Question Time, chiarimenti sulla gara per la gestione della sosta

110

BOLOGNA – L’assessore Claudio Mazzanti ha risposto, in seduta di Question Time, alla domanda d’attualità del consigliere Marco Piazza (Movimento 5 stelle) sulla gara per la gestione della sosta.

La domanda del consigliere Piazza
“Vista la nota di Srm in risposta a Tper, nella quale precisano che l’esclusione di Tper non è dovuta a un errore della piattaforma ma alla mancanza di due file. Si chiede una valutazione generale della situazione che si sta venendo a creare con l’entrata di colossi privati esteri nel settore dei trasporti; se il Comune di Bologna ha svolto ulteriori verifiche e ha individuato il responsabile della presunta esclusione di Tper o in generale se ci sono novità sull’esclusione di Tper dalla gara; se i tempi del ricorso saranno compatibili con l’assegnazione, quali tempi prevedono per lo svolgimento della procedura di gara e del ricorso; se possono garantire l’applicazione del protocollo appalti del Comune di Bologna anche per questa gara, in modo che il passaggio di tutti i lavoratori avvenga garantendo sia la clausola di assorbimento che il mantenimento di tutte le condizioni attuali di lavoro, quindi se la rigorosa applicazione del protocollo appalti sarà garantita in questo appalto”.

La risposta dell’assessore Mazzanti
“Gentile consigliere,
la procedura di gara per l’affidamento di tali servizi è tuttora in atto, quindi il Comune di Bologna non ha la possibilità di effettuare azioni, né di fornire elementi di novità: ciò nonostante, al fine di testimoniare l’attenzione dell’Amministrazione comunale riguardo questo tema, si informa che sono stati comunque incontrati (inusualmente visto che c’è un procedimento di gara attivo) i rappresentanti sindacali, sia confederali che autonomi.

Per quanto attiene le tempistiche di aggiudicazione, si ricorda che la stazione appaltante è l’agenzia SRM, la quale è titolata a fornire maggiori dettagli sull’argomento.

Sulla tutela delle lavoratrici e lavoratori del reparto sosta di Tper, infine, si ricorda e si conferma che il bando di gara contiene la clausola sociale volta a promuovere la stabilità occupazionale del personale impiegato e a garantire la necessaria continuità nell’erogazione dei servizi appaltati”.