Salute donna, un webinar aperto alla cittadinanza sull’attività della Breast Unit del Ramazzini di Carpi

89

Martedì 26 aprile, alle ore 17.30

MODENA – L’Ospedale Ramazzini di Carpi partecipa con tre iniziative alla settima edizione dell’(H) Open Week che si terrà dal 20 al 26 aprile, promossa da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, con l’obiettivo di promuovere l’informazione, la prevenzione e la cura al femminile. L’evento si inserisce nell’ambito della ricorrenza del 22 aprile, Giornata nazionale della Salute della Donna.

Il webinar – Martedì 26 aprile alle ore 17.30 si terrà il webinar aperto alla cittadinanza “Il tumore del seno: approccio multidisciplinare presso l’Ospedale di Carpi”.

Link e istruzioni per collegarsi alla pagina www.ausl.mo.it/h-open-salute-donna.

Moderato dal dottor Francesco Casulli (Direzione Sanitaria Ospedale Carpi), l’incontro online affronterà diversi temi, tra cui prevenzione e screening dei tumori femminili, per poi incentrarsi sull’attività della Breast Unit dell’Ospedale Ramazzini di Carpi.

Interverranno:

       Katia Cagossi (Oncologia): prevenzione primaria e promozione della salute

       Pasqualina Esposito (Programma Screening Oncologici): i percorsi di screening in provincia di Modena

       Pietro Torricelli/Francesca Mazzi (Screening Mammografico): la presa in carico della donna nel programma di screening mammografico

       Sonia Ferraresi (Radiologia): oltre lo screening: la radiologia clinica nel percorso eredo-familiare, nelle pazienti sintomatiche e non in età di screening

       Caterina Crivellaro (Case Manager Breast Unit): presentazione della Breast Unit, approccio multidisciplinare e organizzazione (certificazione Eusoma)

    Maria Grazia Lazzaretti/Marco Golinelli/Antonella Macolino (Chirurgia): approccio chirurgico in ambito multidisciplinare e collaborazione con la Chirurgia plastica e ricostruttiva del Policlinico

       Katia Cagossi/Alessia Ferrari/Umberto Ferrari (Oncologia): approccio globale alla malattia (trattamento chemioterapico adiuvante e cure palliative)

       Frank Lohr (Radioterapia): trattamento radioterapico (adiuvante e stabilizzante/antalgica nella paziente metastatica)

       Dania Barbieri (Psicologia Ospedaliera): supporto psicologico nel percorso della malattia

       Filomena Zarrella (Fisiatria): presa in carico riabilitativa nel post-trattamento

Al termine degli interventi sarà dato spazio alle domande dei partecipanti.

Colloqui con lo specialista – Altra iniziativa in programma è quella relativa ai colloqui, su prenotazione, della durata di 15 minuti con il dottor Paolo Venturini, specialista ginecologo-oncologo, che si terranno mercoledì 20 aprile dalle 16 alle 19.

Le donne interessate possono inviare la richiesta all’indirizzo mail preopgincarpi@ausl.mo.it, specificando nell’oggetto COLLOQUIO INIZIATIVA ONDA, o telefonare allo 059/659356 dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 13.30. Alle partecipanti verrà poi inviato un link con le istruzioni per collegarsi e l’orario in cui si svolgerà il colloquio virtuale.

Casella mail dedicata – Infine, durante la settimana dell’evento (20-26 aprile) sarà a disposizione l’indirizzo email weeksalutedonna@ausl.mo.it per inviare domande su tematiche inerenti prevenzione, diagnosi e terapia del tumore del seno, a cui risponderanno direttamente i medici specialisti per la parte di competenza clinica.

La Breast Unit di Carpi – La Breast Unit dell’Azienda USL di Modena garantisce l’assistenza sulla Provincia di Modena, insistendo particolarmente sull’area Nord. L’accesso al percorso multidisciplinare avviene secondo quattro modalità: da screening (programma provinciale di Ausl Modena); da mammografia clinica (Radiologia di Carpi, Mirandola, Ambulatori privati accreditati dell’area Nord); da Consultorio; con invio al percorso da parte del Medico di medicina generale tramite il contatto diretto con un membro del team. Non è la donna a dover contattare i diversi professionisti: tutto avviene all’interno del Centro di senologia, in strutture integrate dal punto di vista funzionale. Prevenzione e screening, approfondimento diagnostico, terapia, follow up e riabilitazione: nella Breast Unit l’assistenza è costruita intorno alla paziente, che viene presa per mano per affrontare il carcinoma mammario attraverso un approccio che offre le maggiori chances di guarigione.