Referendum, candidature a scrutatore fino al 15 maggio

6

Prorogata la scadenza per dare la propria disponibilità a svolgere la funzione durante la consultazione referendaria del prossimo 12 giugno

MODENA – È prorogata a domenica 15 maggio la scadenza per dare la propria disponibilità a svolgere la funzione di scrutatore nella consultazione referendaria del prossimo 12 giugno.

Possono manifestare il proprio interesse attraverso una comunicazione all’Amministrazione comunale tutti gli elettori del Comune di Modena iscritti all’Albo degli scrutatori. Anche chi non è iscritto all’Albo può presentare comunque la domanda come ‘riserva’ selezionando nel modulo apposito la voce “non iscritto all’albo”.

Per comunicare la disponibilità è infatti necessario compilare il relativo form on line nella sezione dedicata alle elezioni del sito istituzionale (www.comune.modena.it/argomenti/elezioni) tramite Spid, Cie (Carta d’identità elettronica) o Cns (Carta Nazionale dei Servizi). Chi si trova in condizione di disoccupazione, inoccupazione o di assenza di reddito ed eventualmente è iscritto al Centro per l’impiego di Modena potrà indicare tale stato nel modulo e avrà precedenza nella nomina.

Nella tornata referendaria, i cittadini saranno chiamati a esprimersi su cinque referendum popolari abrogativi sulla Giustizia. Gli scrutatori saranno impegnati sabato 11 giugno dalle 15.45 sino a completamento delle operazioni preliminari alle votazioni, domenica 12 giugno dalle 6.45 alle 23 per le operazioni di voto, poi senza interruzione per le operazioni di scrutinio e fino alla loro conclusione.

La Commissione elettorale comunale valuterà le comunicazioni di disponibilità ricevute e chi sarà nominato scrutatore riceverà la nomina al proprio indirizzo di residenza.

Dalle funzioni di scrutatore sono esclusi i dipendenti del ministero dell’Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti; gli appartenenti a Forze Armate in servizio; i medici provinciali, gli ufficiali sanitari e i medici condotti; i segretari comunali e i dipendenti dei Comuni, addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali comunali.