Rimini si prepara all’Adunata Nazionale degli Alpini 2020

5 cose da fare a Rimini per l’occasione

RIMINI – L’edizione 2020 dell’Adunata Nazionale degli Alpini si svolgerà a Rimini dall’8 al 10 maggio.

Anche se ufficialmente sarà l’Adunata numero 93, l’edizione riminese si svolge a 100 anni dal primo raduno spontaneo che avvenne nel 1920 sul monte Ortigara.

L’evento, per il quale si attendono oltre 100 mila alpini e migliaia di appassionati e curiosi, coinvolgerà sia il territorio di Rimini che la Repubblica di San Marino dove – tra bande e fanfare – sfileranno le “Penne Nere” di un centinaio di sezioni italiane ed estere.

Ancora in costruzione il programma della tre giorni, che sarà ricco di eventi collaterali oltre alle cerimonie ufficiali.

A Rimini gli alpini troveranno una città vivace con un bel centro storico, ristoranti e osterie in cui gustare la rinomata cucina romagnola, lungomare e spiagge già pronte per la stagione balneare e un entroterra di borghi, castelli e prodotti tipici, tutto da scoprire.

Per chi sarà a Rimini per questo grande appuntamento dell’Adunata Nazionale degli Alpini 2020, ecco 5 cose da fare imperdibili:

1. Visitare il centro storico di Rimini

Il centro storico di Rimini si sviluppa intorno alle antiche mura della città e mette insieme un patrimonio che copre diversi periodi storici: i monumenti romani (Ponte di Tiberio, Arco d’Augusto, Domus del Chirurgo e Anfiteatro); la Rocca e il Tempio malatestiano (Duomo della città) progettato da Leon Battista Alberti, le piazze medievali; il Cinema Fulgor e il Teatro Galli, riportati alle loro originali bellezze negli ultimi anni.
A meno di 15 minuti dalla zona mare, dove si trovano le strutture ricettive, si può visitare questo gioiello di arte e storia, passeggiare lungo il Corso e le vie principali per dedicarsi allo shopping o sostare nei numerosi bar, pub e locali per un aperitivo e per assaggiare la tipica piadina romagnola. In particolare meritano una sosta i locali della Vecchia Pescheria, quadrilatero della movida, dove tra piazzette caratteristiche, pub e ristorantini si respira un’atmosfera molto vivace

2. Scoprire Borgo San Giuliano

Dal centro storico, superando il millenario Ponte di Tiberio, si può visitare il Borgo San Giuliano, antico quartiere di pescatori tra i più particolari della città dove tra i vicoli si incontrano piccole case colorate, decorate con murales che riprendono le scene dei film del regista riminese Fellini e i personaggi che hanno fatto la storia di questa borgata dalla forte tradizione marinara.

Borgo San Giuliano è un luogo pittoresco, molto frequentato di sera dai riminesi per la sua grande concentrazione di osterie ed enoteche. Qui la tradizione gastronomica romagnola si può provare in tutte le sue espressioni, dalle piadinerie ai ristoranti di carne e pesce dove gustare piatti come le tagliatelle al ragù, i passatelli, le grigliate o ricette più innovative, preparate con i prodotti del territorio, soprattutto pesce dell’Adriatico.

3. Vivere il mare e la spiaggia

Gli alpini saranno a Rimini nel secondo week end di maggio, quando il sole comincia a scaldare le giornate e gli stabilimenti balneari sono aperti e operativi: niente di meglio che una pausa rilassante in spiaggia! Marina Centro è la zona degli hotel dove si sviluppa la vita turistica della città. Per chi ama le passeggiate, si può costeggiare il porto canale dal Ponte di Tiberio al Faro, fino alla Ruota panoramica da cui osservare tutto il panorama della riviera, e proseguire a piedi o in bici sul lungomare che conduce al Grand Hotel e Piazzale Fellini. Questa è una zona molto vivace, con locali rinomati, a pochi passi dalla spiaggia, che spesso ospitano musica dal vivo e dj set; ci sono inoltre molti ristoranti di pesce e piadinerie. Per chi preferisce, si può trascorrere qualche ora al sole: l’ingresso agli stabilimenti è gratuito e si possono affittare lettini ed ombrelloni per godere di tutti i servizi.

4. Regalarsi una giornata a San Marino

Anche il territorio di San Marino sarà interessato dagli appuntamenti dell’Adunata 2020, un’ottima occasione per una visita alla scoperta di una delle più antiche Repubbliche, nonché terzo Stato più piccolo del mondo. Situata a 750 metri sul mare, sul Monte Titano, San Marino ha un centro storico raccolto molto caratteristico, che si può visitare a piedi, fatto di piccole vie, monumenti, musei e negozietti di prodotti tipici, enogastronomici e articoli di lusso. A San Marino si possono visitare le caratteristiche Tre Torri, Piazza della Libertà che ospita il Palazzo del Governo e la Statua della Libertà, il Museo della Tortura e il Museo delle Armi Antiche. La Repubblica è servita da una funivia che collega il centro storico alle zone a valle e frazioni.

5. Una parentesi enogastronomica nell’entroterra

A pochi km da Rimini, l’entroterra romagnolo offre la possibilità di allontanarsi di poco dalla città per trovare borghi antichi e paesaggi suggestivi, tra la Valmarecchia e la Valconca. Paesi come Santarcangelo di Romagna, Verucchio, Pennabilli, San Leo, Montefiore Conca sono solo alcuni dei borghi che meritano una visita e che, oltre ai castelli, alle bellezze storiche e culturali, offrono l’occasione per gustare i prodotti tipici di cui è ricco il territorio della provincia di Rimini. Funghi, tartufi, carni pregiate come la mora romagnola, formaggi come il Fossa, senza dimenticare il Sangiovese e gli altri vini DOC sono un ottimo motivo per una parentesi lontano dal mare alla scoperta di ciò che rende la Romagna una terra ricca e generosa, dai mille volti.

Informazioni utili

  • Il sito ufficiale dell’Associazione Nazionale Alpini – Adunata 2020 https://www.ana.it/rimini-2020/
  • Per informazioni su dove soggiornare https://www.info-alberghi.com/offerte-adunata-alpini