Riccione, l’Hotel Belvedere si mette in gioco

161

Come la fantasia, il coraggio e lo spirito di impresa affrontano la stagione 2020

RICCIONE (RN) – «È sicuramente una scommessa, una sfida, ma abbiamo deciso di raccoglierla», spiega Marina Pasquini, la vulcanica e performante proprietaria del Belvedere di Riccione (RN), hotel pluripremiato e comunque punto di eccellenza nazionale nell’offerta turistica di qualità. «Apriamo per il ponte del 2 giugno ed è una messa in scena, che appunto abbiamo chiamato “Teatro”, per testare con i nostri ospiti emiliani la validità di tutti gli accorgimenti, di tutte le iniziative pensate per vivere al meglio un soggiorno al mare, in sicurezza. Noi siamo orgogliosi di essere da sempre “un mondo a parte”, e infatti continueremo a esserlo. Ma oggi che il mondo e i suoi problemi entrano così prepotentemente nella quotidianità alberghiera, siamo orgogliosi anche di saper interpretare la situazione con consapevolezza, oltre che con bellezza ed empatia. Noi siamo pronti».

Nell’Hotel Belvedere post-Covid, niente plexigas. Il distanziamento dalla reception (e dal bancone del bar) verrà garantito da lettere in materiale plastico rosso che comporranno la parola “Love”, mentre saranno degli adesivi con scritto Drink Point a suggerire agli ospiti la giusta distanza nel panorama incantevole di 100 metri quadri di piscina trattata come un salotto open air, una lounge in bollicine. Dall’utile al dilettevole: stare vicini alla scritta Drink Point farà avvicinare il barman con i suoi cocktail classici, le bollicine e soprattutto con quelli freschi alla frutta.

Lo spirito generale che da sempre anima la vita al Belvedere è quello della fantasia e dell’innovazione. Una profonda rivisitazione è in corso anche sul Food, che offrirà autentiche novità.

A partire dal Breakfast: un’offerta ancora più ampia, tra cui la nuovissima carta “Uova in mille maniere”. Oltre ai prodotti che arrivano dal mondo internazionale del breakfast, il Belvedere metterà a disposizione “This Morning’s Special”: ogni mattina, su una lavagna, verranno segnalate le torte appena sfornate, le crepes ed i pancake, gli estratti di frutta e verdura.

Ma la vera rivoluzione è attesa invece per pranzo. Qui parte un concept nuovo, il menù Fresh & Light. Ce ne parla la stessa Marina Pasquini: «Tutto parte dalla freschezza, e alla freschezza tutto deve tornare. Ma con tante tappe intermedie, quelle che consentono alla creatività di trasformare ingredienti semplici e naturali in piatti invitanti. Ci sarà il menù del giorno con più scelte, le insalate, i panini gourmet e non mancheranno le piadine. E c’è un’idea in più, che abbiamo chiamato Take me with You: i nostri ospiti potranno portarsi in spiaggia una bag termica personalizzata con dentro i cibi scelti dal nostro menù».

Sono state pensate tante altre iniziative, coerenti con le indicazioni, ma in grado di ribadire e valorizzare l’imprinting Belvedere: sfizi gourmet dalle 10.30 fino a mezzanotte, degustazioni e piatti speciali preparati direttamente dallo Chef davanti agli ospiti e serviti flyer dai camerieri.

Il ponte del 2 giugno sarà un lungo weekend denso di programmi. Tante le proposte lungo tutto l’arco della giornata. Ma il vero cuore pulsante batte verso l’ora dell’aperitivo. Qui, all’aperto, dai cooking show ai bartender con le loro creazioni, va in scena la nuova socialità 2020. «Quest’anno festeggio 40 anni di vita al Belvedere», conclude Marina Pasquini, «e dopo un primo momento di disorientamento generale, sia io, sia lo staff, abbiamo scoperto che trasformare le difficoltà in opportunità è un modo per reinventarsi. Alla fine, ne esce una creatività dirompente, e questo ci dà una grande forza».