Scuole, il Comune investe 150mila euro per la sicurezza del trasporto dei bambini

19

municipio-ferraraL’ass. Kusiak: il servizio garantisce distanziamento, sanificazione e copertura delle diverse zone di residenza delle famiglie

FERRARA – “La scuola è per noi un servizio prioritario e in questo momento da parte del Comune di Ferrara c’è la massima attenzione per garantire la prosecuzione in sicurezza delle attività scolastiche, con particolare attenzione per il trasporto“. Così l’assessore alla Pubblica istruzione Dorota Kusiak spiega tutte le precauzioni che a livello di amministrazione comunale sono state prese per l’emergenza sanitaria da Coronavirus per quel che riguarda il trasporto degli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

“Per garantire la quantità di mezzi necessari a garantire il distanziamento richiesto e il rispetto dei protocolli– spiega l’ass. Kusiak – abbiamo investito 150mila euro che hanno consentito l’adeguamento del trasporto in base alle prescrizioni di sicurezza legate al covid-19 (capienza massima dell’80% dei posti disponibili, sanificazione scuolabus, marker segnaposto, mascherine, gel igienizzanti). I bus utilizzati quotidianamente sono 16 e per alcuni percorsi i mezzi predisposti sono più grandi di quelli previsti l’anno scorso, per potere mantenere i posti distanziati”.

I bambini che vengono trasportati sono 366 per la copertura di circa 200mila chilometri, che verranno percorsi nell’arco dell’anno scolastico 2020-21. “Importante evidenziare – dice la Kusiak – che insieme alla ditta La Valle abbiamo organizzato il piano del servizio personalizzato sulla base delle residenze dei bambini e delle scuole frequentate, così da dare risposta a tutte le famiglie che hanno chiesto il servizio e che in questo modo sanno che i loro figli possono fare il tragitto in assoluta sicurezza”.

Da parte del Comune – conclude l’assessore comunale – è stata data disponibilità alla Provincia a collaborare per individuare le criticità e trovare soluzioni in merito all’organizzazione del trasporto e della didattica anche per quel che riguarda i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado.