Sabato 8 maggio: Lasciate le mie ali al loro posto. Viaggio nelle lettere di Federico Garcia Lorca”

27
Roberto Latini. Foto ©Masiar Pasquali

BOLOGNA – Sabato 8 maggio 2021 è il premio UBU Roberto Latini l’ospite del secondo appuntamento di maggio di Agorà. Sul palcoscenico del Teatro Alice Zeppilli di Pieve di Cento-Bo (p.zza A. Costa, 17) alle 18.00 l’artista romano è in scena con Lasciate le mie ali al loro posto. Viaggio nelle lettere di Federico Garcia Lorca, lettura teatrale di testi del grande poeta e drammaturgo spagnolo. La composizione testi è a cura di Elena Di Gioia con Roberto Latini.

Lasciate le mie ali al loro posto. Viaggio nelle lettere di Federico Garcia Lorca è un viaggio nell’immaginario e nel mondo di Federico Garcia Lorca, uno dei poeti più appassionati e tragici del Novecento, restituiti dalla maestria di Roberto Latini, tra gli artisti più importanti della scena contemporanea. Lettere, poesie, discorsi, brani teatrali con alcune riscoperte di testi non particolarmente noti al pubblico italiano, aprono l’immaginario e la produzione di Lorca, rivelando nuove sfumature e nuove visioni sull’opera. La lettura teatrale di Roberto Latini si concentra su alcune lettere di Federico Garcia Lorca in particolare ai famigliari, agli amici, a Salvador Dalì.

Dalle lettere si aprono poesie (dai Sonetti dell’amore oscuro a Poeta a Nueva York fino a Romancero gitano) per arrivare, attraverso alcuni discorsi pubblici di Lorca sul ruolo dell’autore e della voce della poesia, al teatro. In scena le immagini dei disegni di Federico Garcia Lorca.

Introduce questo viaggio teatrale, il prof. Rafael Lozano Miralles (Università di Bologna), tra i massimi studiosi dell’opera di Federico Garcia Lorca.

Roberto Latini, attore, autore e regista, si è formato a Roma presso Il Mulino di Fiora, Studio di Recitazione e di Ricerca teatrale diretto da Perla Peragallo, dove si è diplomato nel 1992. Tra gli altri, ha ricevuto il Premio Sipario nell’edizione2011, il Premio Ubu 2014 come Miglior Attore e il Premio della Critica 2015. Direttore del Teatro San Martino di Bologna dal 2007 alla primavera del 2012, è il fondatore della compagnia Fortebraccio Teatro. Ha ricevuto il Premio Ubu 2017 come Miglior Attore o Performer per lo spettacolo Cantico dei Cantici.

Agorà, giunta alla 5° edizione, è la rassegna teatrale itinerante nei comuni dell’Unione Reno Galliera nella Area metropolitana di Bologna: Argelato, Bentivoglio, Castel Maggiore, Castello d’Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale. La rassegna è promossa da Unione Reno Galliera con la direzione artistica di Elena Di Gioia, realizzata con il contributo di Regione Emilia-Romagna e prodotta da Associazione Liberty.

Al centro di Agorà un articolato progetto di teatro diffuso: spettacoli, laboratori, incontri, nuove creazioni e condivisioni con artisti della scena contemporanea, nei teatri e nei luoghi diffusi di otto comuni della Unione Reno Galliera nella Area metropolitana di Bologna.

Main sponsor: Unipol Gruppo e Hera

Sponsor Coop Alleanza 3.0, Coop Reno, Gruppo Camst, Lachiter, Borghi Impianti oleodinamici S.p.a., Società Dolce,

Ariostea Broker, Emil Banca, Energy Group, Roboqbo, ASA Azienda Servizi Ambientali S.C.p.A,

Media partnership: RadioEmiliaRomagna

Per informazioni:
Posti limitati. Prenotazione obbligatoria
Dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13

Telefono, WhatsApp e SMS: 333.8839450

biglietteria.teatri@renogalliera.it

Biglietti: Ingresso unico 8 € | Under 18 anni: € 5

Per il programma completo: www.stagioneagora.it
www.renogalliera.it/agora

 

 

 

 

Agorà

stagione teatrale 2020-2021- Seconda parte: gennaio-maggio 2021

promossa da Unione Reno Galliera

con il contributo di Regione Emilia-Romagna

direzione artistica Elena Di Gioia

produzione Unione Reno Galliera e Associazione Liberty

Sabato 8 maggio ore 18.00

Teatro Alice Zeppilli, p.zza A. Costa, 17 Pieve di Cento (Bo)

Lasciate le mie ali al loro posto

Viaggio nelle lettere di Federico Garcia Lorca

Roberto Latini

Prologo di Rafael Lozano Miralles – Università di Bologna