Prova di carattere dei rossoblu. Parma passa al tie-break

8

BOLOGNA – WiMORE Parma – Geetit Bologna 3-2 (25-20, 25-20, 23-25, 18-25, 16-14)

WiMORE Parma: Chakravorti 5, Rossatti 17, Fall 15, Dimitrov 28, Reyes Leon 6, Sesto 8, Cereda (L), Ferraguti 0, Codeluppi 2, Beltrami 0. N.E. Zecca, Colangelo, Bussolari, Chirila. All. Codeluppi.

Geetit Bologna: Lusetti 0, Vinti 6, Orazi 10, Lugli 19, Maletti 14, Grottoli 0, Ballan 3, Guerrini 21, Govoni 0, Gabrielli (L), Donati 2. N.E. Serenari, Oliva. All. Marzola. ARBITRI: Bassan, Licchelli.

NOTE – durata set: 25′, 22′, 30′, 23′, 20′; tot: 120′.

Nella terza giornata di ritorno tra la WiMORE Energy Parma e la Geetit Pallavolo Bologna hanno la meglio i padroni di casa.

Per l’ennesima volta Bologna riapre il match in svantaggio di 2 set a 0, ma sul set corto non riesce a capitalizzare. Nonostante il risultato continui a non sorridere alla squadra del capoluogo, le richieste del tecnico rossoblu sono state parzialmente soddisfatte.

La prova di carattere che il match richiedeva è stata superata grazie ad una prestazione in continua crescita a partire dal terzo set. Ora l’ennesimo passo avanti dovrà passare per le prestazioni dei set di apertura.

Codeluppi schiera Chakravorti in regia con Dimitrov opposto, Rossatti – Reyes in posto quattro, Sesto e Fall al centro con Cereda libero.

Marzola risponde con il classico starting6 completamente rivoluzionato nel corso del match.

Nel primo set Parma si porta subito in vantaggio e allarga mano a mano il divario con Bologna. Quando il set sembra completamente a senso unico i cambi dalla panchina accorciano le distanze: troppo tardi.

Nel secondo parziale le due compagini si scontrano punto a punto fino a quando i turni al servizio di Dimitrov e Sesto segnano nuovamente il vantaggio parmigiano.

Nel terzo set la storia sembra ripetersi ma, nonostante il 9-2 della fase iniziale, Bologna allunga le azioni e la prestazione in difesa fino a centrare il pareggio in chiusura di set. Guerrini e Lugli guidano la Geetit e riaprono il match.

La quarta frazione di gioco vede Guerrini e compagni in grande spolvero mantenere le redini per l’intera durata.

Il match in pillole:

Il match si apre con un rapido cambio palla da entrambi i lati con gli attacchi di Dimitrov e Maletti: 3-3.

Sul turno al servizio di Reyes Parma trova il primo allungo del match sul 5-3 e trascina il + 2 per tutta la fase di apertura del set, con una Bologna che fatica a chiudere in attacco e commette qualche imprecisione. Dimitrov, al servizio, c’entra l’11-8, poi Fall ferma a muro Maletti per il 14-10 che vale il primo allungo decisivo. Ancora una volta il muro parmigiano ferma l’attacco dei rossoblu e sul 16-11 Marzola cambia la regia con Govoni per Lusetti. Il tecnico felsineo chiama anche il time-out, ma al rientro il momento buio di Bologna continua a differenza dei padroni di casa ordinati in tutti i fondamentali 22-14.

Sul turno al servizio di Ballan, entrato dalla panchina per Grottoli, Bologna accorcia le distanze, grazie ad un buon sistema muro-difesa ad arginare Dimitrov. Sul parziale di 22-17 Codeluppi chiama i suoi alla panchina e Reyes lo premia con il cambio palla. Un’invasione della Geetit consegna il 24-18. Nonostante i tentativi di Orazi e Lugli, Parma si aggiudica il primo parziale sul 25-20.

Nel secondo parziale si assiste ad un faccia a faccia di alto livello con un’ottima distribuzione del gioco d entrambi i lati del campo 5-5. È ancora una volta la formazione di casa a centrare il primo allungo sul 5-8. Il turno al servizio di Ballan accorcia le distanze fino al 9-8 e la buona prestazione a muro vale il pareggio sul 10-10. La battuta è il fondamentale del secondo set, quello di Dimitrov in particolare segna nuovamente il varco per la WiMORE che allunga 14-11, quello di Sesto il 18-13. Bologna torna nuovamente in blackout e Marzola sul 20-15 sostituisce la diagonale Govoni-Lugli con Lusetti-Donati. Nonostante i tentativi di Donati e Guerrini Parma centra il setpoint sul 24-19 con il muro di Dimitrov. Il tentativi di prima intenzione di Chakravorti consegna ai parmigiani il 25-20.

Ad aprire la terza frazione di gioco la prestazione di Dimitrov che scalda gli animi del pubblico in attacco come al servizio: 5-1. L’arbitro ammonisce entrambi gli allenatori, il cartellino rosso ruota la formazione parmigiana ma non l’andamento del match: Reyes al servizio allunga 9-2. Bologna cresce nel sistema muro-difesa e accorcia fino al 9-4 ma gli errori diretti in attacco compromettono ulteriormente le sorti del match: 12-6. Guerrini ferma a muro Dimitrov sul 14-10 e Bologna accorcia nuovamente le distanze. Sul 15-12 si assiste ad una tra le prime azioni lunghe del match con Bologna che si compatta in fase difensiva ed è aggressiva in fase offensiva. Codeluppi interrompe il gioco sul 15-13 e il set prosegue con Parma che trascina il +2 fino al 17-15. L’ace di Sesto allunga 19-15 ma Bologna non molla: Guerrini chiude il 20-17 poi Lugli e Orazi trascinano i felsinei al -1 sul 21-20. Codeluppi chiama il secondo discrezionale ma Guerrini sugli scudi prima in attacco, poi al servizio guida la rimonta fino al 22-23. Un’errore dei parmigiani e il maniout di Lugli valgono il 23-25, 1-2.

Sulla scia positiva del terzo set Bologna si porta sullo 0-3 con il muro di Guerrini. Parma accorcia le distanze ma la coppia Maletti-Guerrini trascina i suoi fino al 4-9 con il conseguente timeout gialloblu. Al rientro Dimitrov si carica la squadra sulle spalle e accorcia fino al 8-9 ma non basta: Bologna non abbassa la guardia e a muro chiude il 10-13. Gli attaccanti rossoblu trascinano la squadra fino al 14-17, poi Fall in attacco e muro accorcia fino al 16-17. Quando il set sembra riaperto Bologna mette la quinta e tocca quota venti a -4 dai padroni di casa. Falla cerca nuovamente di scuotere i suoi, ma Guerrini mette la firma sul 17-22. Lo stesso schiacciatore al servizio centra il setpoint sul 17-24. Maletti concretizza il 2-2 sul 18-25.

Nel set corto mette la testa avanti Parma con Dimitrov che mette a terra il 3-1. La Geetit risponde fermando a muro prima Rossatti e poi Fall: 3-3. Il muro guida anche il primo allungo delle squadre delle due torri che con Maletti si porta sul 3-5. Si cambia campo con Bologna ancora forte del +2: 6-8. Parma pareggia i conti sul 8-8 ma Guerrini in attacco e Govoni a muro ristabiliscono l’equilibrio del set: 8-10. Codeluppi interrompe il gioco e i suoi lo premiano con il 10-10. Si prosegue faccia a faccia con Bologna che mette a terra il primo match point sul 13-14. Rossatti annulla il primo matchball con una pipe, Dimitrov con un ace segna il 14-15, Codeluppi chiude 16-14.

Marco Marzola: “C’è stata la reazione che aspettavo e speravo. Non sono contento del risultato ma soprattutto perché la reazione arriva troppo in ritardo. Siamo cresciuti a corso di partita ma ci manca sempre quel quid in più per poter vincere. Subito testa alla prossima partita in casa contro San Giustino.”