Quando sarò capace di amare, Massini racconta a Gaber

39

Sabato 2 luglio in Piazza Garibaldi a Castelfranco Emilia nell’ambito di Castelfranco Estiva 2022

Stefano Massini foto di Chiara Stampacchia

CASTELFRANCO EMILIA (MO) – Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale presenta due appuntamenti nel cartellone di eventi “Castelfranco Estiva 2022” promosso dal Comune di Castelfranco Emilia. In attesa di poter restituire alla città gli spazi del Teatro Dadà, chiuso per lavori di ristrutturazione, il Teatro Nazionale dell’Emilia-Romagna, in dialogo con le istituzioni, mantiene vivo il rapporto con il suo pubblico anche nei mesi estivi.

«La cultura rappresenta da sempre per la nostra comunità un elemento imprescindibile della quotidianità – dichiara l’Assessore alla Cultura del Comune di Castelfranco Emilia Leonardo Pastore – così come allo stesso tempo è tra gli elementi prioritari, e non da ieri, della nostra azione Amministrativa. Non possiamo pertanto che dirci profondamente orgogliosi di ospitare due eventi di questo grandissimo livello: la caratura di personalità del calibro di Stefano Massini e Federico Buffa non necessita certo di presentazioni, ma l’occasione è ottima per sottolineare ancora una volta quanto, anche come sistema Paese, possiamo vantarci di essere culla di talenti veramente unici.

Servirà ancora qualche mese per “riabbracciare” il nostro Teatro Dadà che è oggetto di un profondo intervento di riqualificazione ma, dopo il bellissimo spettacolo proposto per celebrare il 25 Aprile, abbiamo voluto offrire alla nostra comunità altri importanti momenti utili a ricreare, in piazza, la meravigliosa atmosfera del teatro. Massima dunque la soddisfazione per la proficua collaborazione con quella grande eccellenza che è ERT, che non si è mai fermata e che, anzi, si è intensificata in un momento di forte ripartenza dopo due anni estremamente difficili per il mondo della cultura».

Si inizia sabato 2 luglio alle ore 21.00 in Piazza Garibaldi con Quando sarò capace di amare, Massini racconta a Gaber.

In questo ultimo spettacolo, lo scrittore e drammaturgo Stefano Massini, che ha appena ricevuto il Tony Award per Lehman Trilogy come miglior testo (cinque Tony Awards su otto nomination per la versione con la regia del Premio Oscar Sam Mendes), si racconta a Giorgio Gaber in un dialogo con un cantautore che non si finisce mai di scoprire. Narrando storie, personaggi, vicende realmente accadute che si intrecciano con incontri e memorie ispirate alle canzoni del signor G, Massini porta in scena una narrazione sui versi di Gaber e Luporini.

In un cantiere poetico contagioso e coinvolgente, il palcoscenico si popola di personaggi fra i più diversi e inattesi. Sono geografie del nostro essere, cartografie dell’esistenza, rotte nell’oceano di un mondo sbandato, sono danze di fuochi per illuminare la notte del nostro vagare, scoprendo che tutti in fondo attendiamo solo il momento in cui saremo, finalmente, capaci di amare.

Da I mostri che abbiamo dentro a La parola io, o ancora Non insegnate ai bambini e Se io sapessi, Massini coinvolge il pubblico in un viaggio di echi e rimandi, in un grande omaggio a Gaber.

Ad accompagnarlo in scena i suoni e i colori di un gruppo di musicisti provenienti da ogni parte del mondo, riuniti nella riconosciuta Orchestra Multietnica di Arezzo.

Lo spettacolo è a ingresso gratuito con prenotazione online su www.vivaticket.it

In caso di maltempo verrà annullato e non sarà recuperato.

Il secondo appuntamento, sempre in Piazza Garibaldi, è mercoledì 20 luglio con il noto giornalista sportivo Federico Buffa che ripercorrerà in Italia Mundial la vittoria del 1982 che ha segnato la storia del calcio italiano.

Stefano Massini nasce a Firenze nel 1975. Laureato in Lettere Antiche all’Università di Firenze, si avvicina al teatro come aiuto regista per il Maggio Musicale Fiorentino e nel 2000 diventa assistente ospite di Luca Ronconi al Piccolo di Milano. Nel 2005 decolla la sua attività di drammaturgo: Massini vince all’unanimità con L’odore assordante del bianco il Premio Pier Vittorio Tondelli, massimo riconoscimento per la scrittura teatrale in Italia. Il suo Lehman Trilogy, saga finanziaria della famiglia che prima ha sviluppato e poi messo in ginocchio il sistema capitalistico di Wall Street, è l’ultima regia di Luca Ronconi: il testo gli è valso in Italia diversi Premi Ubu nel 2015 (migliore spettacolo, miglior testo, migliore attore protagonista a Massimo Popolizio, migliore scenografia e miglior attore under 35 a Fabrizio Falco) e di recente ben cinque Tony Awards su otto nomination.

Tradotto e rappresentato in oltre 30 paesi in tutto il mondo, negli anni Stefano Massini ha raccontato storie narrate in tutte le forme possibili, come accade nelle sue opere teatrali, nei seguitissimi interventi televisivi del programma Piazzapulita su La7 o Ricomincio da Rai 3, la trasmissione tv del 2021 in prima serata dedicata allo spettacolo dal vivo e nelle colonne di la Repubblica, nei romanzi, nei saggi. I suoi testi sono stati portati in scena da registi come Luca Ronconi e il premio Oscar Sam Mendes. Collabora con alcune delle più importanti case di produzione cinematografiche in Italia, fra cui Cattleya, Fandango e RaiCinema.

Gli ultimi libri sono Dizionario inesistente (Mondadori, 2018), Ladies Football Club (Mondadori, 2019), Eichmann. Dove inizia la notte (Fandango, 2020), Manuale di sopravvivenza. Messaggi in bottiglia d’inizio millennio (Il Mulino, 2021).

 

 

Quando sarò capace di amare

Massini racconta a Gaber

Stefano Massini

con Orchestra Multietnica di Arezzo

Mariel Tahiraj, violino

Camillo Biagioli, violino

Mariaclara Verdelli, violoncello

Gianni Micheli, clarinetti, fisarmonica

Saverio Zacchei, trombone

Massimo Ferri, chitarra bouzouki

Luca Roccia Baldini, basso

Massimiliano Dragoni, hammer dulcimer e percussioni

canzoni di Giorgio Gaber e Enrico Luporini arrangiate da Enrico Fink

produzioni Savà Produzioni Creative e Officine della Cultura

con il patrocino della Fondazione Giorgio Gaber