Teatro Asioli – Correggio Jazz 2022: il 27 maggio ENRICO MORELLO quartet + DINO RUBINO quartet

16

Sabato 28 maggio – ENRICO RAVA & DANILO REA

CORREGGIO (RE) – TEATRO ASIOLI

Comune di Correggio

Jazz Network

CORREGGIO JAZZ 2022

(20^ edizione)

Correggio, Teatro Asioli, 16 maggio – 1 giugno

Venerdì 27 maggio

ENRICO MORELLO quartet

“Cyclic Signs”

Francesco Lento – tromba; Daniele Tittarelli – sax alto; Matteo Bortone – contrabbasso; Enrico Morello – batteria, qraqeb, carillon

DINO RUBINO quartet

“Gesuè”

Dino Rubino – pianoforte, flicorno; Piero Delle Monache – sax tenore; Daniele Di Bonaventura – bandoneon; Marco Bardoscia – contrabbasso

Sabato 28 maggio

ENRICO RAVA & DANILO REA

Enrico Rava – tromba, flicorno;  Danilo Rea – pianoforte

Al Teatro Asioli di Correggio prosegue la rassegna Correggio Jazz 2022 – promossa e organizzata da Comune di Correggio e Jazz Network (Crossroads), con il sostegno di WebRanking Srl – con due giorni di concerti italiani, con affermati maestri e nuovi progetti.

Venerdì 27 (ore 21) è in programma il doppio concerto con il quartetto del batterista Enrico Morello e, a seguire, il pianista/trombettista Dino Rubino sempre in quartetto. Sabato 28 (ore 21) è la volta del duo composto da due maestri del jazz nazionale: il trombettista Enrico Rava e il pianista Danilo Rea, due bandiere del jazz italiano nel mondo.

Cyclic Signs (Auand, 2021) è il debutto discografico da leader di Enrico Morello (classe 1988), che pure è un nome tutt’altro che nuovo, essendo da più di un decennio il batterista di riferimento per le formazioni di alto profilo del jazz nazionale, ad esempio quelle di Enrico Rava, Paolo Fresu, Barbara Casini… E trattandosi di un batterista non stupisce che la musica di questo suo quartetto parta dalle fondamenta ritmiche, intese però non come semplice scansione metrica ma come una serie di tracciati multiformi e inattesi. Fin dalla sua uscita (2021), questo esordio ha raccolto il consenso della critica e del pubblico.

Dino Rubino, nato nel 1980 in provincia di Catania, dopo una carriera alternata tra pianoforte e tromba, è riuscito infine a imporsi praticando contemporaneamente entrambi gli strumenti. Vincitore del premio “Massimo Urbani” come miglior talento nazionale emergente nel 1998, Rubino è stato convocato in diverse occasioni da Enrico Rava, cosa che gli ha permesso di farsi notare sulla scena italiana. Da allora ha preso slancio la sua attività di sideman e, in anni più recenti, da leader. Ha registrato diversi dischi per l’etichetta Tuk di Paolo Fresu, contraddistinti da una liricità emozionante e da un suono di tromba che si ispira a Chet Baker.

Enrico Rava e Danilo Rea sono due dei jazzisti italiani più noti a livello mondiale. In passato avevano già occasionalmente suonato in duo. Tornano ora a riscoprire questo format, una situazione che fa scoccare momenti di intenso lirismo, vista la propensione di entrambi all’aforisma sonoro poetico. Ma per quanto la formula del duo sia per sua natura introspettiva per la capacità di mettere a nudo ogni linea strumentale, tra i due musicisti esplodono anche fuochi d’artificio: oltre a cesellare temi trasognati, Rava e Rea sanno infatti come far scattare la frase ascendente, il fraseggio improvvisamente veloce, tenendo il pubblico inchiodato a una narrazione musicale continuamente avvincente. Standard jazz e classici della musica popolare risplenderanno di nuova luce. Rava e Rea si sono frequentati, sui palchi e in studio, anche all’interno di uno dei gruppi più amati del jazz italiano del nuovo millennio: “Un incontro di jazz”, la superband che li vedeva ‘al servizio’ di Gino Paoli.

Ingresso: euro 15 (27/5); euro 18 (28/5).

La biglietteria è aperta dal lunedì al venerdì (giovedì chiuso) e nei giorni di spettacolo dalle 18  alle 19; il sabato dalle 10.30 alle 12.30; nei giorni di spettacolo anche dalle 20 all’inizio dello spettacolo.

Biglietteria del Teatro Asioli, tel. 0522 637813, info@teatroasioli.it, www.correggiojazz.it   (Correggio Jazz è anche su Facebook).

È consigliata la prevendita/prenotazione.

Come previsto dalla normativa vigente, è obbligatorio l’uso della mascherina FFP2 per l’intera permanenza all’interno del teatro.