Risonanze dantesche, una serata di festa al teatro “A. Bonci” per la chiusura della mostra “Scene dantesche” (FOTO)

4
Risonanze dantesche

L’evento celebra tre grandi anniversari: il 700esimo di Dante, il 90esimo del Teorema di incompletezza di Godel e il centenario (nel 2022) dell’Ulisse di Joyce

CESENA – Mercoledì 25 agosto, alle 21, il Teatro “A. Bonci” aprirà le porte alla città per “Risonanze dantesche”, una serata di festa pensata e organizzata in occasione della conclusione della mostra “Scene dantesche”, performance di immagini, parole e musica che dal 19 giugno è stata allestita nell’antro della platea, senza poltrone, ma piena di suggestioni.

L’evento conclusivo della mostra, con la regia di Gabriele Marchesini, le voci poetiche di Loris Babbini, Roberto Mercadini, Gabriele Marchesini, accompagnati dalle musiche di Fabrizio Sirotti, dalla voce fuori campo di Angela Baviera e dalle immagini di Matteo Bosi, si richiama per un verso all’inaugurazione del Teatro che venne festeggiata con serate composite di musica, parole  e movimento e per un altro ad un groviglio di riferimenti culturali, artistici e teatrali, annodati attorno all’omaggio che i progettisti del Teatro vollero destinare a Dante Alighieri. Il contenuto della serata è infatti motivato da tre importanti e diversissimi anniversari, due dei quali cadono nel 2021, il 700esimo della morte di Dante, che è stato destinatario di una molteplicità di iniziative, il 90esimo del Teorema di incompletezza di Gödel, il risultato matematico e logico più importante del Novecento, quasi dimenticato. Il terzo viene qui ricordato in anticipo perché nel 2022 ricorre il centenario della pubblicazione dell’Ulisse di Joyce. Tre eventi apparentemente sconnessi tra loro, ma in realtà intrecciati da fili sottilissimi e sotterranei, e comunque uniti dalla capacità del teatro di rappresentare la sensibilità contemporanea.

Dante è presente nell’arredo artistico del Bonci: nel soffitto della platea compaiono quattro riquadri, ciascuno dedicato ad un episodio della Divina Commedia. La stesso velario antico, oggi non più utilizzabile, è una celebrazione della gloria dell’Alighieri. L’episodio di Ulisse nel XXVI canto dell’Inferno rimanda a Se questo è un uomo di Primo Levi e all’omonimo romanzo di Joyce, la cui conclusione è un pezzo di teatro di grande intensità, un vero cavallo di battaglia, il Monologo di Molly Bloom.

Un altro riferimento è la pubblicazione del 2011, Poeti romagnoli d’oggi e …Dante Alighieri composto da testi critici, illustrazioni e soprattutto da interventi poetici e letterari originali, creati da poeti e scrittori romagnoli, tra i quali Loris Babbini e Roberto Mercadini.

Si aggiunga a queste suggestioni la ricorrenza del Teorema di incompletezza, un risultato di valore e di importanza assoluta, benché certamente poco conosciuto al pubblico: la dimostrazione, il percorso matematico e logico, offre lo spunto per una composizione di musica elettronica originale, proposta dal vivo dall’autore, Fabrizio Sirotti, con la voce lirica di Gabriele Marchesini, anche regista della serata.

La presentazione dei testi, come da programma dettagliato, procede secondo un ritmo alternato di parole e brani musicali interpretati dagli artisti al centro della Platea, vuota di poltrone e diventata puro spazio scenico, per lasciare poi tutto il Teatro alla libera interpretazione musicale del Teorema di Gödel, le cui complesse concatenazioni logiche e matematiche divengono piacevoli sequenze elettroniche che giungono dirette, senza mediazioni, alla sensibilità dell’ascoltatore.

Per partecipare alla serata (il biglietto ha un costo di 10 euro, il ridotto di 8 euro) è necessario inviare una mail a info@teatrobonci.it oppure contattare lo 0547 355959. In alternativa, da lunedì 23 agosto è possibile recarsi alla biglietteria del Teatro (Piazza Guidazzi – Cesena) aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 14.