Pronto Spesa Comune, dal 1° aprile disponibili anche i prodotti di cancelleria

17

Palazzo Mercanti_500PIACENZA – Come anticipato nei giorni scorsi dal sindaco Patrizia Barbieri, si estenderà al materiale di cancelleria per uso scolastico e creativo per i bambini il servizio “Pronto Spesa Comune”, che da oltre due settimane consente, ai cittadini che ne hanno necessità, di ordinare telefonicamente e ricevere a domicilio i prodotti alimentari dei negozi convenzionati, senza costi aggiuntivi di consegna.

A partire da oggi, i titolari di cartolerie ed esercizi specializzati in prodotti per la scuola possono comunicare la propria adesione all’iniziativa, garantendo di poter provvedere autonomamente alla consegna, scrivendo direttamente all’indirizzo di posta elettronica socioricreative@comune.piacenza.it o rivolgendosi alle associazioni di categoria, Unione Commercianti e Confesercenti, che ancora una volta hanno garantito il proprio supporto organizzativo all’Amministrazione comunale per estendere, anche in quest’ambito, l’iniziativa.

Le modalità per effettuare gli ordini restano invariate anche per quanto riguarda i prodotti da cancelleria, disponibili da mercoledì 1° aprile: occorre contattare il numero 0523-492737, cui rispondono ben cinque operatori di centralino dagli uffici comunali coinvolti, dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12. L’elenco, costantemente aggiornato, delle attività interessate è consultabile sul sito web comunale, con evidenza in home page e nella sezione delle informazioni utili legate all’emergenza Coronavirus, al seguente link: www.comune.piacenza.it/prontospesa .

“Insieme al sindaco Patrizia Barbieri – spiegano gli assessori alla Formazione e ai Servizi Sociali, Jonathan Papamarenghi e Federica Sgorbati – abbiamo ritenuto che gli appelli ricevuti da tante famiglie, affinché la cancelleria e il materiale scolastico venissero inclusi tra i beni di prima necessità, meritassero una risposta concreta e tempestiva. E’ molto importante che bambini e ragazzi possano avere a disposizione tutto ciò che occorre per restare al passo con le lezioni, nonché per trascorrere il tempo in modo intelligente, dando spazio alla fantasia”.

“Come già avviene per la spesa alimentare a domicilio – aggiunge l’assessore al Commercio Stefano Cavalli – a tutti gli esercenti sarà richiesto, a tutela loro e dei cittadini che fruiscono del servizio, di dotarsi dei dispositivi di protezione individuale, mascherina e guanti, raccomandati dalle normative vigenti, privilegiando laddove possibile l’uso del Pos per i pagamenti. Grazie alla preziosa collaborazione di tutti, l’iniziativa sta funzionando a pieno ritmo e con grande correttezza”.

Se, in questa prima fase di avvio, ai titolari di cartolerie sarà richiesto di provvedere in autonomia alle consegne, per quanto riguarda i prodotti alimentari continua ad essere determinante, come aveva evidenziato nei giorni scorsi il vice sindaco Elena Baio, il sostegno garantito da Croce Rossa Italiana, Gruppi Scout e Auser, i cui volontari si sono resi disponibili per assicurare che la spesa arrivi a domicilio dei richiedenti in giornata. Per quanto concerne la cancelleria, invece, si prevede che gli ordini possano essere evasi entro due o tre giorni.