Play Off Promozione: Geetit, è Finale

7

Sabato sera l’Andata con Belluno

BOLOGNA – Geetit Pallavolo Bologna – Canottieri Volley Ongina 3-1 (25-19; 25-19; 22-25; 25-22)

BOLOGNA: Ghezzi, Maretti 15 , Govoni, Spiga 8, Del Campo 11, Marcoionni 11, Spagnol 24, Poli (L), Soglia (ne), Trigari (ne), Sabbioni (ne), Callegati (ne), Brizzi (ne), Castelli (ne), Martini (ne).

MVP: Spagnol

Ieri, 5 Giugno, al PalaLercaro la Geetit è scesa in campo per la gara di ritorno contro la Canottieri Ongina. I piacentini, forti di una vittoria interna per 3-2, hanno trovato una Bologna molto più incisiva rispetto all’andata.

Coach Asta non cambia lo spartito, Bartolomeo invece toglie Bartoli per Caci.
I primi due set sono completamente dominati dalla Geetit, Ongina fatica a trovare certezze in ricezione e attacco, Bologna impone il proprio gioco con un sistema muro-difesa che sempre l’ha contraddistinta nel corso dei playoff. Ongina, dal canto suo, non molla.

Nel terzo set la squadra ospite cresce con Miranda (top scorer tra le file piacentine) che ritrova certezza in attacco e De Biasi che sentenzia 3 muri punto importanti.

La tensione è molta: Bologna è decisa a non ripetere il risultato dell’andata, un solo set la separa della finale.
Il quarto set è equilibrato sino al 10 pari, Bologna prende il largo e si impone per 23-14, ma un break in battuta di Amorico annulla ogni vantaggio: Ongina non molla, ma la fame di vittoria di Bologna ha la meglio.
È 3-1. I felsinei sono in finale.

L’appuntamento con l’ultimo atto della corsa alla promozione alla Serie A3 è in calendario sabato 12 giugno alle ore 20.30, quando le luci del PalaLercaro di Bologna si accenderanno per ospitare il mach di Andata contro il Da Rold Logistics Belluno. I veneti si sono qualifica al quarto e ultimo turno dei play off grazie alla schiacciante vittoria su Monselice.

Coach Mauro Bartolomeo: “Non siamo riusciti a mettere in difficoltà la squadra avversaria a partire dal servizio: i nostri battitori in salto sono stati un po’ più condizionati dalle dimensioni, lo stesso Miranda non ha avuto la stessa incisività e dall’altra parte non abbiamo avuto la capacità di trasformare quei 4/5 palloni per errori del nostro palleggio che hanno generato questa situazione.Avremmo potuto portare all’ultimo set qualcosa in più ma ormai è andata”.

Coach Andrea Asta: “La soddisfazione è esagerata. Ci aspettavamo una partita dura e sapevamo che il vantaggio che aveva Ongina con gara1 era un vantaggio, ma non irrecuperabile.
Devo dire che i ragazzi hanno giocato una partita magnifica siamo stati bravi a resistere quando loro hanno spinto tantissimo. Devo infatti fare i complimenti anche ai nostri avversari che fino all’ultimo ci hanno provato. Quando a noi è tornata in cattedra la difesa e il contrattacco abbiamo fatto ottime cose”.