Ravenna, inaugurata nuova ala uffici di Federcoop Romagna

6
taglio nastro nuovi uffici federcoop

RAVENNA – Nuova ala di uffici per la sede di Ravenna di Federcoop Romagna, la società di servizi alle imprese e consulenza avanzata di Legacoop Romagna.

Gli spazi sono stati inaugurati lo scorso martedì 9 novembre, al termine dell’assemblea che ha visto la presentazione dell’dell’Osservatorio sulle esigenze di personale nelle cooperative romagnole.

Sono tre le sale ricavate da un’area inutilizzata al secondo piano dello stabile che ospita Legacoop e Federcoop Romagna, in via Faentina 106. Verranno utilizzate per una parte della segreteria, per i servizi alle imprese e per i servizi immobiliari. Completa l’insediamento  una sala riunioni attrezzata con le più moderne tecnologie.

Mario Mazzotti, presidente di Legacoop e Federcoop Romagna, ha tagliato il nastro. Numerosi gli ospiti del mondo cooperativo che sono intervenuti alla breve cerimonia. Tra gli altri Giorgia Gianni, vicepresidente di Legacoop Romagna, Lorenzo Cottignoli, presidente di Federazione delle Cooperative, Romina Maresi, presidente della cooperativa San Vitale, Veniero Rosetti, presidente di Consar. Per Federcoop Romagna erano presenti tra gli altri l’amministratore delegato Paolo Lucchi, il direttore tecnico Maurizio Talli e la responsabile amministrativa Cristina Montaguti.

«Prosegue l’opera di ampliamento e riqualificazione degli spazi di Federcoop. Dopo la nuova sede di Cesena e l’intervento su quella di Rimini, infatti, abbiamo scelto di migliorare anche gli spazi di Ravenna — spiegano il presidente di Federcoop Romagna, Mario Mazzotti e l’amministratore delegato, Paolo Lucchi. — Accade perché la nostra struttura sta ampliando in modo notevole la propria gamma di servizi ed il proprio organico che, non a caso, tra fine 2021 ed inizio 2022 sarà allargato ad ulteriori 14 nuovi colleghi. Anche per questo, stiamo già programmando un ampliamento della sede di Forlì. Per affiancare al meglio le imprese cooperative romagnole, servono professionalità di alto livello come quelle che da sempre abbiamo messo a loro disposizione, ma anche spazi all’altezza e le scelte dell’ultimo anno lo confermano, sulla base di una programmazione prevista dal nostro Consiglio di Amministrazione».