Provincia di Rimini: il presidente Santi ha incontrato i vertici di Confcooperative Romagna

59

RIMINI – Ieri mattina il presidente Riziero Santi ha incontrato il suo nuovo presidente di Confcooperative Romagna Mauro Neri, accompagnato dal responsabile territoriale per Rimini Roberto Brolli e dal segretario generale Mirco Coriaci.

Confcooperative Romagna è stata ufficialmente costituita lo scorso 23 novembre grazie alla fusione di Confcooperative Ravenna-Rimini con Confcooperative Forlì-Cesena ed è il sindacato d’impresa che associa 640 cooperative che operano nelle tre province romagnole, per un totale di 160.000 soci, 39.000 occupati e un fatturato che sfiora i 7 miliardi di euro. Confcooperative promuove lo sviluppo di un modello di impresa centrato sull’efficienza economica, la partecipazione democratica dei soci e sui valori di mutualità e sussidiarietà.

“Quella romagnola – dichiara il presidente Santi – è un’unificazione che fa diventare l’unione delle cooperative delle province di Rimini, Ravenna e Forlì-Cesena la più importante del Paese e questo, ancor più in un momento storico delicato come quello che stiamo vivendo, è di fondamentale importanza strategica per il nostro territorio, considerando che Confcooperative Romagna ha come scopo il miglioramento dei servizi e il rilancio del rapporto col l’area vasta Romagna. E’ proprio su questo tema che si è incentrato l’incontro odierno ed è stata per me l’occasione per condividere i contenuti del documento  proposto dalla Provincia di Rimini sotto il nome di ‘Patto per la governance del Territorio’ quale contributo alla redazione del Patto per il lavoro e il clima della Regione Emilia-Romagna appena sottoscritto. Imprese e istituzioni devono lavorare insieme in maniera coordinata e sinergica, soprattutto nel momento in cui dobbiamo uscire dalla fase emergenziale della pandemia e definire strategie e azioni comuni per promuovere ripresa e sviluppo. Ho riscontrato piena sintonia con i vertici di Confcooperative Romagna sia sul metodo che sulla linea strategica. E abbiamo condiviso l’impegno di ritrovarci al più presto nei vari tavoli istituzionali di area vasta.”