Slow Food presenta guida osterie 2019 questa sera a FICO

A cena con quattro osterie premiate dall’Emilia Romagna

BOLOGNA – Quattro Osterie, quattro modi di portare a tavola le materie prime e i piatti dell’Emilia-Romagna in un’ideale giro della regione che parte dal mare per arrivare all’Appennino, nel segno della cucina di tradizione, interpretata dai migliori locali secondo Slow Food. E’ la cena che si terrà questa sera dalle 20.30 a FICO Eataly World, dove il ristorante Pasta Bologna ospiterà le Osterie dell’Emilia-Romagna premiate dalla Guida Slow Food. Durante la serata, l’edizione 2019 della Guida alle Osterie d’Italia verrà presentata dai curatori Eugenio Signoroni e Nico Lusoli, affiancati dalla coordinatrice di Slow Food Emilia Romagna Raffaella Donati, che hanno scelto FICO per raccontare il meglio della regione a tavola e in cantina. Ogni coppia di partecipanti alla cena riceverà una copia del volume in omaggio, e l’intero ricavato sarà devoluto all’Emporio Solidale “Il Sole” dell’Unione dei Comuni Reno Lavino Samoggia (BO).

Il Parco del cibo ospita la 29esima edizione del sussidiario del mangiarbere all’italiana che è stato appena pubblicato per i tipi di Slow Food Editore, e racconta il lavoro troppo spesso sottovalutato delle cuoche e degli osti italiani, con la diversità, l’originalità e la capacità di interpretare la cucina secondo la loro personalità. Sono 121 su 1.617 i locali emiliano-romagnoli segnalati nella guida alle Osterie d’Italia 2019, tra questi 20 Chiocciole (i locali particolarmente in sintonia con la filosofia Slow Food), 12 Formaggi, 31 Bottiglie e, novità di quest’anno, 3 esercizi segnalati per la particolare attenzione all’olio extravergine d’oliva, sia in cucina che in sala, tra i quali proprio Amerigo di Savigno, che ospita la cena ed è presente a FICO con il suo “Pasta Bologna”.

Nella cena di questa sera, saranno “rappresentati” dallo Sirocco di Igea Marina, che proporrà la “Seppiolina ripiena cotta alla brace con sugo e polenta”; la Badessa di Casalgrande, nel Reggiano (premio migliori Giovani Osti), con la “Bombetta di riso, ossobuco in ragù e crema agra di piselli”; il Don Abbondio di Forlì e il suo “Stracotto di bovina romagnola con salsa al sangiovese e contorno di purè di sedano rapa”; “Amerigo dal 1934” di Savigno – il “padrone di casa” che ospita la cena – proporrà il dolce “Gelato di Panspzèl Billi con crema di Rosa Romana”. Le cantine in abbinamento saranno la Fedrizzi Alessandro, Castello di Serravalle (BO), che ha ottenuto il premio migliori Giovani Vignaioli, La Tosa di Vigolzone (PC), i Vini Marta Valpiani di Castrocaro Terme (FC).

Per informazioni e prenotazioni: 338 3301548 | info@pastabologna.it