Provincia di Modena: Montecreto, da oggi lavori sui giunti di due ponti lungo al sp 40

Da lunedì 22 ottobre senso unico alternato

MODENA – Partono lunedì 22 ottobre i lavori di manutenzione dei viadotti sul Rio Becco e sul Fosso del Merlo, lungo la strada provinciale 40 di Vaglio a Montecreto. L’intervento consiste nel rifacimento di parte dei giunti di dilatazione e l’impermeabilizzazione degli scoli delle acque con un investimento complessivo da parte della Provincia di 40 mila euro.

Per consentire l’intervento la circolazione sui due ponti sarà a senso unico alternato e la velocità non potrà superare i 30 chilometri orari.

I tecnici del servizio provinciale Viabilità raccomandano prudenza nell’avvicinarsi al cantiere, soprattutto quello sul Rio Becco che si trova vicino all’uscita della galleria di Strettara venendo da Lama Mocogno.

Il cronoprogramma prevede una durata dei lavori di circa 60 giorni ma con condizioni meteo favorevoli, i tecnici della Provincia puntano a chiudere il cantiere in un mese.

Nelle scorse settimane sul ponte del Rio Becco, in vista dell’intervento sui giunti, sono stati realizzati lavori di manutenzione della fondo stradale.

La provinciale 40 è tra le arterie più importanti dell’Appennino modenese; collega Lama Mocogno, quindi la statale 12 con la provinciale 324 del passo delle Radici, quindi con i comuni di Riolunato, Montecreto e Pievepelago.

Realizzati dall’ Anas tra gli anni 2000 e 2003, i due ponti appoggiano su travi in acciaio con soletta in calcestruzzo.

Il ponte sul Rio Becco è lungo 130 metri, mentre quello sul Fosso del Merlo è lungo 41 metri e fanno parte dei 183 ponti di competenza della Provincia presenti lungo la rete di oltre mille chilometri di strade provinciali.

L’intervento rientra nel programma delle manutenzioni estive sui ponti previsto dalla Provincia.

A Bomporto finiti i lavori sul ponte Naviglio. conclusi anche i cantieri a Sassuolo e Castelnuovo

A Bomporto sono terminati i lavori di manutenzione straordinaria sul ponte del Naviglio, lungo la strada provinciale 1; l’intervento, iniziato in agosto, ha consentito il consolidamento e il ripristino dei danni provocati dalla piena del dicembre scorso, al fine di prevenire infiltrazioni, tenendo anche conto che sotto il ponte si trovano i “portoni vinciani” per la regolazione delle acque in caso di piena.

L’intervento, eseguito dal Comune, ente proprietario dell’infrastruttura, con progetto e direzione lavori della Provincia, ha avuto un costo complessivo di 60 mila euro messi a disposizione dalla Protezione civile regionale.

Nel periodo estivo, quando le condizioni dei fiumi sono più favorevoli, la Provincia ha programmato e concluso anche gli interventi di manutenzione a Sassuolo sul ponte del Secchia, lungo strada provinciale 467 Pedemontana, a Castelnuovo Rangone sul ponte del Tiepido lungo la provinciale 16 e sulla briglia a protezione del ponte sul Dragone, lungo la strada provinciale 28, vicino la frazione di Savoniero, tra Palagano e Montefiorino.

I ponti di competenza della Provincia sono costantemente monitorati e non presentano attualmente aspetti di particolare criticità a livello statico.

Nelle scorse settimane la Provincia ha inviato al Governo, su richiesta del ministero delle Infrastrutture, a seguito del crollo del ponte Morandi a Genova, un elenco di 30 ponti sui quali è necessario avviare un piano di intervento con un costo complessivo di 18 milioni di euro che attualmente la Provincia è in grado di finanziare solo in minima parte.