Stefania Tansini, Alessandra Novaga, Barletti Waas il 4 e 5 settembre a Crisalide Festival di Forlì

9

FORLÌ – Sabato 4 e domenica 5 settembre giornate ricche di eventi a Forlì al Teatro Felix Guattari (Ex filanda Maiani – via Orto del fuoco 3) nell’ambito del festival Crisalide 2021, teatro, danza, musica, filosofia, diretto e organizzato da Masque Teatro.

La giornata di sabato 4 settembre si apre (ore 21) con la danza immersiva e coinvolgente della coreografa Stefania Tansini, che è anche interprete con Miriam Cinieri, di Punti di ristoro, lavoro che indaga la ricerca del piacere, di quegli stati fisici o situazioni nelle quali troviamo appagamento come esseri umani. Situazioni di passaggio che spostano interiormente, che cambiano il battito cardiaco, il respiro, la tensione muscolare, l’adrenalina, in un flusso energetico che amplia spazi, che si abbatte sui corpi o li incorpora.

Stefania Tansini, si diploma come danzatrice presso la Scuola D’Arte Drammatica Paolo Grassi, di fondamentale importanza per il suo percorso sono gli incontri con Enzo Cosimi, Dominique Dupuy, Cesc Gelabert, Jonah Bokaer, Maria Consagra, Jonah Bokaer, Maria Consagra. Simona Bertozzi, Luca Vegetti e Romeo Castellucci. La sua linea artistica è sempre stata accompagnata dalla necessità e dal desiderio di un percorso autoriale di ricerca sul corpo e sul movimento.

A seguire (ore 22) la sorprendente chitarrista Alessandra Novaga presenta il concerto I Should Have Been a Gardener, ispirato a Derek Jarman, regista, fotografo e pittore inglese, e in particolare ai suoi diari, al suo giardino, alla sua vita, alla grande influenza che ha avuto sulla cultura degli anni 80’ e 90’. Suono e silenzio lavorano insieme, la musica cerca redenzione e purificazione in un’atmosfera viva e malata allo stesso tempo, come il giardino di Jarman, un luogo magico dove i coloratissimi fiori che sbocciano tra i ciottoli e le croci costruite con i ferri arrugginiti lasciati dal mare sulla spiaggia, convivono tra il mare e una centrale nucleare all’orizzonte.

Alessandra Novaga è una chitarrista con una solida formazione classica Dopo molti anni trascorsi esclusivamente in ambito classico il suo corso artistico ha effettuato una svolta che l’ha portata a esplorare e a frequentare solo i territori della sperimentazione, della composizione e dell’improvvisazione ridisegnando così il suo rapporto con il suono e la performance. E’ la prima e unica chitarrista in Italia a suonare l’integrale di The Book of Heads di John Zorn. Suona spesso in solo ma le sue collaborazioni passate e correnti includono artisti come Elliott Sharp, Stefano Pilia, Andrea Centazzo, Massimo Falascone, Gianni Mimmo, Patrizia Oliva.

Ricca di eventi anche la giornata di domenica 5 settembre, che comincia con due incontri dedicati alla filosofia: alle ore 18 protagonisti sono il docente di estetica all’università di Bologna Ubaldo Fadini e il giovane studioso Marco Tronconi; mentre alle 19 Raimondo Guarino, professore di Discipline dello Spettacolo nell’Università Roma Tre e la giovane filosofa Arianna Mazzotti sono in dialogo nell’incontro dal titolo Atto di pensiero: dalle leggi di Platone alla riflessione di Agamben sulla dissociazione tra azioni e fini nella potenza del gesto, i margini del discorso filosofico, tra logica, diritto e teologia, trovano scampo in un’ombra sfuggente e necessaria.

Finale di giornata festivaliera (ore 20.30) con il particolare allestimento di Antigone della Compagnia Barletti/Waas, una coproduzione Masque teatro / Festival Crisalide. La figura di Antigone ci interroga da millenni sul conflitto tra potere e responsabilità, tra resistenza e colpa, tra compassione e hybris. Antigone ci parla di una visione del mondo che non si esaurisce nel presente. Ci parla di donne e uomini, di guerra e riconciliazione, di passato e futuro, di comunicazione e incomprensione, di lingua e traduzione, di corpo e mente, di vita e morte. Ci parla del bisogno del teatro. Così lo spettacolo nelle parole della Compagnia: Questo progetto è per noi una possibilità di continuare nel nostro lavoro che consiste, alla fine naturalmente di un precedente lavoro di ricerca e di prove, proprio nell’ incontro e scambio con il pubblico. Ci offre insomma una prospettiva, che è ciò che in questo momento principalmente manca.

Lea Barletti e Werner Waas hanno prodotto, diretto e interpretato un gran numero di spettacoli, fondato una compagnia teatrale (Induma Teatro), fondato un Centro Culturale Multidisciplinare, inventato un premio di drammaturgia contemporanea (Il Centro del discorso, tre edizioni tra il 2008 e il 2011), fondato un’altra compagnia (Barletti/Waas), con la quale attualmente girano e lavorano tra Germania e Italia.

Crisalide vive grazie al contributo e al sostegno di:

MiC, Comune di Forlì, Regione Emilia-Romagna, Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì
Romagna Acque Società delle Fonti

Crisalide e Masque teatro sono in rete e collaborano con il network Forlì.Soglie

Crisalide festival a cura di Masque Teatro, con la direzione artistica di Lorenzo Bazzocchi ed Eleonora Sedioli, giunge alla sua 28^ edizione, edizione che intende radicare ulteriormente la tensione che da sempre anima le azioni molteplici del festival: favorire scambi di pensiero e creare spazi comuni d’esperienza. Su questa necessità fondamentale si innestano tutte le azioni che caratterizzano le l’attività di Crisalide: la coproduzione e l’ospitalità di compagnie di teatro e danza italiane e straniere, la proposta di specifici progetti musicali e di performance, l’ospitalità in residenza sia di artisti emergenti sia di compagnie più strutturate, laboratori per non addetti ai lavori e masterclass dedicate a professionisti, dialoghi tra studiosi ed artisti, incontri sotto forma di “lecture” con teorici delle arti performative e filosofi, tavole rotonde multidisciplinari con artisti ed esperti delle diverse discipline dello spettacolo dal vivo, registi, attori, coreografi, danzatori, performer, musicisti, scenografi, illuminotecnici. A questo percorso interno Crisalide affianca una potente opera di relazione con le realtà culturali del territorio avviando comuni progettualità o favorendo lo scambio sinergico in termini di messa in comune di spazi ed attrezzature oltre che fungendo da traino per la definizione di una strategia comune tesa ad allargare il bacino del pubblico, a fidelizzare quello occasionale e consolidare quello storico.

Masque teatro nasce nel 1992. La forza visionaria del loro teatro si esprime nel complesso dialogo che la compagnia sviluppa tra il discorso filosofico, la creazione di prodigiose architetture sceniche e il fondamentale ruolo della figura. Alcuni spettacoli hanno aperto una possibilità che identifica non solo una cifra stilistica, ma una nuova modalità produttiva ed una innovata relazione con il pubblico. Nel 1997 ricevono il Premio Gabbiano d’Argento al festival Anteprima Cinema Indipendente di Bellaria e il premio produzione al festival Riccione ttv. Nel 2000 ricevono l’Ubu Premio speciale della giuria per il progetto Prototipo e nel 2002 il Premio Francesca Alinovi all’attività artistica. Dal 1994 sono ideatori e organizzatori del festival Crisalide. Nel 2014 insieme ai filosofi Carlo Cini e Rocco Ronchi danno vita a Praxis. Scuola di filosofia.

PER INFORMAZIONI:

Info: Masque teatro / 393.9707741 masque@masque.it

www.crisalidefestival.eu

Biglietti: 8 € per le serate che prevedono un solo spettacolo

10 € per le serate che prevedono due spettacoli

 

Non sei vaccinato? Vuoi venire a Teatro? Ingresso omaggio se ti presenti con un tampone valido

In ottemperanza al Decreto n.105 del 23 luglio 2021, per accedere all’evento è necessario essere in possesso del green pass o di un tampone molecolare o antigenico negativo fatto nelle 48 ore precedenti allo spettacolo. Inoltre è obbligatorio possedere una mascherina da indossare in caso di assembramento o ingresso in spazi al chiuso.

 

 

Forlì

CRISALIDE FESTIVAL XXVIII

La cura di sé come pratica della libertà

30 luglio – 17 ottobre 2021

a cura di Masque Teatro,

con la direzione artistica di Lorenzo Bazzocchi ed Eleonora Sedioli

22 tra spettacoli, performances, concerti, debutti e anteprime nazionali

7 incontri, atti di pensiero e trialoghi filosofici, oltre 20 artisti e compagnie tra le più interessanti della scena contemporanea. Sul palcoscenico: Cristina Kristal Rizzo ed Enrico Malatesta, Teatro delle Albe, Teatro Akropolis, Bluemotion, Carlo Massari, Fabrizio Ottaviucci, Teatro delle Moire, Fanny & Alexander, Giacomo Piermatti e Stefano Ricci, Ateliersi, Stefania Tansini, Alessandra Novaga, Barletti Waas, Opera Bianco, Teatro del Lemming, Masque Teatro, Motus

Teatro Felix Guattari

Ex filanda Maiani – via Orto del fuoco 3, Forlì

sabato 4 settembre 2021

Stefania Tansini / Punti di ristoro ore 21.00 – danza

Alessandra Novaga / I Should Have Been a Gardener ore 22 – musica

Domenica 5 settembre 2021

Ubaldo Fadini e Marco Tronconi ore 18 – filosofia

Raimondo Guarino e Arianna Mazzotti ore 19 – Atto di pensiero

Barletti Waas / Antigone ore 20.30 – teatro