. A 30 anni dall’inaugurazione dell’attività, si presenta con un cambio di look: un nuovo logo che la rappresenta.

A disegnarlo è stata Roberta Piscaglia, graphic designer della Sangiovesa, Tenuta Saiano e Via Saffi 32. “Il logo è una donna dalle forme rotondeggianti come le mele di Tonino Guerra – prosegue Cristina MaggioliDa tempo cercavamo l’immagine giusta da affiancare al nome e grazie all’arte di Roberta l’abbiamo trovata. Una donna che rappresenta la tradizione romagnola. Il disegno è nato proprio qui, tra le pareti del ristorante, dove ci sono le stampe con gli Avvisi di Tonino Guerra”.

Un nuovo volto, quindi, frutto di un processo creativo, che ha visto la luce dopo fogli di schizzi e disegni dai tratti più o meno definiti. “Poi un giorno, Roberta ci ha mostrato un disegno diverso da tutti i precedenti e abbiamo esclamato: eccolo, finalmente! – conclude la Maggioli – un logo perfetto: così invitante e così giusto per rappresentare il mondo Sangiovesa. Il nostro nome da solo non ci bastava più, avevamo bisogno di un disegno che ci identificasse e con grande gioia ora possiamo mostrarlo”.