“Scuole Sicure”, nuovo incontro per genitori e insegnanti

30

Martedì 23 febbraio dialogo con operatori di Polizia locale e Servizio Dipendenze. Nei giorni scorsi formazione per educatori e forze dell’ordine su aggregazioni giovanili

MODENA – Nell’ambito del progetto Scuole sicure, martedì 23 febbraio, dalle 19 alle 21, è in programma un incontro in video call con Polizia locale e Servizio dipendenze dell’Azienda Usl di Modena per confrontarsi e saperne di più. A dialogare con genitori e insegnanti saranno appunto l’ispettore capo Luigi Scannapieco del Nucleo problematiche del territorio della Polizia locale di Modena e gli psicologi del Servizio Dipendenze.

In questi mesi gli operatori della Polizia locale e dell’Ausl di Modena, grazie alla collaborazione degli istituti scolastici, si sono confrontati con circa 280 studenti per parlare degli effetti delle droghe sulla psiche e sull’organismo, di come si sviluppano le dipendenze partendo dall’assunzione di quelle che vengono definite “droghe leggere” passando poi quasi automaticamente alle altre sostanze, ma anche delle conseguenze legali, amministrative e penali a cui si va incontro utilizzando o cedendo droghe. Nonostante gli incontri si siano svolti a distanza, i ragazzi hanno interagito volentieri, sottoposto tante domande e condiviso anche qualche esperienza che ha stimolato il dibattito guidato dagli operatori dell’Aps Civibox.

L’incontro di martedì è invece rivolto a genitori e insegnanti e vuole essere un momento formativo e di confronto con figure di riferimento per i ragazzi. Sarà soprattutto l’occasione per riflettere e confrontarsi, aprire gli occhi su certe situazioni, chiedere consigli e ottenere informazioni utili.

Per partecipare è necessario inviare una richiesta per posta elettronica (info@civibox.it) indicando nome e cognome, se si è genitore o insegnante e specificando l’indirizzo e-mail a cui ricevere il link per la connessione alla piattaforma Zoom.

“Scuole Sicure: azioni integrate tra prevenzione e contrasto al consumo e spaccio di sostanze stupefacenti” è un progetto del Comune di Modena ammesso a finanziamento dal Ministero dell’Interno. Accanto ad attività di contrasto allo spaccio e al consumo di stupefacenti, mette in campo una serie di interventi educativi di prevenzione con la collaborazione delle istituzioni scolastiche, rivolti a studenti, genitori e docenti.

Era invece rivolto a operatori della Polizia locale e delle Forze dell’ordine, a educatori e operatori sociali l’incontro di formazione che si è svolto il 17 febbraio nell’ambito del Progetto di Educativa di strada promosso dal Comune di Modena. L’incontro, tenuto dal coordinatore regionale delle Unità di strada, era dedicato al tema delle aggregazioni giovanili. L’iniziativa si inserisce nelle attività che l’amministrazione comunale sta portando avanti per coinvolgere i soggetti interessati nella gestione delle problematiche sul territorio che coinvolgono i giovani.

Foto: un momento dell’incontro per educatori e forze dell’ordine nell’ambito del progetto sull’Educativa di strada