Teatro Masini Estate 2019, Faenza – Teatro Ragazzi nella Molinella

64

Da lunedì 1 luglio riparte la Stagione “Family” in Piazza Nenni. Sei spettacoli per le famiglie, i bambini, i giovani di tutte le età

FAENZA (RA) – L’estate 2019 del TEATRO MASINI di FAENZA conferma e amplia la sua impronta “Family”, portando sotto al cielo stellato del “salotto” di Piazza Nenni/Molinella sei appuntamenti con alcune delle migliori produzioni nazionali del Teatro per Ragazzi programmate in tutti i lunedì sera del mese di luglio, fino al 5 agosto.

Gli spettacoli scelti per il cartellone strizzano principalmente l’occhio a fiabe classiche, rilette però con quell’originalità, quella fantasia e quella creatività universalmente riconosciute alle compagnie professionali del Teatro Ragazzi italiano che, infatti e non a caso, è oggetto di interesse ed esportazione in tutta Europa.
Le rappresentazioni offriranno anche una panoramica delle molteplici possibilità, contaminazioni e sperimentazioni che da sempre contraddistinguono la ricerca di questo genere teatrale che, oltre al tradizionale “teatro d’attore”, sarà arricchita da linguaggi ed espressioni artistiche quali il teatro di figura, di narrazione, d’oggetti, d’animazione e tanta musica eseguita dal vivo.

Organizzata dall’Amministrazione Comunale di Faenza, Unione della Romagna Faentina e Accademia Perduta/Romagna Teatri grazie al prezioso sostegno di Confcooperative Ravenna-Rimini, BCC Credito Cooperativo ravennate forlivese e imolese e Scuderia Toro Rosso, l’edizione 2019 di Teatro Masini Estate vuole affermare una volta di più l’importante investimento sulle giovani generazioni, sull’educazione e avvicinamento del “pubblico in erba” alle arti sceniche da sempre attuato dalle Politiche Culturali della città.
Quello delle fiabe è un linguaggio capace di abbattere qualsiasi barriera, arrivando con la stessa poesia e la stessa forza a chiunque, senza distinzioni di età, provenienze culturali o sociali. Il Teatro Ragazzi è pertanto una straordinaria occasione di aggregazione, divertimento, sorprese da vivere e condividere. Possibilità davvero rare che lo spettacolo dal vivo può ancora offrire, ben lontane da quell’isolamento e alienazione insiti invece nella solitaria fruizione del piccolo schermo domestico.

Le rappresentazioni avranno inizio alle ore 21.15 e, in caso di maltempo, si terranno all’interno del Teatro Masini.

Gli spettacoli

• Lunedì 1luglio 2019 ore 21.15
ACCADEMIA PERDUTA/ROMAGNA TEATRI
IL GATTO CON GLI STIVALI
di MARCELLO CHIARENZA
con MARIOLINA COPPOLA, MAURIZIO CASALI
musiche originali di Carlo Cialdo Capelli
regia di CLAUDIO CASADIO

Un mugnaio, ormai vecchio, decide di lasciare mulino e asino ai due figli maggiori, e al più piccolo, non avendo altro, lascia un gatto che si rivelerà subito molto speciale perché capisce, parla e ragiona! Chiede subito al suo padroncino un sacco di farina vuoto e un paio di stivali. Per farne cosa? Il giovane mugnaio decide di fidarsi del gatto e si ritroverà proprietario di un castello e sposo di una principessa!
Una fiaba classica, nata nel 1500 e riproposta in diverse versioni anche da Perrault e dai Fratelli Grimm, giunta fino a noi senza mai sbiadire il suo forte ascendente sull’immaginario dei bambini di tutto il mondo. Non è solamente un racconto picaresco in cui un giovane sfortunato la spunta sui ricchi e i potenti, ma una storia che suggerisce come la parte istintiva che alberga in ognuno di noi abbia il potere di sorprendere, di emergere nei momenti di difficoltà e cambiare il corso della vita.
Tecniche utilizzate: teatro d’attore e di figura

• Lunedì 8 luglio 2019 ore 21.15
ATGTP TEATRO PIRATA
BU BÙ SETTETE!
Fammi ridere che io non ho paura
di SIMONE GUERRO, SILVANO FIORDELMONDO, FRANCESCO MATTIONI
con SILVANO FIOREDELMONDO e SIMONE GUERRO
musiche originali di Simone Guerro e Nicola Paccagnani
regia di SIMONE GUERRO

Quanti bambini sono disposti a confessare le proprie paure? Pochi, quasi nessuno. Eppure tutti abbiamo paura e non dobbiamo avere paura di ammetterlo! A volte basta una risata per vincere la paura! È proprio questo il percorso che faranno i due strani individui protagonisti dello spettacolo: il professor Aristide Menelao Fanfulla da Lodi, studioso di “paura”, e il suo aiutante Miro Vladimiro, timoroso quanto basta a scatenare processi di identificazione nei bambini. I due personaggi hanno la pretesa di liberare chiunque da qualsiasi paura, e lo faranno tramite la narrazione di storie originali e racconti che si perdono nell’alba dei tempi, fino all’epilogo finale dove il buon Vladimiro supererà definitivamente le paure sue e quelle del pubblico.
Tecniche utilizzate: teatro d’attore e di figura

• Lunedì 15 luglio 2019 ore 21.15
TEATRO DELL’ORSA
RODARISSIMO
Girandole di storie per giocare
di e con MONICA MORINI
e con GAETANO NENNA (pianoforte)
collaborazione artistica di BERNARDINO BONZANI

Una girandola di storie accompagnate dalla musica, che corrono sul filo del telefono dove i protagonisti sono tutti in viaggio: Giovannino Perdigiorno che finisce nel paese con le esse davanti, Pulcinella che viaggia nel paese dei gatti o Alice Cascherina che cade ovunque, anche in mare. Miracoli di invenzione ispirati alle Favole al telefono e a Tante storie per giocare. Parole, immagini e colori, per raccontare fiabe dove le strade ti portano lontano, i tamburi fanno ballare civette e briganti, gli “scannoni” invece di sputar fuoco e far la guerra, la disfano. Le storie servono proprio perché in apparenza sembrano non servire a niente, come diceva Gianni Rodari, servono alla poesia, alla musica e all’uomo intero o meglio ancora a completare l’uomo.
Tecniche utilizzate: teatro d’attore e di narrazione con musica dal vivo

oznor

• Lunedì 22 luglio 2019 ore 21.15
PROSCENIO TEATRO
CENERENTOLA IN BIANCO E NERO
di MARCO RENZI da Basile, Perrault e Grimm
con MIRCO ABBRUZZETTI, SIMONA RIPARI
pupazzi di LUCREZIA TRITONE
regia di MARCO RENZI

Lo spettacolo racconta fedelmente la storia che tutti conosciamo
, attraversando i momenti più cari e noti al pubblico di ogni età: ci sarà in scena Cenerentola in carne ed ossa, col suo vestito sporco di cenere e con quello sfavillante con cui si presenta alla festa, ci sarà il Principe, la scarpetta abbandonata e tutto il resto. Non mancheranno, come tradizione della compagnia, pupazzi animati, situazioni divertenti e coinvolgimento diretto del pubblico, anzi, sarà proprio quest’ultimo a decidere quale dei due finali – bianco o nero – è più gradito: lo farà con una regolare votazione, alzando il foglio che gli verrà consegnato all’ingresso. Quella di Cenerentola è storia di mondi magici, di straordinari rapporti con la natura e gli animali, ma è anche storia di una profonda ingiustizia, di riscatto, di prepotenze sconfitte, del bene che trionfa sul male.
Tecniche utilizzate: teatro d’attore, pupazzi e figure animate

• Lunedì 29 luglio 2019 ore 21.15
ACCADEMIA PERDUTA/IL BAULE VOLANTE
L’ACCIARINO MAGICO
da HANS CHRISTIAN ANDERSEN
di e con ANDREA LUGLI
accompagnamento sonoro dal vivo di Stefano Sardi

Lo spettacolo presenta una fiaba di Andersen meno frequentata ma, non di meno, cara all’immaginario collettivo per i significati reconditi che racchiude: la speranza verso il futuro, l’indomita forza della gioventù, l’importanza del coraggio ma anche della prudenza, saper andare nel profondo, superare la paura, domare l’animale misterioso e potente nascosto laggiù, farselo amico e poi, nei momenti di pericolo, saperlo evocare e persino cavalcare. La voce e il corpo narrante di Andrea Lugli si arricchiscono, in questa avventura, della voce di Stefano Sardi con i suoi virtuosismi e con le sue sorprese: canto, suono, evoluzioni multimediali che prendono per mano e portano dentro la storia.
Tecniche utilizzate: teatro di narrazione e accompagnamento sonoro dal vivo

• Lunedì 5 agosto 2019 ore 21.15
ACCADEMIA PERDUTA/TCP TANTI COSI PROGETTI
IL LUPO E I SETTE CAPRETTI
di e con DANILO CONTI e ANTONELLA PIROLI

Un lupo desidera divorare 7 capretti e aspetta l’occasione favorevole che si presenta quando mamma capra li lascia soli per andare a fare spesa. In diverse occasioni il lupo viene scoperto dai capretti che, chiusi nella loro casa perché messi all’erta dalla mamma sull’incombente pericolo, non aprono la porta. Il lupo allora ricorre a stratagemmi e travestimenti, aiutato anche dall’indifferenza ed egoismo di alcuni personaggi della storia cui si rivolge per raggiungere il suo scopo, e riesce infine a divorare sei dei sette capretti, riuscendo a entrare nella loro casa. Il settimo capretto, rifugiatosi dentro la pendola, al ritorno della madre la informa dell’accaduto. Mamma capra si dispera, ma poi cerca il lupo e lo trova immerso nel sonno per avere mangiato troppo in fretta le sue prede che, dentro l’enorme panciona sono ancora vive. Mamma capra allora estrae la prole e mette nella pancia del lupo enormi pietre che saranno la causa della sua morte.
I sette capretti e la mamma festeggiano lo scampato pericolo…
Tecniche utilizzate: teatro d’attore, pupazzi e oggetti

BIGLIETTI posto unico € 4
(ingresso gratuito per bambini 0-3 anni).
Non si effettuano prevendite, né prenotazioni telefoniche.
Nelle sere di spettacolo la Biglietteria aprirà alle ore 20,15 nel Voltone della Molinella.
In caso di maltempo gli spettacoli – e relative biglietterie – si terranno all’interno del Teatro Masini.

Info per il pubblico
+39 0546 21306
teatromasini@accademiaperduta.it
www.accademiaperduta.it