Tornano le attività didattiche a Palazzo Farnese e al Museo di Storia Naturale

8

PIACENZA – Tornano le attività didattiche a Palazzo Farnese: dal passato al presente, per capire il ruolo della storia e dell’arte. Nel corso della conferenza stampa che si è svolta ieri mattina al Salone Pierluigi, l’assessore Fiazza e la direttrice Antonella Gigli, hanno illustrato l’offerta formativa relativa alle attività didattiche dell’anno scolastico in corso. Presenti anche Micaela Bertuzzi (Arti e pensieri), Valeria Depalmi (Favellarte ed Educarte) e Linda Mazzoleni (Società Piacentina di Scienze Naturali).

Da parte dell’assessore è stata sottolineata l’importanza di queste iniziative didattiche, che rappresentano un supporto alle scuole perché i bambini possano apprendere la storia attraverso la cultura materiale: “Palazzo Farnese rappresenta uno scrigno di conoscenze dirette di grande pregio. Il Comune ha un ruolo sussidiario in questo senso e facciamo il possibile per garantire l’operatività a tutti coloro che, durante l’anno, si dedicano con il cuore e la loro professionalità a queste iniziative”. Antonella Gigli, particolarmente sensibile al tema della didattica museale, ha affermato che queste iniziative favoriscono l’inclusività e la socializzazione, ma soprattutto la conoscenza delle sezioni del Museo: “Dalle carrozze alle armi, dalla Pinacoteca al Tondo di Botticelli, l’interesse è tanto e la visione di queste sale attraverso un percorso didattico ne favorisce l’apprezzamento da parte dei giovani”.

Micaela Bertuzzi ha evidenziato invece che Arti e Pensieri proporrà una serie di attività che partono dalla Preistoria e giungono fino al Medioevo, tenuto conto della Sezione archeologica e del ruolo che ebbe la civiltà medievale nella società piacentina: “Grazie alla collaborazione della Fondazione di Piacenza e Vigevano – ha detto – i bambini visiteranno l’antiquarium Santa Margherita e successivamente, a Palazzo Farnese, si trasformeranno in giovani archeologi attraverso un percorso di manualità, dunque prima storici e poi alle prese con i materiali degli scavi”. Inoltre Arti e Pensieri darà il via a un’iniziativa che collega il passato al presente, “Mostri e mostresse”: “Si tratta di un confronto tra i volti in pietra presenti nella Sezione romana e nel Museo civico con i film d’animazione del nostro tempo, alla scoperta della paura e di mondi lontani, dalla mitologia ai cartoni animati”. E ancora, il mondo greco, egizio, la civiltà degli Etruschi con il reperto più prezioso, il Fegato Etrusco di Palazzo Farnese: “Verranno coinvolti con particolare attenzione anche i bambini diversamente abili, attraverso un viaggio molto suggestivo che li renderà partecipi di queste attività”. Per informazioni, scrivere a didatticaartiepensieri@gmail.com.

Valeria Depalmi ha sottolineato che Educarte proseguirà l’itinerario storico dal Medioevo al Settecento, mentre Favellarte si occuperà delle iniziative che rientrano in “Giocare al museo”. Tutte queste attività si svolgeranno all’interno delle varie Sezioni di Palazzo Farnese: “Si tratta di iniziative rivolte alle scuole dell’infanzia e alle primarie – ha commentato – tra arte e fiaba: centrale il Museo delle carrozze con “Tutti in carrozza con il gatto degli stivali”, con il Re Nasone, in viaggio con Rodari e le nozze di Elisabetta. Approfondiremo per le scuole primarie, sempre partendo dalle carrozze, l’arte di viaggiare, oltre alle vicende di Margherita e il suo Palazzo. Giocare al museo è invece una formula di visita teatrale in cui gli studenti, accompagnati da attori e guide turistiche dell’associazione Favellarte, scoprono le collezioni del Museo incontrando personaggi fantastici”.

Diverso il discorso per Linda Mazzoleni, perché la Società Piacentina di Scienze Naturali si occuperà delle attività didattiche presso il Museo di via Scalabrini: ”Numerose sono le iniziative in cantiere – ha affermato – che coinvolgeranno sia i bambini della scuola primaria sia gli studenti degli istituti superiori; sono già 60 i laboratori previsti e, grazie ai geologi che si presteranno per questo lungo e articolato percorso, vi sarà modo di scoprire l’origine dei terremoti e approfondire il tema della sostenibilità, con escursioni relative al territorio della città e della provincia, particolarmente ricco di suggestioni e di fascino”.

In conclusione, l’idea dell’assessore Fiazza di organizzare un evento speciale per la notte del 31 ottobre, intitolato “Halloween a Palazzo Farnese”: “Nei sotterranei del Palazzo – spiega – i bambini si addentreranno in un viaggio tra streghe e vampiri e cercheranno di affrontare questi mostri, grazie una visita teatrale animata a cura di Favellarte per le famiglie dei bambini dai 4 agli 11 anni”. Le visite avranno la durata di un’ora, dalle 20 alle 21 e dalle 21,15 alle 22,15. Per informazioni telefonare allo 0523.492658 o scrivere a info.farnese@comune.piacenza.it .