San Martino in Rio, via ai lavori di messa in sicurezza della Sp 105

48

Provincia di Reggio EmiliaL’intervento prevede l’ampliamento della strada provinciale 105, che attraversa gli abitati di Stiolo e di Osteriola

SAN MARTINO IN RIO (RE) – La Provincia di Reggio Emilia ha consegnato martedì i lavori relativi all’ampliamento della Sp 105 che attraversa gli abitati di Stiolo e di Osteriola e alla realizzazione di una pista ciclo-pedonale a Molino di Gazzata. Ad aggiudicarsi l’appalto – per un importo complessivo di 2 milioni di euro – è stata l’impresa S.I.P Società Industrie Pietrisco (SIP) Spa, che ha offerto un ribasso del 17,49% e 90 giorni di anticipo sul termine di ultimazione lavori, la cui conclusione è prevista per la fine dell’anno.

“Si tratta di un’opera attesa da tempo dalla comunità, molto importante per la sicurezza di automobilisti, pedoni, ciclisti e di chi abita lungo la Sp 105, che rappresenta il naturale e necessario completamento della Variante Sud di San Martino in Rio, realizzata nell’ambito dell’accordo di programma stipulato nel 1998 ad integrazione dell’atto di accordo tra Tav e Provincia relativo agli interventi sulla viabilità funzionali all’Alta velocità”, dichiarano il presidente Giammaria Manghi e il consigliere provinciale delegato alle Infrastrutture, Andrea Tagliavini.

I lavori previsti riguardano l’allargamento della Sp 105 compreso tra la parrocchia di Stiolo e l’incrocio con via Cà Bruciata attraverso il tombamento dei fossati sui due lati della strada; la realizzazione di una pista ciclopedonale di dimensioni adeguate a fianco della Sp 105, nel tratto compreso tra Molino di Gazzata e Stiolo, e la creazione di una rotatoria a Osteriola tra via Stradone, nell’ultimo tratto sufficientemente ampia per accogliere una circolazione più intensa, e via Roma, particolarmente frequentata dai mezzi pesanti in transito da Campogalliano verso San Martino e verso Correggio.

Come noto la messa in sicurezza della Sp 105 rientra tra i lavori che la Provincia di Reggio Emilia ha deciso di sbloccare violando il Patto di stabilità in considerazione della indispensabilità di questi interventi, da tempo concordati con il Comune e i cittadini nel corso di diverse assemblee pubbliche.