Seconda parte di CRUDO festival dal 26 al 28 aprile al Teatro Dehon di Bologna

4
Gioia Morisco

BOLOGNA – Dal 26 al 28 aprile (ore 21.00) va in scena al Teatro Dehon (via Libia 59, Bologna) la seconda parte CRUDO, Festival di danza contemporanea e performing art, a cura di Leggere Strutture Art Factory.

Crudo Festival ha il patrocinio del Comune di Bologna ed è in collaborazione con il Teatro Dehon di Bologna.

Martedì 26 aprile CRUDO Festival si apre con performance Viva la mammamanuale senza istruzioni, di e con la danzatrice e coreografa Gioia Morisco, significativa rappresentante nel panorama della danza contemporanea, una produzione Scenario Pubblico. Un viaggio nel femminile e nei misteri della creazione in forma di assolo. Attraverso il movimento la performer indaga la delicata e al tempo stesso stravolgente avventura del diventare madre. Gioia Morisco, danzatrice freelance, insegnante di danza e coreografa, ha collaborato con svariati artisti tra cui Ismael Ivo, Kenji Takagi, Geyvan McMillen, Tan Temel Istanbul Dance Theatre, Josè Navas Compagnie Flak, Daniel Lèveillé, Inaki Azpillaga, Ryuzo Fukuhara, Jasmeen Godder, Itzik Galili e Manfredi Perego. Danzatrice storica della Compagnia Artemis Danza di Monica Casadei e della CZD di Roberto Zappalà.

A seguire tre performance nell’ambito di Anfibia, programma multidisciplinare ed immersivo per performer e danzatori contemporanei, che rappresenta una significativa sezione del Festival CRUDO. Si inizia con la performance dal titolo Sismographe da un’idea e coreografia di Matthieu Ruf, con i danzatori Salomé Abbou, Eglė Nešukaitytė, Silvia Ripamonti e Matthieu Ruf. A seguire Atlas, con le coreografie di Christian Sidoti in scena con la Noemi Malito. Si prosegue con la performance Rigurgito di e con Silvia Ripamonti e la guida di Martina La Ragione. Conclude la serata Don’t miss your wild traits, coregrafia e interpretazione di Federica Marcoleoni.

Mercoledì 27 aprile apre la serata del Festival CRUDO l’artista israeliano Yotam Peled, tra i più significativi interpreti della danza contemporanea, presenta Migrena 2×2 performance solista ibrida, interpretazione astratta e contemporanea della storia del biblico Giona, che esiste in uno spazio surreale fatto di frammenti di memoria, introducendo sospensione e manipolazione di oggetti nel movimento. Yotam Peled, ha lavorato come artista freelance con diversi coreografi europei, tra cui Maura Morales, Yann L’Hereux, Troels Primdahl, Jill Crovisier e Mitia Fedotenko. Tra i suoi lavori la performance solista “Boys Don’t Cry” ha ricevuto premi da Awaji Circus Art, Würzburg tanzSpeicher, MASDANZA, Gdansk Dance festival e Corpomobile Rome.

A seguire le performance dei giovani artisti del progetto Anfibia. Si apre con lo spettacolo For: Lila, di e con la giovane coreografa e danzatrice Astrid Valencia; segue la performance Iris da un’idea di Francesco Campolo, le coreografie di Antonia Peris, Matthieu Ruf, e Silvia Ripamonti e l’interpretazione di Astrid Valencia e Diana Dragu. La serata termina con Oltre Il muro di e con Noemi Malito assieme sul palco ai danzatori Astrid Valencia, Diana Dragu, Antonia Peris, Matthieu Ruf, Silvia Ripamonti, Beatrise

Anda Ozolina, Francesco Campolo, Christian Sidoti, Federica Marcoleoni, Salome Abbou, Isabel Vivienne Ponto, Eglė Nešukaitytė, con la guida di Martina La Ragione

Giovedì 28 aprile (dalle ore 21) CRUDO si conclude con la creazione A Peso Morto del talentuoso danzatore e coreografo Carlo Massari, che ne è anche l’interprete, una produzione C&C Company. A peso morto rappresenta la pietas contemporanea con una fisicità che alterna lunghi momenti di staticità a improvvisi cedimenti, dinamiche e antidinamiche, distorsioni, disadattamento, sviluppando una profonda indagine sui cambiamenti e le dinamiche sociali. La Compagnia C&C Company, nata dall’incontro artistico tra Carlo Massari e Chiara Taviani, denota fin dagli esordi una vocazione per l’ibridazione tra danza e physical theater con altri codici artistici, e quindi con la parola recitata e cantata, con il cinema, con la musica e con l’arte contemporanea e performativa, perfettamente calzante con l’ecletticità e versatilità dei suoi performer e avvalendosi di preziose collaborazioni con professionisti provenienti da tutta Europa. Tra le numerose produzioni che vantano intense tournée in Italia e all’estero, oltre che prestigiosi riconoscimenti internazionali – tra cui Hiver Oclytes/Les Hivernales, International Choreographic Competition Hannover, Zawirowania Competition, Konzert Theater Berne, Machol Shalem Dance Competition, ACT Festival, Premio Roma Danza, CrashTest.

A seguire va in scena, nell’ambito del progetto Art Factory International, la piecé inedita rivisitata della celebre compagnia Ultima Vez Company, realizzata tramite un periodo di residenza dal coreografo e assistente spagnolo Eduardo Torroja con i giovani danzatori del progetto.

CRUDO Festival, è una tappa importante del progetto SpazioCrudo, ideato da Leggere Strutture Art Factory e realizzato grazie al contributo per le attività Culturali 2021 del Comune di Bologna. SpazioCrudo è una piattaforma indipendente dedicata alle arti performative e alla danza, un luogo di sperimentazione permanente, uno spazio con una natura libera ed aperta alla condivisione e alla ricerca di giovani artisti, di artisti già affermati e compagnie. I progetti di SpazioCrudo proseguono poi nel corso dell’anno con eventi, rassegne, incontri e approfondimenti. Una continuità fluida e permanente che Leggere Strutture vuole instaurare per creare un ponte tra uno “spazio crudo”, di prove, di creazione e sperimentazione per arrivare poi alla messa in scena su un grande palcoscenico come quello del Teatro Dehon.

Per info: https://www.spaziocrudo.com/

http://www.leggerestrutture.it/artfactory/

Biglietto unico: 12,00 euro

Biglietti online disponibili sul circuito Vivaticket.

https://www.vivaticket.com/it/biglietto/festival-crudo-leggere-strutture-2022/174421

I biglietti si possono acquistare presso la biglietteria del Teatro Dehon dal lunedì al sabato, ore 15-19, oppure un’ora prima dell’inizio di ogni spettacolo.

Nel rispetto delle normative vigenti, si ricorda che per accedere alla sala sarà necessario esibire il Green Pass Rafforzato e indossare la mascherina FFP2 per tutta la durata degli spettacoli

TEATRO DEHON

(via Libia 59, Bologna)

CRUDO FESTIVAL

prima edizione

danza contemporanea e performing art

20|21|26|27|28 aprile 2022 ore 21.00

a cura di Leggere Strutture Art Factory

Martedì 26 aprile dalle ore 21.00

Viva la mammamanuale senza istruzioni di e con Gioia Morisco

a seguire performance del progetto Anfibia

Mercoledì 27 aprile dalle ore 21.00

Migrena 2×2 di e con Yotam Peled

a seguire performance del progetto Anfibia

Giovedì 28 aprile dalle ore 21.00

A Peso Morto di e con Carlo Massari

a seguire performance del progetto Art Factory International

Ultima Vez Company, di Eduardo Torroja