Ricevuta in Municipio una delegazione del Sacro Ordine Militare Costantiniano di San Giorgio

23

FORLÌ – Questa mattina è stata ricevuta in municipio, a Forlì, una delegazione del Sacro Ordine Militare Costantiniano di San Giorgio, realtà cavalleresca con spiccata vocazione assistenziale che ha donato una grande quantità indumenti, attraverso il Comune di Forlì, a una rete composta da realtà del terzo settore e associazioni di volontariato del territorio: Centro di solidarietà, Caritas Diocesana, associazione comunità Papa Giovanni XXIII, cooperativa Paolo Babini, centro aiuto della vita, Domus Coop, associazione di volontariato gli Elefanti, associazione Adamantina onlus, Madonnina del Grappa e cooperativa Kara Bobowski.

In segno di gratitudine e di amicizia, il Sindaco di Forlì Gian Luca Zattini e l’Ass.re al welfare Rosaria Tassinari hanno consegnato al Presidente della delegazione Carlo Cicconi Massi una medaglia celebrativa di Ulisse, coniata in occasione della prestigiosa mostra in corso ai Musei San Domenico. Le parole dell’Ass.re Tassinari: “noi siamo qui per fare il bene comune, per dare sollievo alla nostra popolazione. Donazioni come quelle effettuate dal sacro ordine militare costantiniano di San Giorgio rappresentano un gesto prezioso per la dignità delle persone più indigenti. La difesa dei più deboli e di coloro che vivono situazioni di difficoltà non scade, ma piuttosto rappresenta un elemento di continuità e di arricchimento delle nostre azioni.”

Il sindaco Zattini ha ringraziato tutte le associazioni presenti e rivolto un saluto speciale ai membri dell’ordine. “È un onore per noi ospitare un’istituzione plurisecolare di diritto canonico come il sacro ordine militare costantiniano di San Giorgio. Con quest’atto di generosità abbiamo dimostrato ancora una volta che il bene e la solidarietà non hanno epoca. La nostra città vanta una rete di associazioni e cooperative di volontariato senza precedenti, che ci arricchiscono e ci elevano moralmente. Ma, soprattutto, la nostra è una città che ha la possibilità e la voglia di aiutare chi versa in situazioni di difficoltà e di farlo con la volontà di crescere insieme.”