Sogni, visioni e segni zodiacali nei capolavori di Karlheinz Stockhausen che inaugurano la 69esima Sagra Musicale Malatestiana

RiminiRIMINI – La 69esima edizione della Sagra Musicale Malatestiana di Rimini si inaugura lunedì 6 agosto – ore 21.30 alla Sala Pamphili del Complesso degli Agostiniani –con un progetto dedicato a Karklheinz Stockhausen, genio musicale del Novecento e a due opere visionarie: Aus den sieben Tagen (Dai sette giorni) e Tierkreis (Zodiaco).

“Il mio sogno è trasformare l’intero mondo in musica” dichiarò un giorno il musicista che nel più totale isolamento nell’arco di una settimana – proprio nei giorni del maggio del 1968 scossi in tutto il mondo dalla protesta studentesca – elaborò Aus den sieben Tagen, sequenza di esercizi e meditazioni necessari perché gli interpreti possano raggiungere l’intuizione richiesta dall’autore.

Originalissimo traguardo di libertà, rigore e improvvisazione, il ciclo di quindici composizioni coinvolgerà nella sua esecuzione il chitarrista Magnus Andersson, il trombonista John Kenny, il baritono Nicholas Isherwood, il violoncellista Rohan de Saram, il flautista Roberto Fabbriciani, tutti nomi di prestigio della scena musicale contemporanea. A quest’opera – proposta a cinquant’anni dalla sua creazione – si accompagna Tierkreis, un altro ciclo musicale immaginato da Stockhausen, questa volta assegnando una diversa melodia a ciascuno dei dodici segni zodiacali.

Per la nuova produzione della Sagra Musicale Malatestiana la sequenza dello Zodiaco sarà presentata nella versione per voce e pianoforte affidata a Elisa Prosperi e Amadea Lässig, giovani interpreti vincitrici al New Music Project 2017 promosso dai San Marino International Summer Courses. Per questa occasione Luca Brinchi e Daniele Spanò realizzeranno un progetto appositamente concepito per lo spazio della sala Pamphili.

“Le due interpreti – spiegano i due affermati video-artisti – saranno inserite all’ interno di un dispositivo di immersione nello spazio, ottenuto grazie all’utilizzo di videoproiezioni di grande formato”. Per questo progetto Brinchi e Spanò focalizzeranno la propria ricerca “sull’elaborazione di immagini evocative dei quattro elementi di cui i segni zodiacali fanno parte: aria, acqua, terra e fuoco, senza dimenticare però le singole peculiarità dei segni che la musica di Stockhausen tende a sottolineare. Dodici quadri visivi, dodici atmosfere in un dialogo continuo tra la musica e lo spazio.”

L’intero progetto è realizzato grazie alla collaborazione con i San Marino International Music Summer Courses.

Nella giornata inaugurale della Sagra Musicale Malatestiana, sarà presentato in anteprima – ore 19 alla Libreria RimineseIl viandante musicale, volume di scritti postumi di Mario Bortolotto, appena pubblicato dalla casa editrice Adelphi.