“RIFUGI terzo tempo – Stagione 21/22 del Teatro Piccolo Orologio”

15
Indagine Teatrale sui pericoli della verità, Il nome della rosa Rifugi-Terzo tempo

REGGIO EMILIA – Inizia la seconda parte della stagione del Teatro Piccolo Orologio, intitolata “RIFUGI terzo tempo”. Rifugi perché l’arte e il teatro continuano a offrire riparo dalla bruttezza di cui può tingersi la quotidianità, dando la possibilità di affinare strumenti per guardare sotto la superficie, farsi domande, crescere, riaccendere la luce e – tutti insieme – testimoniare che, nonostante tutto, siamo ancora qui. Terzo tempo perché non vogliamo passare un colpo di spugna su quanto avvenuto negli ultimi due anni: nell’ottobre del 2020 la pandemia aveva imposto di chiudere i teatri e la nostra stagione era rimasta sospesa, come tutti noi. Nel 2021 avevamo dunque deciso di recuperare gli spettacoli mai andati in scena, rinnovando le ospitalità saltate, con il desiderio di ricucire il dialogo tra artisti e spettatori, ricreare la relazione tra spettatore e spettatore, ricostruire il ponte tra arte e città.

Ci siamo riusciti, e allora eccoci qua a presentare l’avvio di un’altra, importantissima, fase. Il nostro “terzo tempo”, così come avviene nel mondo del rugby, sarà infatti l’occasione per riunirci, ritrovarci e festeggiare i dieci anni del MaMiMò al Teatro Piccolo Orologio, il nostro rifugio in via Massenet 23 a Reggio Emilia.

«Abbiamo dovuto rimandare fino ad oggi gli eventi previsti in occasione del decennale (2011-2021) a causa del protrarsi della pandemia, ma vorremmo ripartire proprio dal debutto della nuova produzione “Racconto d’inverno” e dai suoi riti di passaggio dall’inverno alla primavera», spiega Angela Ruozzi, co-direttrice artistica della compagnia.

“RIFUGI terzo tempo” partirà prima, però: a dare il via alla seconda parte della stagione sarà Indagine teatrale sui pericoli della verità: Il nome della Rosa, in scena da venerdì 21 a domenica 23 gennaio 2022 (venerdì e sabato ore 21, domenica ore 17). Si tratta di una produzione del Centro Teatrale MaMiMò, scritta e diretta da Luca Cattani, Marco Maccieri e Alessandro Vezzani, interpretata da Luca Cattani e Mauro Parrinello. Due attori si trovano in uno studio televisivo arredato secondo lo stile del giornalismo d’inchiesta, per indagare i temi de “Il nome della rosa” e scoprire come mai ancora oggi la ricerca della Verità per l’essere umano sia una necessità costante. Anche se forse “L’unica verità è imparare a liberarci dalla passione insana per la verità”. Si ringrazia la

Nave di Teseo Editore per la gentile concessione dei testi tratti da “Il nome della Rosa” di Umberto Eco.

Sabato 19 febbraio 2022 (ore 21) sarà la volta di Farsi silenzio, di e con Marco Cacciola. Lo spettacolo (produzione Elsinor Centro di produzione Teatrale, con la drammaturgia di Tindaro Granata e il suono a cura di Marco Mantovani) è un pellegrinaggio artistico, alla ricerca del sacro in ogni dove. Gli spettatori verranno dotati di cuffie, in modo da cercare e attivare nuove relazioni tra lo spazio esterno/pubblico e quello interno/privato. Lasciare che il suono suggerisca le parole, per scrostarle e riportare alla luce il loro vero significato: c’è bisogno di silenzio.

Donna di Porto Pim. Ballata per attori e ombre dal racconto Donna di Porto Pim di Antonio Tabucchi sarà in scena al Teatro Piccolo Orologio sabato 26 febbraio ore 21. La donna di Porto Pim era una creatura lunare, sensuale e ambigua, che rubò l’anima di un baleniere e ne fece un musicista; fino a quando, per riscattare il tradimento previsto, la natura assassina di lui pretese un tributo di sangue. Un naufragio ultimo, di un baleniere e di una balena che irrideva chi sognava di poterla imprigionare. Com’è per l’amore, com’è per l’arte. Lo spettacolo è una produzione Teatro Gioco Vita / Festival “L’altra scena” / EPCC – Théâtre de Bourg en Bresse, scène conventionnée.

La “nostra primavera” inizierà l’11 marzo 2022 con Racconto d’inverno di William Shakespeare, nuova produzione del Centro Teatrale MaMiMò. Lo spettacolo – adattamento e regia di Marco Maccieri, con Fabio Banfo, Filippo Bedeschi, Sara Bellodi, Riccardo Bursi, Luca Cattani, Cecilia Di Donato, Alice Giroldini, Marco Maccieri, Mauro Parrinello, Emanuele Retrivi, Matteo Sintucci, scene e costumi di Angela Ruozzi e musiche originali di Marco Sforza e Riccardo Bursi – sarà al Teatro Piccolo Orologio per due fine settimana consecutivi, da venerdì 11 a domenica 13 marzo e poi ancora da venerdì 18 a domenica 20 marzo, con inizio alle 21 il venerdì e il sabato, alle 17 la domenica. In scena una commedia romantica, una rappresentazione sulla paura, sulla gelosia, sull’errore e sul tempo. Racconto d’inverno conduce all’interno di una grande favola con uno sguardo privo di giudizio, perché raccontare è conoscere, comprendere. Governa su tutto la trama del Tempo che mette tutti alla prova, che ha il potere di ridare senso agli accadimenti di una vita intera.

Uno spettacolo che metterà in scena la rinascita della vita: una festa rituale con canti e danze, gli amori che sbocciano e il senso degli eventi che finalmente si compie attraverso una ritrovata saggezza. La fede nell’invisibile e nel superfluo, la speranza che abbandona il calcolo e ritrova la luce.

Venerdì 8 e sabato 9 aprile 2022 sarà la volta di Sognando la Kamtchatka, una produzione della Compagnia Teatro Binario 7 con drammaturgia e regia di Corrado Accordino e l’interpretazione di Massimiliano Loizzi, Marco Ripoldi e lo stesso Accordino. Lo spettacolo racconta una serata fra amici e una partita a Risiko giocata su due piani: il primo visibile, con dadi, carrarmati e territori da conquistare, l’altro sotterraneo, fra segreti inconfessabili, critiche reciproche e accuse personali. Tutti contro tutti, un gioco al massacro à la Carnage che tra momenti esilaranti e spunti di riflessione conduce al finale più inaspettato.

Le attività del Centro Teatrale MaMiMò non termineranno in aprile: la compagnia è impegnata in altre produzioni targate MaMiMò e la festa per i dieci anni al Teatro Piccolo Orologio permetterà di ripercorrere spettacoli e amicizie nate e coltivate nell’ultima decade (+1) grazie alla collaborazione con altri artisti. In primavera tornerà l’appuntamento con Metamorfosi, il debutto in scena dei corsisti della Scuola di Teatro MaMiMò, e non vi lasceremo soli nemmeno in estate, grazie a una stagione allestita nel Cortile dell’Orologio. È il caso di dirlo: non mancheranno sorprese!

Oltre al Comune di Reggio Emilia, affidatario del Teatro Piccolo Orologio al Centro Teatrale MaMiMò, sono partner di MaMiMò il MIC – Ministero per i beni e le attività culturali e la Regione Emilia-Romagna. Main sponsor del cartellone del Teatro Piccolo Orologio è Zanni Maglieria; gli sponsor sono Centro Sociale Orologio, La pronta Cucina, Orafo Reverberi, Forno Pane Dolce Pane.

BIGLIETTI

€ 20 biglietto mecenate

Per contribuire con una piccola donazione alle attività di MaMiMò

€ 15 biglietto intero

€ 13 biglietto ridotto

Under 30, Youngercard, Scuole di Teatro di Reggio Emilia e Provincia, Abbonati del Teatro Pedrazzoli e del Teatro Asioli, soci del Centro Sociale Orologio

€ 10 soci MaMiMò

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI:

Prenotazioni online su http://mamimo.eventbrite.it

Prenotazioni telefoniche e via email 0522 383178 / biglietteria@teatropiccolorologio.com dal lunedì al venerdì e nei giorni di spettacolo dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:30.

CONTATTI:

Centro Teatrale MaMiMò APS, Sede legale: via B. Corti, 8 – 42019 Scandiano (RE) C.F. 91118850352 – P.IVA 02163070358, ufficiostampa@mamimo.it, 0522-383178
Teatro Piccolo Orologio (sede operativa), via J.E. Massenet, 23 – 42124 Reggio Emilia tel/fax 0522 383178

COVID-19

Informazioni importanti

  • Come previsto dalle normative vigenti, l’ingresso alla sala teatrale è concesso solo a coloro in possesso di Super Green Pass in corso di validità. Prima di accedere alla sala ne verrà controllata la validità.
  • È obbligatorio indossare mascherina Ffp2 per tutta la durata dello spettacolo e ovunque, negli ingressi e uscite, non sia possibile mantenere la distanza interpersonale di un metro. Non è possibile bere né mangiare all’interno della sala.
  • Si prega di prestare attenzione alla cartellonistica informativa presente all’entrata e uscita del Teatro.
  • Tenuto conto dell’attuazione in ingresso del Teatro di misure preventive che possono richiedere tempi di afflusso in sala più dilatati, si raccomanda di presentarsi all’ingresso del Teatro con adeguato anticipo.
  • All’ingresso della sala potrà essere rilevata ad ogni spettatore la temperatura corporea. Con temperatura superiore ai 37,5 gradi non sarà consentito l’accesso.

Venerdì 21 gennaio il primo appuntamento con Il nome della Rosa. Indagine teatrale sui pericoli della verità, produzione Centro Teatrale MaMiMò

RIFUGI_Terzo Tempo,

 Al via la seconda parte della stagione 2021/2022

del Teatro Piccolo Orologio

Drammaturgia contemporanea e artisti del panorama teatrale nazionale

per festeggiare i dieci anni del MaMiMò al Teatro Piccolo Orologio

Biglietti in vendita da oggi