Rimini, “Biblioterapia”: ecco il programma della XI edizione

Dal 19 ottobre al 7 dicembre 2019, nella Sala del Giudizio al Museo della Città,il ciclo di incontri  Come curarsi (o ammalarsi) coi libri

RIMINI – Dal 19 ottobre al 7 dicembre 2019 a Rimini torna “Biblioterapia”. Come curarsi (o ammalarsi) con i libri”, il ciclo di lezioni magistrali e presentazioni di libri dedicato alla comprensione del mondo contemporaneo curata dalla Biblioteca Gambalunga, con la collaborazione dell’Ufficio scolastico di Rimini e il contributo del Gruppo SGR.

“Leggere il mondo” è il titolo di questa speciale XI edizione, che prosegue i festeggiamenti per i 400 anni della Biblioteca Gambalunga, e invita i ‘bibliotecari’ di eccezione che ne hanno curato le celebrazioni come comitato scientifico a presentare un libro che ritengono “necessario”, entrando in dialogo con l’autore.
La rassegna, nata come dialogo con i libri e gli autori che hanno dato loro vita, riannoda così il filo rosso delle origini. E, attraverso la sezione “In scienza e coscienza”, si apre alle nuove esperienze e nuove conoscenze in ambito scientifico.

L’intento, tracciare una mappa di libri e di idee attraverso le quali “leggere il mondo”, sotto il segno della ricomposizione fra saperi umanistici e scienze. Dai maestri di cui il nostro pensiero è erede, al rapporto fra potere e libertà di pensiero, alla lettura che è, ricorda il titolo della nostra rassegna, un phàrmakon, veleno e medicina insieme.

“Leggere il mondo” è un titolo che muove certamente dalla concezione del ‘mondo come libro’, metafora dalla lunga e controversa storia: dal libro di Dio, il cui disvelamento è dipendente dalla sua insondabile volontà di rivelazione, al libro della Natura di Galileo, accessibile alla conoscenza umana. E trova il suo punto d’approdo nell’immagine della Biblioteca come grande dizionario del mondo, “testimone” dei linguaggi e dei saperi dell’uomo nei secoli, archivio degli alfabeti e dei segni che ne permettono la leggibilità.

Ma vuol essere anche l’invito ad una più alta attenzione: “siamo tutti cittadini e siamo tutti lettori, anche se non tutti leggiamo dei libri”, come osserva lo scrittore Alberto Manguel. Così, in senso ampio, leggere “bene” può essere una pratica rischiosa, che può spingerci a divenire meno conformisti, più ribelli. Ma è anche un esercizio virtuoso che aiuta a coltivare il pensiero e permette a ciascuno di essere “giardiniere” di sé, per esplorare e dare senso al mondo, e qui incontrarvi gli altri.

MAPPA

Ad aprire la rassegna, il 19 ottobre, sarà Carlo Ossola, filologo e critico letterario, che in dialogo con il semiologo Paolo Fabbri darà voce alle figure che hanno incarnato il pensiero europeo, dalla civiltà greca e romana ad oggi. A seguire, il 24 ottobre, Mauro Bonazzi, docente di Storia della filosofia antica, si interrogherà su uno dei processi più famosi della storia, quello a Socrate, con Marcello Di Bella, ex bibliotecario della Gambalunga. Toccherà poi allo scrittore e bibliotecario Fabio Stassi tessere un “autentico inno alla lettura e alla letteratura”, insieme allo scrittore Marco Missiroli, il 10 novembre, mentre il 16 novembre sarà la volta di Marino Sinibaldi, direttore di Radio 3 Rai, che si misurerà con il libro della sua vita, Don Chisciotte della Mancia di Miguel De Cervantes. Per chiudere con Lina Bolzoni, critica letteraria, storica della letteratura e accademica italiana, in un percorso da Petrarca, a Tasso, a Montaigne, seguendo il tema della lettura come incontro personale, in dialogo con Piero Meldini, scrittore ed ex bibliotecario gambalunghiano.

La Fisica sarà invece protagonista di “In scienza e coscienza”. Il primo appuntamento, un focus sulla ricerca in corso sulla natura della materia oscura, è affidato a Cristiano Galbiati, docente di Fisica a Princeton e coordinatore dell’esperimento DarkSide nei laboratori del Gran Sasso, introdotto da Giulia Vannoni, divulgatrice scientifica (23 novembre). A seguire, Vincenzo Barone, docente di Fisica teorica all’Università del Piemonte Orientale, introdotto da Marco Pivato, giornalista scientifico della “Stampa”, indagherà la formula di Einstein che lega la massa all’energia, una delle più iconiche della storia del pensiero (30 novembre).

CALENDARIO

Sabato 19 ottobre, ore 17
Sala del Giudizio
Carlo Ossola, Nel vivaio delle comete. Figure di un’Europa a venire, Marsilio, 2018
Introduce Paolo Fabbri, semiologo

Giovedì 24 ottobre, ore 17
Sala del Giudizio
Mauro Bonazzi, Processo a Socrate, Laterza, 2018
Introduce Marcello Di Bella, già direttore Biblioteca Gambalunga

Domenica 10 novembre (da confermare), ore 17
Sala del Giudizio
Fabio Stassi, Ogni coincidenza ha un’anima, Sellerio, 2018
Introduce Marco Missiroli, scrittore

Sabato 16 novembre, ore 17
Sala del Giudizio
Marino Sinibaldi presenta “Don Chisciotte della Mancia” di Miguel de Cervantes

In scienza e coscienza
Sabato 23 novembre, ore 17
Sala del Giudizio
Cristiano Galbiati, Le entità oscure. Viaggio ai limiti dell’universo, Feltrinelli, 2018
Introduce Giulia Vannoni, divulgatrice scientifica

In scienza e coscienza
Sabato, 30 novembre, ore 17
Sala del Giudizio
Vincenzo Barone La formula di Einstein, Il Mulino, 2019
Introduce Marco Pivato, giornalista scientifico della “Stampa”

Sabato 7 dicembre, ore 17
Sala del Giudizio
Lina Bolzoni,  Una meravigliosa solitudine. L’arte di leggere in Europa,  Einaudi 2019
Introduce Piero Meldini, scrittore e saggista

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Info: Tel. 0541704486; gambalunghiana@comune.rimini.it

La rassegna è in collaborazione con l’Ufficio scolastico di Rimini. Agli insegnanti sarà rilasciato regolare attestato di partecipazione.L