TARI invariata per le utenze domestiche nel 2021

7

PARMA – Tari 2021 invariata per le utenze domestiche nonostante il nuovo sistema tariffario introdotto da  Arera – Autorità di regolazione per energia reti e ambiente. L’importante obiettivo è stato raggiunto grazie ad un lavoro di squadra tra l’Assessorato al Bilancio, guidato da Marco Ferretti, e l’Assessorato alle Politiche di sostenibilità Ambientale, guidato da Tiziana Benassi che, come coordinatrice del consiglio locale di Atersir – Agenzia territoriale dell’Emilia Romagna per i servizi idrici e rifiuti –,  ha svolto un importante ruolo in questo senso.

Grazie all’impostazione del modello di gestione dei rifiuti urbani adottato a Parma e nonostante gli extracosti generati dalle misure antiCovid-19, anche quest’anno la tariffa rifiuti rimane sostanzialmente invariata. La TARI 2021 per le utenze domestiche, calcolata sulla base del corrispettivo del servizio, che dal 2020 viene stabilito in virtù di un nuovo metodo di calcolo normato dall’Autorità nazionale di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA), porta ad un differenziale medio rispetto all’anno 2020 dello 0,9%.

Importanti azioni di contenimento vengono confermate anche per il 2021 per le utenze non domestiche che vedranno una differenza media sul 2020 dello 0,7%, in termini di tariffa applicata. In aggiunta, la maggioranza delle attività economiche del territorio potrà beneficiare anche delle riduzioni introdotte per mitigare gli effetti dei provvedimenti restrittivi connessi all’emergenza sanitaria, che variano dal 25% al 75% del tributo annuo a seconda della categoria tariffaria di appartenenza.

Il mantenimento delle tariffe invariate rappresenta un successo, unitamente al livello di servizi erogati e alle performance ottenute in termini di percentuale di raccolta differenziata, che si attesta stabilmente oltre l’80% e di produzione procapite di rifiuto residuo inferiore ai 100Kg/ab/anno. Per il 2021 si confermano i progetti sviluppati dall’Amministrazione comunale destinati a migliorare la quantità e la qualità dei rifiuti raccolti separatamente e a ridurre e prevenire la loro produzione; il potenziamento delle dotazioni strumentali in materia di informazione, controllo ed erogazione di nuovi e più efficienti servizi alla cittadinanza. Tra le novità, lo sviluppo di progetti innovativi di pulizia della città legati al miglioramento del decoro.