Question Time, chiarimenti sui percorsi educativi

4

BOLOGNA – L’assessora Susanna Zaccaria ha risposto questa mattina, in sede di Question Time, alla domanda d’attualità della consigliera Paola Francesca Scarano (Laga Bologna Salvini premier) sui percorsi educativi.

La domanda della consigliera Scarano:

“Sono a chiedere al Signor Sindaco ed alla Giunta un parere politico amministrativo in senso generale e più in particolare vorrei conoscere se – anche alla luce di quanto avvenuto nel nostro territorio – è intenzione della Giunta effettuare una riflessione in merito all’emergenza educativa che stiamo vivendo”.

La risposta dell’assessora Zaccaria:

“Grazie presidente. Faccio una breve premessa. Avevo visto anche nel testo scritto della consigliera Scarano, questa riflessione non nasce solo dall’articolo che è allegato alla domanda, ma al gravissimo fatto accaduto in Valsamoggia di cui però premetto che parlerò solo ed esclusivamente per manifestare tutta la solidarietà del Sindaco e della Giunta comunale, e la vicinanza alla famiglia di Chiara; c’è una indagine in corso, prendo spunto dalla riflessione, ma lasciamo quel fatto di una gravità estrema alle indagini e agli approfondimenti dei magistrati e dei professionisti che verranno incaricati di cercare, per quanto possibile, di indagare su un dramma di queste proporzioni.

Rimanendo in vece sull’emergenza educativa rispetto alla quale condivido quanto ha detto la consigliera, quindi la necessità che la scuola abbia delle modalità di attenzione, su questo mi sento di dire che una riflessione sull’emergenza educativa è già iniziata. Chiaramente la pandemia ha accentuato una difficoltà rispetto alla quale il Comune di Bologna aveva approntato, come negli anni precedenti, degli strumenti di contrasto al disagio e alla dispersione che sono stati ovviamente potenziati nel momento in cui questa pandemia ha allontanato da scuola, che sappiamo invece essere punto di contatto, di uguaglianza e di approfondimento e non solo di istruzione, di comunità e di socialità dei nostri bambini, bambine e adolescenti. Mi riferisco ovviamente al Protocollo contro la dispersione e il disagio che vede la collaborazione dell’Area Educazione e scuola con quella Socio-sanitaria, la partecipazione dell’Ufficio scolastico regionale e dei Quartieri. Questa collaborazione strettissima c’è da anni e ha l’obiettivo non solo di contrastare la dispersione, ma anche di cercare di intercettare, prevenire e sostenere quando invece capitano tutte le forme di disagio che possono manifestare i nostri studenti e studentesse; una collaborazione che ha proprio questo punto di attenzione specifico con tutta una serie poi di attività e azioni collegate nella gestione dei casi che si riescono a intercettare.

Ma anche tutta l’attività del Comune che riguarda gli adolescenti e non entro nel merito, tanto sono attività che i consiglieri e le consigliere conoscono bene, l’educativa di strada, i centri di aggregazione giovanile, i gruppi socio educativi, i centri anni verdi, che elenco solo brevemente, son tutte quelle azioni che sono messe in campo proprio per avere non solo dei punti di aggancio e contatto, ma di approfondimento e relazione. Sappiamo benissimo quanto sarà importante anche nei prossimi mesi reintensificare queste relazioni, non solo con l’obiettivo di tornare alla normalità, ma nella piena consapevolezza di quanto il disagio sia aumentato, non solo in termini di numeri di casi, ma di situazioni difficili che tutti i nostri ragazzi e le nostre ragazze hanno vissuto, con un onere in più a carico dell’Amministrazione comunale e di tutti gli attori della comunità scolastica, di potenziare l’azione di risposta, nella piena consapevolezza. L’ho detto già in diverse occasioni, forse deve passare ancora del tempo per vedere effettivamente le conseguenze di quello che la pandemia ha provocato, di quello che l’allontanamento da scuola e dalle relazioni ha provocato, in particolare negli adolescenti. L’attenzione c’è tutta, l’intenzione di approfondire queste azioni c’è tutta, in una riflessione che va avanti da molto tempo e che è stata fortemente potenziata da un anno e mezzo a questa parte”.