Ultimi giorni per meravigliose immersioni d’arte a Parma

69

Ultimi giorni per visitare la mostra Vincent Van Gogh Multimedia & Friends che chiude il 19 luglio 2020. Fino al 18 luglio e poi da settembre Florilegium di Rebecca Louise Law inonda di 200mila fiori l’Oratorio di San Tiburzio per il progetto Pharmacopea.

PARMA – L’arte che genera emozioni conquista il cuore il Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020 + 2021, con due mostre speciali ed immersive.

VAN GOGH DA PUNTI DI VISTA INEDITI
Ultimi giorni per visitare la mostra Vincent Van Gogh Multimedia & Friends, che chiude il 19 luglio 2020.

Un Van Gogh inedito suscita meraviglia negli spazi di Palazzo Dalla Rosa Prati, dove grazie a scenografici supporti multimediali ad altissima qualità il visitatore può entrare nelle opere del pittore olandese, nei suoi straordinari vortici di colore, nel suo universo creativo.

L’esposizione Vincent Van Gogh Multimedia & Friends, prodotta dalla Navigare s.r.l. svela da punti di vista innovativi, attraverso dense pennellate e fascinazioni digitali, i ritratti e gli autoritratti, le nature morte, i dipinti sui lavori artigiani e contadini, i paesaggi di Van Gogh, le campagne olandesi e francesi in cui si rifugiava, gli influssi onirici orientali, i colori del tramonto e della notte che ora prendono vita. Nella stanza segreta, inoltre, si riconoscono i capolavori di autori amici dell’artista, come Monet, Degas e Renoir giunti a Parma da prestigiose collezioni private. La mostra è aperta dalle 9.30 alle 20.00 dal lunedì al venerdì e fino alle 21.00 il sabato e la domenica. Si consiglia di acquistare il biglietto direttamente online: www.vangoghmultimediaexperience.it (intero 12 euro, ridotto 10 euro, gruppi 8 euro, scuole 5 euro).

UNA CASCATA DI FIORI IN EVOLUZIONE
Fino al 18 luglio 2020 una straordinaria cascata di fiori riempie di stupore e bellezza l’Oratorio di San Tiburzio di Parma per Florilegium, la prima personale italiana dell’artista britannica Rebecca Louise Law. Un’installazione, composta da 200mila fiori, dall’Achillea millefolium al Tortum, in costante e organico mutamento, espressione della ricerca dell’artista sull’evoluzione e sul deperimento dell’opera, spesso concepita come architettura floreale larger-than-life e scultura site-specific. Si potrà ammirare fino al 18 luglio e poi da settembre fino al 19 dicembre 2020.

In collaborazione con Cosmoproject e Ad Personam, e curata da OTTN Projects e inserita nel programma di Parma Capitale italiana della Cultura 2020, Florilegium è l’evento di punta di Pharmacopea – progetto di riscoperta dell’identità chimico-farmaceutica della Piccola Parigi, promosso dal Gruppo Chiesi e Davines. Gratuita e adatta ai bambini, Florilegium si può visitare da giovedì a sabato, dalle ore 10.00 alle ore 18.00. www.pharmacopeaparma.it